BAL Lazio

Notizie

Endpoint surrogati e nuovi farmaci oncologici: innovativo è uguale a efficace?

Pubblicato lunedì 5 Settembre 2022

I nuovi farmaci antitumorali riducono sostanzialmente il rischio di morte e di progressione del tumore, ma estendono solo marginalmente la sopravvivenza dei pazienti.

Un’analisi dei dati di efficacia provenienti dagli studi clinici sui nuovi farmaci oncologici che ha supportato l’approvazione iniziale e supplementare di 124 farmaci antitumorali per 374 indicazioni da parte della Food and Drug Administration (FDA) statunitense ha dimostrato che i nuovi farmaci antitumorali hanno ridotto significativamente il rischio di morte del 27% e il rischio di progressione del tumore del 43% rispetto al controllo. Tuttavia, la sopravvivenza globale (OS) e la sopravvivenza libera da progressione (PFS) hanno mostrato un margine di miglioramento di una mediana di 2,80 e 3,30 mesi. Le approvazioni iniziali (initial drug approvals) hanno impedito un maggior numero di  decessi correlati alla malattia, progressioni tumorali e fornito una risposta tumorale maggiore rispetto alle estensioni delle indicazioni, ma più frequentemente sono state supportate da studi non randomizzati. In uno studio pubblicato sull’autorevole rivista Journal of Clinical Oncology il gruppo di lavoro dell’University Hospital Mannheim, Heidelberg University di Mannheim e Schumpeter School of Business and Economics, ha lanciato un importante alert sul fatto che la FDA e gli oncologi dovrebbero valutare con cautela le approvazioni iniziali dei farmaci basate su prove cliniche non solide, che potrebbero sovrastimare i risultati di efficacia.1

L’aumento dei costi ha innescato il dibattito pubblico sui benefici clinici dei farmaci antitumorali. Gli autori hanno scritto in background che, sebbene un sondaggio condotto su 4316 abitanti degli Stati Uniti abbia riferito che il 39% credeva erroneamente che la FDA approvi solo farmaci estremamente efficaci, precedenti metanalisi hanno dimostrato che i nuovi farmaci antitumorali allungano solo marginalmente la vita in media da 2 a 3 mesi. Tuttavia, queste metanalisi sono limitate alle approvazioni iniziali dei farmaci. Lo scopo di questo studio era di eseguire una metanalisi del beneficio clinico dei nuovi farmaci antitumorali in tutte le indicazioni approvate dalla FDA dal 2003 al 2021. Gli autori hanno riportato le caratteristiche del farmaco, dell’indicazione e dello studio clinico e la metanalisi degli hazard ratio (HR) per OS, PFS e rischio relativo per gli esiti della risposta tumorale.

Tra i 124 farmaci approvati dalla FDA durante il periodo di analisi, 78 sono stati approvati per più indicazioni. Delle 374 indicazioni approvate, 141 sono state approvate come terapie combinate, 255 per i tumori solidi, 121 con biomarcatori e 182 come trattamento di prima linea. L’approvazione è stata per lo più supportata da studi randomizzati controllati in aperto (71%), di fase III (64%) con una mediana di 331 pazienti arruolati.

In 234 studi randomizzati controllati con dati disponibili, gli HR dei farmaci erano 0,73 (IC 95% 0,72-0,75; I2 = 29,6%) per OS e 0,57 (IC 95% 0,54-0,60; I2 = 90,6%) per la PFS, mentre la risposta del tumore era 1,38 (IC 95% da 1,33 a 1,42; I 2 = 80,7%). I nuovi farmaci hanno aumentato la sopravvivenza dei pazienti di una mediana di 2,80 mesi (IQR 1,97-4,60 mesi) per OS e 3,30 mesi (IQR 1,50-5,58 mesi) per PFS.

Le indicazioni iniziali hanno ricevuto più frequentemente un’approvazione accelerata (accelerated approvals2), supportata da studi a braccio singolo per le monoterapie di linea avanzata, rispetto alle estensioni delle indicazioni. Le approvazioni iniziali fornivano una PFS più alta (HR 0,48 contro 0,58; p = 0,002) e una maggior risposta del tumore (rischio relativo 1,76 contro 1,36; p <0,001).

