BAL Lazio

Notizie

Esposizione agli inquinanti ambientali e sindrome metabolica in adolescenza

Pubblicato mercoledì 12 Maggio 2021

Da uno studio del Barcelona Institute for Global Health (ISGlobal) pubblicato su Environment International emerge che l’esposizione prenatale ai POP (inquinanti organici persistenti) – pesticidi organoclorurati, prodotti chimici industriali, ecc. – può aumentare il rischio nell’adolescenza di disturbi metabolici, come l’obesità e l’ipertensione.

I POP sono sostanze chimiche tossiche che resistono alla degradazione che persistono nell’ambiente. Esempi di tali composti sono i pesticidi e gli insetticidi organoclorurati (DDT, ecc.). I POP hanno effetti negativi sia sulla salute umana che sull’ambiente e il loro utilizzo è regolamentato a livello globale.

L’esposizione prenatale ai POP è stata associata già in passato a fattori di rischio cardiometabolici nell’infanzia, ma mancavano ricerche in grado di valutare se le associazioni continuassero nell’adolescenza.

Lo studio – su 379 bambini che vivono a Minorca seguiti da prima della nascita fino al raggiungimento dei 18 anni – si è occupato delle associazioni tra l’esposizione prenatale ai POP, l’indice di massa corporea (BMI) e altri marker di rischio cardiovascolare nell’adolescenza I bambini in studio, a diversi follow up, sono stati sottoposti ad una serie di misure antropometriche, al controllo della pressione arteriosa e all’analisi di biomarcatori di obesità giovanile e di insulino-resistenza.

Dai risultati della ricerca l’associazione tra l’esposizione prenatale a POP e un BMI è più elevato nell’adolescenza, in modo particolare nel caso dell’esaclorobenzene (HCB) e del composto insetticida dicloro-difenil-tricloroetano (DDT).

Da notare anche che l’esposizione a HCB e DDT è stata anche associata a una pressione sanguigna più alta nell’infanzia e nell’adolescenza e a un aumento del rischio cardiometabolico a 14 anni di età.

In sintesi, quindi, i risultati mostrano che l’associazione tra queste sostanze e il BMI infantile persiste nell’adolescenza e che le esposizioni prenatali sono associate ai principali fattori di rischio per la sindrome metabolica da adulti, una condizione diffusissima (una persona su quattro in tutto il mondo ne soffre).

“Alcune di queste sostanze potrebbero essere considerate interferenti endocrini, cioè sostanze chimiche che interferiscono con la regolazione ormonale”, sottolinea Martine Vrijheid, coordinatrice dello studio e responsabile del programma Childhood and Environment di ISGlobal, “sono necessari ulteriori studi in questo campo, con particolare attenzione all’infanzia e all’adolescenza, fasi critiche dello sviluppo caratterizzate da una particolare vulnerabilità”.

Fonte
Güil-Oumrait N. Prenatal exposure to persistent organic pollutants and markers of obesity and cardiometabolic risk in Spanish adolescents. Environment International 2021; 151: 106469.

Tagged , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Accedi agli articoli

Cascino TM, Somanchi S, Colvin M et al. Racial and sex inequities in the use of and outcomes after left ventricular assist device implantation among medicare beneficiaries. JAMA Netw Open 2022;5(7):e2223080.

Ma H et al. Adding salt to foods and hazard of premature mortality. Eur Heart J. 2022 Jul 10:ehac208. doi: 10.1093/eurheartj/ehac208. Epub ahead of print. PMID: 35808995.

Clarke PM et al. The comparative mortality of an elite group in the long run of history: an observational analysis of politicians from 11 countries. Eur J Epidemiol 2022:23:1-9.

Wang P et al. Associations between long-term drought and diarrhea among children under five in low- and middle-income countries. Nat Commun 2022;13(1):3661.

McDonagh MS et al. Cannabis-based products for chronic pain : a systematic review. Ann Intern Med. 2022 Jun 7. doi: 10.7326/M21-4520. Epub ahead of print. PMID: 35667066.

Global Burden of Disease 2019 Cancer Collaboration et al. Cancer Incidence, Mortality, Years of Life Lost, Years Lived With Disability, and Disability-Adjusted Life Years for 29 Cancer Groups From 2010 to 2019: A Systematic Analysis for the Global Burden of Disease Study 2019. JAMA Oncol 2022;8(3):420-444.

Dehmer SP et al. Aspirin use to prevent cardiovascular disease and colorectal cancer: a decision analysis: technical report [Internet]. Rockville (MD): Agency for Healthcare Research and Quality (US); 2015 Sep. Report No.: 15-05229-EF-1.

Ezekowitz JA et al.; SODIUM-HF Investigators. Reduction of dietary sodium to less than 100 mmol in heart failure (SODIUM-HF): an international, open-label, randomised, controlled trial. Lancet 2022:S0140-6736(22)00369-5.

Fang Z et al. The role of mendelian randomization studies in deciphering the effect of obesity on cancer. JNCI: Journal of the National Cancer Institute 2022; 114 (3); 361-71.

Wong Chung JERE et al. Time to functional recovery after laser tonsillotomy performed under local anesthesia vs conventional tonsillectomy with general anesthesia among adults: a randomized clinical trial. JAMA Netw Open 2022;5(2):e2148655. JAMA Netw Open. 2022;5(2):e2148655.

Sundbøll J. Risk of parkinson disease and secondary parkinsonism in myocardial infarction survivors. Journal of the American Heart Association 2022; doi: 10.1161/JAHA.121.022768

Ferroni E et al. Gender related differences in gastrointestinal bleeding with oral anticoagulation in atrial fibrillation. J Cardiovasc Pharmacol Ther 2022;27:10742484211054609.

Una finestra sull’open access

  • BMC Family Practice
  • BMC Medical Education
  • BMC Nursing
  • BMJ Open
  • PLOS Medicine