BAL Lazio

Notizie

Epatite C: lo screening per tutti

Pubblicato lunedì 16 Marzo 2020

Le linee guida aggiornate della Task Force US Preventive Services (USPSTF) raccomandano che tutti gli adulti di età compresa tra i 18 e i 79 anni siano sottoposti a screening per l’infezione da virus dell’epatite C. Lo screening di più adulti e adolescenti ha “sostanziali benefici netti” poiché la diagnosi precoce dell’infezione può portare all’uso precoce di trattamenti e interventi efficaci. Da notare che la nuova raccomandazione di grado B comprende anche le donne in gravidanza e che i clinici possono considerare lo screening di persone al di fuori della fascia di età 18-79 anni se sono ad alto rischio. “Il trattamento dell’HCV continua ad evolversi, con maggiori benefici e meno danni rispetto a quando la USPSTF ha preso in considerazione le prove per l’ultima volta”, sostengono le nuove raccomandazioni. “Di conseguenza, l’USPSTF ha concluso che l’estensione dell’età per lo screening dell’epatite C oltre la sua precedente raccomandazione identificherà i pazienti infetti nelle prime fasi della malattia, pazienti che potrebbero trarre grandi benefici da un trattamento efficace prima di sviluppare complicanze”.

La Task Force ha commissionato una revisione sistematica delle attuali prove sul virus dell’epatite C per aggiornare le sue precedenti raccomandazioni che risalivano al 2013. Nel 2013 USPSTF raccomandava lo screening per tutte le persone ad alto rischio e lo screening una tantum per i cosiddetti baby boomer. Ma da allora si è verificato un rapido incremento dell’incidenza della malattia tra gli adulti dai 20 ai 39 anni che si iniettano droghe.

Per arrivare a questi risultati i ricercatori hanno condotto una revisione su più di 80 studi con oltre 179.000 partecipanti. La popolazione di pazienti tra gli studi per lo screening era costituita da adulti e adolescenti asintomatici senza precedente infezione da HCV.

Nel 2016, l’Oms ha fissato l’obiettivo di eliminare l’epatite virale, sia B che C, come grave minaccia pubblica entro il 2030. L’eliminazione è definita come una riduzione del 90% delle nuove infezioni croniche e una riduzione del 65% dei decessi rispetto a uno scenario in cui gli interventi continuerebbero al livello in cui erano nel 2015.

“Il raggiungimento degli obiettivi dell’OMS 2030 per la riduzione delle nuove infezioni da epatite C e l’aumento dei trattamenti avrà più probabilità di successo se un numero maggiore di clinici di assistenza primaria e specialisti delle dipendenze si unirà agli importanti sforzi per fare screening, trattare e ottenere una cura”, hanno commentato Camilla Graham (Israel Deaconess Medical Center e Harvard Medical School, e Stacey Trooskin (Penn Medicine) nell’editoriale d’accompagnamento

Fonte
US Preventive Services Task Force et al.. Screening for hepatitis C virus infection in adolescents and adults: US Preventive Services Task Force Recommendation Statement. JAMA 2020 Mar 2. doi: 10.1001/jama.2020.1123. [Epub ahead of print]

Archiviato in ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Accedi agli articoli

US Preventive Services Task Force et al. Screening for hepatitis C virus infection in adolescents and adults: US Preventive Services Task Force Recommendation Statement. JAMA 2020 Mar 2. doi: 10.1001/jama.2020.

Sterling TR et al. Guidelines for the Treatment of latent tuberculosis infection: recommendations from the National Tuberculosis Controllers Association and CDC, 2020. MMWR Recomm Rep 2020;69(1):1-11.1123. [Epub ahead of print]

Wakeman SE et al. Comparative effectiveness of different treatment pathways for opioid use disorder. JAMA Netw Open 2020;3(2):e1920622.

Litonjua AA et al. Six-year follow-up of a trial of antenatal vitamin d for asthma reduction. N Engl J Med 2020;382(6):525-533.

Corder K et al. Becoming a parent: A systematic review and meta-analysis of changes in BMI, diet, and physical activity. Obes Rev 2020 Jan 19. doi: 10.1111/obr.12959. [Epub ahead of print]

Winpenny EM et al. Changes in physical activity, diet, and body weight across the education and employment transitions of early adulthood: A systematic review and meta-analysis. Obes Rev 2020 Jan 19. doi: 10.1111/obr.12962. [Epub ahead of print]

Fralick M et al. Assessing the risk for gout with sodium-glucose cotransporter-2 inhibitors in patients with type 2 diabetes: a population-based cohort study. Ann Intern Med 2020 Jan 14. doi: 10.7326/M19-2610. [Epub ahead of print]

Una finestra sull’open access

  • BMC Family Practice
  • BMC Medical Education
  • BMC Nursing
  • BMJ Open
  • PLOS Medicine

Reset della password

Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.