BAL Lazio

Notizie

Fattori di rischio cardiovascolare e gravidanza

Pubblicato lunedì 26 Luglio 2021

Una relazione forte e diretta tra la salute del cuore delle donne e gli esiti della gravidanza. A questi risultati è arrivato uno studio su oltre 18 milioni di gravidanze (età media 28,6 anni) pubblicato sullo European Journal of Preventive Cardiology, una rivista della European Society of Cardiology (ESC).

I ricercatori hanno preso in esame la presenza di quattro fattori di rischio per le malattie cardiovascolari nelle donne prima della gravidanza: peso corporeo non sano, fumo, ipertensione e diabete. La probabilità di complicanze chiave della gravidanza – ricovero in unità di terapia intensiva materna, parto pretermine, basso peso alla nascita e morte fetale – è aumentata in modo incrementale in base al numero di fattori di rischio cardiovascolare pre-gravidanza.

Singoli fattori di rischio cardiovascolare, come l’obesità e l’ipertensione, presenti prima della gravidanza sono stati associati a risultati negativi sia per la madre che per il bambino. Lo studio mostra ora una relazione diretta tra il numero di fattori di rischio e le diverse complicanze. Dati che sottolineano che il miglioramento della salute generale del cuore prima della gravidanza deve essere una priorità”, commenta l’autore dello studio, Sadiya Khan (Northwestern University Feinberg School of Medicine, Chicago, USA).

Lo studio consiste un’analisi dei dati materni e fetali del National Center for Health Statistics (NCHS) degli Stati Uniti, che raccoglie informazioni su tutti i nati vivi e le morti fetali dopo 20 settimane di gestazione. I dati a livello individuale sono stati raccolti dalle nascite da donne di età compresa tra 15 e 44 anni dal 2014 al 2018.

I dati raccolti riguardavano la presenza o assenza di quattro fattori di rischio cardiovascolare prima della gravidanza: indice di massa corporea (BMI; inferiore a 18,5 kg/m2 o superiore a 24,9 kg/m2), fumo, ipertensione e diabete. Le donne sono state classificate in base al numero dei fattori di rischio 0, 1, 2, 3 o 4. I ricercatori hanno stimato i rischi relativi di ricovero in terapia intensiva materna, parto pretermine (prima di 37 settimane), basso peso alla nascita (sotto i 2500 g) e morte fetale associati a fattori di rischio (1, 2, 3 o 4) rispetto a nessun fattore di rischio (0). Tutte le analisi sono state aggiustate per età materna al momento del parto, razza/etnia, istruzione, cure prenatali, parità e pluralità di nascite.

Rispetto alle donne senza fattori di rischio pre-gravidanza, quelle con tutti e quattro i fattori di rischio (3242 donne) avevano un rischio circa 5,8 volte maggiore di ricovero in terapia intensiva, 3,9 volte maggiore di parto pretermine, 2,8 volte maggiore di basso peso alla nascita e 8,7 volte maggiore di morte fetale.

L’analisi è stata fatta anche considerando soltanto le donne primipare (e quindi escludendo quelle con precedenti gravidanze) – ma il risultato è stato lo stesso. “Abbiamo condotto questa analisi poiché le donne con una prima gravidanza complicata hanno maggiori probabilità di avere complicazioni nelle gravidanze successive”, spiega Kahn, “Inoltre, l’aumento di peso gestazionale può portare a un BMI più elevato nella gravidanza successiva. Abbiamo visto risultati molto simili che rafforzano quelli nell’intera coorte”.

“I livelli di obesità pre-gravidanza e ipertensione sono in aumento e ci sono alcune indicazioni che le donne stanno acquisendo fattori di rischio cardiovascolare in età più precoce rispetto a prima. Inoltre, le gravidanze si verificano più tardi nella vita, dando ai fattori di rischio più tempo per accumularsi. Presi insieme, questo ha creato una tempesta perfetta di più fattori di rischio, esordio precoce e gravidanze successive“.

Fonte
Khan S. Association of pre-pregnancy cardiovascular risk factor burden with adverse maternal and offspring outcomes. European Journal of Preventive Cardiology 2021; zwab121, https://doi.org/10.1093/eurjpc/zwab121

Tagged , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Accedi agli articoli

Slomski A. Thousands of US youths cope with the trauma of losing parents to COVID-19. JAMA. Published online November 17, 2021.

Hillis SD, Blenkinsop A, Villaveces A, et al. COVID-19-associated orphanhood and caregiver death in the United States. Pediatrics. 2021 Oct 7:e2021053760.

Hillis S, Unwin J, Cluver L, et al. Children: the hidden pandemic 2021: a joint report of COVID-19-associated orphanhood and a strategy for action. Lancet 2021; 398:391-402.

Fu M, Naci H, Booth CM, et al. Real-world use of and spending on new oral targeted cancer drugs in the US, 2011-2018. JAMA Intern Med 2021 Oct 18; doi:10.1001/jamainternmed.2021.5983

Addis A, Amato L, Cruciani F, et al. The Standard of Care definitions on COVID-19 pharmacological clinical trials: A systematic review. Frontiers in Pharmacology 2021;2712.

Grummitt LR et al. Association of childhood adversity with morbidity and mortality in US adults: a systematic Review. JAMA Pediatr. Published online October 04, 2021.

Garutti M et al. Checkpoint inhibitors, fertility, pregnancy, and sexual life: a systematic review. ESMO Open 2021;6(5):100276.

Hauptman M et al. Individual- and community-level factors associated with detectable and elevated blood lead levels in US children: results from a national clinical laboratory. JAMA Pediatr. Published online September 27, 2021. doi:10.1001/jamapediatrics.2021.3518

Marcus GM et al. Acute consumption of alcohol and discrete atrial fibrillation events. Ann Intern Med 2021 Aug 31. doi: 10.7326/M21-0228. Epub ahead of print. PMID: 34461028.

Fakir AMS et al. Pandemic catch-22: the role of mobility restrictions and institutional inequalities in halting the spread of COVID-19. PLOS ONE 2021; 16(6): e0253348.

Una finestra sull’open access

  • BMC Family Practice
  • BMC Medical Education
  • BMC Nursing
  • BMJ Open
  • PLOS Medicine

Reset della password

Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.