BAL Lazio

Aree tematiche

Dolore cronico e oppiacei: la lezione americana

Pubblicato mercoledì 2 Agosto 2017

Mentre da noi, in Italia, si parla di “oppiofobia” nel trattamento del dolore, negli Stati Uniti si denuncia una “epidemia” di abuso di farmaci oppioidi.

Negli USA si è registrato un progressivo aumento delle prescrizioni oppioidi: circa dieci milioni di persone assumono oppioidi a lungo termine per il dolore cronico e nel 2015 si sono verificati 33mila decessi per overdose da oppioidi.

I Centers for Disease Control and Prevention raccomandano di ridurre i dosaggi quando i rischi superano i benefici e nel 2016 hanno pubblicato delle linee guida per la prescrizione degli oppioidi nel dolore cronico. Le 12 raccomandazioni sono state sintetizzate sul sito dell’ISS EpiCentro:

  1. una terapia non farmacologica e una terapia farmacologica non oppiacea è da preferire nel trattamento del dolore cronico
  2. prima di iniziare una terapia per il dolore cronico con oppiacei, i medici dovrebbero stabilire degli obiettivi di trattamento con i pazienti
  3. prima e durante una terapia con oppiacei, i medici dovrebbero discutere con i pazienti i rischi e i benefici associati alla terapia con tali farmaci
  4. quando si decide di iniziare una terapia con farmaci oppiacei, i medici dovrebbero prescrivere formulazioni a rilascio immediato
  5. quando si decide di cominciare una terapia con farmaci oppiacei, i medici dovrebbero prescrivere la dose minima efficace
  6. quando gli oppiacei sono usati per trattare un dolore acuto, i medici dovrebbero prescrivere la dose minima efficace per la durata prevista della sintomatologia dolorosa (spesso 3 giorni, o meno)
  7. i medici dovrebbero valutare con i pazienti i benefici e i danni dopo 1-4 settimane dall’inizio della terapia o dall’aumento della dose, in caso di una terapia prolungata ogni tre mesi o più frequentemente
  8. prima e durante la terapia con oppiacei, i medici dovrebbero valutare per ogni paziente i fattori di rischio per i potenziali danni associati
  9. i medici dovrebbero esaminare la cronologia delle prescrizioni per determinare se il paziente sta ricevendo un dosaggio o una combinazione di oppiacei ad alto rischio di overdose
  10. prima dell’inizio della terapia, e almeno una volta all’anno durante la terapia i medici dovrebbero sottoporre il paziente a un test tossicologico delle urine per analizzare i farmaci prescritti, altri farmaci ed eventuale assunzione di droghe
  11. i medici dovrebbero evitare di prescrivere contemporaneamente analgesici oppiacei e benzodiazepine
  12. i medici dovrebbero fornire ai pazienti con disturbo da uso di oppiacei un trattamento basato sull’evidenza clinica.

Una revisione sistematica pubblicata sugli Annals of Internal Medicine ha sintetizzato gli studi sull’efficacia delle strategie per ridurre o sospendere la terapia con oppioidi a lungo termine (long-term opioid therapy, LTOT).

Sono stati selezionati 67 studi, 11 studi randomizzati controllati, 8 studi osservazionali con gruppo di controllo e 48 studi osservazionali senza gruppo di controllo, che riportano dati su 12546 pazienti. Gli interventi presi in esame riguardavano terapie farmacologiche (buprenorfina), interventi comportamentali, programmi multidisciplinari per la gestione del dolore, agopuntura.

Gli otto studi di qualità accettabile (fair) individuati hanno riportato, dopo una riduzione delle dosi degli oppiacei, un miglioramento nella severità del dolore, nella funzionalità e nella qualità di vita. Nei 3 studi di buona qualità sugli interventi comportamentali e negli 11 di qualità accettabile su programmi interdisciplinari di gestione del dolore, i pazienti hanno ricevuto un’assistenza basata su strategie non-farmacologiche e di self-management.

Nel complesso, i risultati della review suggeriscono che dolore, funzionalità e qualità di vita possono migliorare durante e dopo la riduzione delle dosi di oppioidi. Quali i motivi? In primo luogo, suggeriscono gli autori, la maggior parte degli interventi, oltre a diminuire le dosi, contemplava una gestione del dolore senza oppiacei; in secondo luogo, la riduzione delle dosi potrebbe alleviare gli effetti avversi della LTOT, come fatica, stipsi, disturbi del sonno e depressione, che possono influire negativamente sulla funzionalità e sulla qualità di vita. In terzo luogo, i miglioramenti possono essere dovuti alla risoluzione dell’iperalgesia indotta da oppioidi, un effetto paradosso per cui i pazienti in terapia con oppioidi sono più sensibili agli stimoli dolorosi. Non si può tuttavia escludere, data la natura osservazionale della maggior parte degli studi, che un certo numero di pazienti sia riuscito a ridurre la dose proprio perché la severità del dolore era diminuita.

