BAL Lazio

Notizie

Farmaci per l’epilessia nei pazienti di nuova diagnosi: qual è il migliore?

Pubblicato giovedì 15 Aprile 2021

Secondo uno studio inglese pubblicato su The Lancet il valproato è emerso come la migliore scelta di prima linea per l’epilessia generalizzata e la lamotrigina come il miglior trattamento di prima linea per l’epilessia focale.

Le conclusioni sono arrivate dallo studio multicentrico, randomizzato di fase IV  “Standard and New Antiepileptic Drugs” (SANAD II), diviso in due parti: uno studio con levetiracetam e valproato in pazienti con epilessia generalizzata di nuova diagnosi e uno studio con levetiracetam, lamotrigina e zonisamide in pazienti con epilessia focale di nuova diagnosi.

Lo studio
Nei pazienti con epilessia generalizzata o non classificata (520 soggetti, età mediana 13,9 anni), l’analisi intention to treat per l’esito tempo di remissione a 12 mesi ha mostrato che il levetiracetam non ha soddisfatto i criteri di non inferiorità rispetto al valproato (HR 1,19, IC 95% 0,96-1,47).

L’analisi per protocol, che teneva conto del fallimento del trattamento, ha stabilito che il valproato è superiore al levetiracetam (HR 1,68, IC 95% 1,30-2,15), una superiorità confermata anche dal rapporto costo-efficacia.

Tra i pazienti di nuova diagnosi con epilessia focale (990 soggetti, età media 39,3 anni) invece levetiracetam non ha soddisfatto i criteri di non inferiorità nell’analisi intent-to-treat per la remissione a 12 mesi rispetto alla lamotrigina (HR 1,18, 97,5% CI 0,95-1,47, margine di non inferiorità 1,314), mentre zonisamide sì (HR 1,03, 97,5% 0,83-1,28).

L’analisi per protocol ha mostrato che la remissione a 12 mesi era superiore con lamotrigina rispetto a levetiracetam (HR 1,32, 97,5% CI 1,05-1,66) o zonisamide (HR 1,37, 97,5% 1,08-1,73). La lamotrigina è risultata superiore a entrambi i farmaci nelle analisi costo-utilità.

“Le prove disponibili mostrano che il valproato è clinicamente ed economicamente più vantaggioso sia della lamotrigina che del levetiracetam”, spiegano gli autori. “Il levetiracetam è stato ampiamente adottato nel Regno Unito e in tutto il mondo come trattamento di prima linea per l’epilessia focale, ma non dobrebbe accadere in quanto non è migliore della lamotrigina né dal punto di vista clinicoco né del rapporto costo efficacia”, hanno aggiunto.

Il fatto che in SANAD II, levetiracetam sia inferiore al valproato in tutte le misure di efficacia crea però, di fatto, un problema per il trattamento dei pazienti di sesso femminile con epilessia generalizzata, a causa del potenziale teratogeno del valproato. Negli Stati Uniti, per esempio, la FDA ha avvertito che i bambini nati da donne che usano valproato in gravidanza possono avere uno sviluppo cognitivo compromesso, mettendo in guardia tutte le donne in età fertile sull’uso di valproato durante la gravidanza a causa dei noti rischi di difetti alla nascita.”.

Limiti dello studio
Lo studio aveva diversi limiti. Innanzitutto le segnalazioni di crisi epilettiche sono state raccolte tramite diari e visite cliniche e alcune crisi potrebbero essere state perse. C’è da segnalare poi che i medici coinvolti nello studio SANAD II hanno scelto e aggiustato le dosi in base alla loro pratica abituale e i farmaci più recenti non sono stati valutati.

Fonte
Marson A, Burnside G, Appleton R, et al.; SANAD II collaborators. The SANAD II study of the effectiveness and cost-effectiveness of valproate versus levetiracetam for newly diagnosed generalised and unclassifiable epilepsy: an open-label, non-inferiority, multicentre, phase 4, randomised controlled trial. Lancet 2021;397(10282):1375-1386.
Marson A, Burnside G, Appleton R, et al.; SANAD II collaborators. The SANAD II study of the effectiveness and cost-effectiveness of levetiracetam, zonisamide, or lamotrigine for newly diagnosed focal epilepsy: an open-label, non-inferiority, multicentre, phase 4, randomised controlled trial. Lancet 2021;397(10282):1363-1374.

Tagged ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Accedi agli articoli

Addis A, Amato L, Cruciani F, et al. The Standard of Care definitions on COVID-19 pharmacological clinical trials: A systematic review. Frontiers in Pharmacology 2021;2712.

Grummitt LR et al. Association of childhood adversity with morbidity and mortality in US adults: a systematic Review. JAMA Pediatr. Published online October 04, 2021.

Garutti M et al. Checkpoint inhibitors, fertility, pregnancy, and sexual life: a systematic review. ESMO Open 2021;6(5):100276.

Hauptman M et al. Individual- and community-level factors associated with detectable and elevated blood lead levels in US children: results from a national clinical laboratory. JAMA Pediatr. Published online September 27, 2021. doi:10.1001/jamapediatrics.2021.3518

Marcus GM et al. Acute consumption of alcohol and discrete atrial fibrillation events. Ann Intern Med 2021 Aug 31. doi: 10.7326/M21-0228. Epub ahead of print. PMID: 34461028.

Fakir AMS et al. Pandemic catch-22: the role of mobility restrictions and institutional inequalities in halting the spread of COVID-19. PLOS ONE 2021; 16(6): e0253348.

Alemany S, Avella-García C, Liew Z, et al. Prenatal and postnatal exposure to acetaminophen in relation to autism spectrum and attention-deficit and hyperactivity symptoms in childhood: Meta-analysis in six European population-based cohorts. Eur J Epidemiol (2021). https://doi.org/10.1007/s10654-021-00754-4

Salazar de Pablo G et al. Universal and selective interventions to prevent poor mental health outcomes in young people: systematic review and meta-analysis. Harvard Review of Psychiatry 2021;29 (3) 196-215.

Currie JM et al. Prescribing of opioid analgesics and buprenorphine for opioid use disorder during the covid-19 pandemic. JAMA Netw Open 2021;4(4):e216147.

Una finestra sull’open access

  • BMC Family Practice
  • BMC Medical Education
  • BMC Nursing
  • BMJ Open
  • PLOS Medicine

Reset della password

Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.