Gli autori hanno concluso che l’innovazione farmaceutica in oncologia è guidata dallo sviluppo e dall’uso di farmaci antitumorali per entità tumorali multiple piuttosto che singole. L’analisi ha mostrato che i nuovi farmaci antitumorali riducono il rischio di morte e di progressione del tumore; tuttavia, la qualità dell’evidenza e il beneficio per il paziente variano tra le indicazioni.

È importante quindi che i pazienti e i medici possano poter fare affidamento sulla competenza della FDA nel valutare che un farmaco sia sicuro ed efficace per tutte le indicazioni approvate.

I pazienti, gli assicuratori e gli enti governativi dovrebbero pagare solo per il beneficio clinico che il farmaco fornisce nel trattamento della malattia.

Gli autori consigliano ai responsabili politici di esplorare le politiche di prezzo, copertura e rimborso specifiche per indicazione.

Raffaele Giusti
UOC Oncologia Medica
Azienda Ospedaliero Universitaria Sant’Andrea, Roma.

Fonti
https://ascopubs.org/doi/full/10.1200/JCO.22.00535
https://www.fda.gov/drugs/development-approval-process-drugs

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Accedi agli articoli

Cascino TM, Somanchi S, Colvin M et al. Racial and sex inequities in the use of and outcomes after left ventricular assist device implantation among medicare beneficiaries. JAMA Netw Open 2022;5(7):e2223080.

Ma H et al. Adding salt to foods and hazard of premature mortality. Eur Heart J. 2022 Jul 10:ehac208. doi: 10.1093/eurheartj/ehac208. Epub ahead of print. PMID: 35808995.

Clarke PM et al. The comparative mortality of an elite group in the long run of history: an observational analysis of politicians from 11 countries. Eur J Epidemiol 2022:23:1-9.

Wang P et al. Associations between long-term drought and diarrhea among children under five in low- and middle-income countries. Nat Commun 2022;13(1):3661.

McDonagh MS et al. Cannabis-based products for chronic pain : a systematic review. Ann Intern Med. 2022 Jun 7. doi: 10.7326/M21-4520. Epub ahead of print. PMID: 35667066.

Global Burden of Disease 2019 Cancer Collaboration et al. Cancer Incidence, Mortality, Years of Life Lost, Years Lived With Disability, and Disability-Adjusted Life Years for 29 Cancer Groups From 2010 to 2019: A Systematic Analysis for the Global Burden of Disease Study 2019. JAMA Oncol 2022;8(3):420-444.

Dehmer SP et al. Aspirin use to prevent cardiovascular disease and colorectal cancer: a decision analysis: technical report [Internet]. Rockville (MD): Agency for Healthcare Research and Quality (US); 2015 Sep. Report No.: 15-05229-EF-1.

Ezekowitz JA et al.; SODIUM-HF Investigators. Reduction of dietary sodium to less than 100 mmol in heart failure (SODIUM-HF): an international, open-label, randomised, controlled trial. Lancet 2022:S0140-6736(22)00369-5.

Fang Z et al. The role of mendelian randomization studies in deciphering the effect of obesity on cancer. JNCI: Journal of the National Cancer Institute 2022; 114 (3); 361-71.

Wong Chung JERE et al. Time to functional recovery after laser tonsillotomy performed under local anesthesia vs conventional tonsillectomy with general anesthesia among adults: a randomized clinical trial. JAMA Netw Open 2022;5(2):e2148655. JAMA Netw Open. 2022;5(2):e2148655.

Sundbøll J. Risk of parkinson disease and secondary parkinsonism in myocardial infarction survivors. Journal of the American Heart Association 2022; doi: 10.1161/JAHA.121.022768

Ferroni E et al. Gender related differences in gastrointestinal bleeding with oral anticoagulation in atrial fibrillation. J Cardiovasc Pharmacol Ther 2022;27:10742484211054609.

Una finestra sull’open access

  • BMC Family Practice
  • BMC Medical Education
  • BMC Nursing
  • BMJ Open
  • PLOS Medicine