“Nell’ambito della terapia a base di oppioidi, la sicurezza dei pazienti e il sollievo dal dolore sono stati considerati in conflitto, in quanto obiettivi che si escludevano a vicenda”. I dati di questa review potrebbero modificare il discorso su questo argomento. Probabilmente in Italia, almeno per ora, non c’è un rischio di eccesso di prescrizioni. Può essere utile tuttavia imparare dall’esperienza americana che suggerisce cautela e sorveglianza.

Fonti
Frank J et al. Patient Outcomes in Dose Reduction or Discontinuation of Long-Term Opioid Therapy: A Systematic Review, Annals of Internal Medicine, 18 July 2017.
Dowell D, Haegerich TM, Chou R. CDC Guideline for Prescribing Opioids for Chronic Pain — United States, 2016. MMWR Recomm Rep 2016;65(No. RR-1):1–49. DOI: http://dx.doi.org/10.15585/mmwr.rr6501e1
EpiCentro, Su Jama le linee guida americane sulla prescrizione dei farmaci oppiacei nella terapia del dolore cronico, 24 marzo 2016.
AIFA, Abuso di farmaci oppioidi: una strategia regolatoria globale per mitigare il fenomeno, 17/06/2016.

Tagged , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Accedi agli articoli

Cascino TM, Somanchi S, Colvin M et al. Racial and sex inequities in the use of and outcomes after left ventricular assist device implantation among medicare beneficiaries. JAMA Netw Open 2022;5(7):e2223080.

Ma H et al. Adding salt to foods and hazard of premature mortality. Eur Heart J. 2022 Jul 10:ehac208. doi: 10.1093/eurheartj/ehac208. Epub ahead of print. PMID: 35808995.

Clarke PM et al. The comparative mortality of an elite group in the long run of history: an observational analysis of politicians from 11 countries. Eur J Epidemiol 2022:23:1-9.

Wang P et al. Associations between long-term drought and diarrhea among children under five in low- and middle-income countries. Nat Commun 2022;13(1):3661.

McDonagh MS et al. Cannabis-based products for chronic pain : a systematic review. Ann Intern Med. 2022 Jun 7. doi: 10.7326/M21-4520. Epub ahead of print. PMID: 35667066.

Global Burden of Disease 2019 Cancer Collaboration et al. Cancer Incidence, Mortality, Years of Life Lost, Years Lived With Disability, and Disability-Adjusted Life Years for 29 Cancer Groups From 2010 to 2019: A Systematic Analysis for the Global Burden of Disease Study 2019. JAMA Oncol 2022;8(3):420-444.

Dehmer SP et al. Aspirin use to prevent cardiovascular disease and colorectal cancer: a decision analysis: technical report [Internet]. Rockville (MD): Agency for Healthcare Research and Quality (US); 2015 Sep. Report No.: 15-05229-EF-1.

Ezekowitz JA et al.; SODIUM-HF Investigators. Reduction of dietary sodium to less than 100 mmol in heart failure (SODIUM-HF): an international, open-label, randomised, controlled trial. Lancet 2022:S0140-6736(22)00369-5.

Fang Z et al. The role of mendelian randomization studies in deciphering the effect of obesity on cancer. JNCI: Journal of the National Cancer Institute 2022; 114 (3); 361-71.

Wong Chung JERE et al. Time to functional recovery after laser tonsillotomy performed under local anesthesia vs conventional tonsillectomy with general anesthesia among adults: a randomized clinical trial. JAMA Netw Open 2022;5(2):e2148655. JAMA Netw Open. 2022;5(2):e2148655.

Sundbøll J. Risk of parkinson disease and secondary parkinsonism in myocardial infarction survivors. Journal of the American Heart Association 2022; doi: 10.1161/JAHA.121.022768

Ferroni E et al. Gender related differences in gastrointestinal bleeding with oral anticoagulation in atrial fibrillation. J Cardiovasc Pharmacol Ther 2022;27:10742484211054609.

Una finestra sull’open access

  • BMC Family Practice
  • BMC Medical Education
  • BMC Nursing
  • BMJ Open
  • PLOS Medicine