BAL Lazio

Notizie

Fibrillazione atriale: farmaci a confronto

Pubblicato martedì 28 Giugno 2016

Quale l’efficacia di due diversi farmaci in pazienti con fibrillazione atriale politrattati?

Un quesito importante, dal momento che il numero delle persone con fibrillazione atriale aumenta con l’età, e con l’età aumenta anche il numero delle persone che assumono più farmaci. E infatti le persone con FA assumono in media da 4 a 6 farmaci: situazione che delinea un quadro caratterizzato da fragilità e da esposizione a possibili interazioni tra farmaci.

Per rispondere a tale quesito, è stata eseguita una analisi a posteriori dei risultati dello studio, sponsorizzato Bristol-Myers Squibb, ARISTOTLE (apixaban for reduction in stroke and other thromboembolic events in atrial fibrillation), un trial multicentrico (al quale ha partecipato anche l’Italia, con 17 centri), in doppio cieco, iniziato nel 2006 e terminato nel 2011, con 18201 partecipanti.

Il quesito clinico: pur essendo l’apixaban più sicuro ed efficace nei soggetti con fibrillazione atriale, questo rimane vero anche in quelli politrattati?

Nello studio ARISTOTLE i soggetti arruolati sono stati randomizzati a ricevere 5 mg di apixaban (2 volte al giorno) (n=9120) o warfarin (Rapporto Internazionale Normalizzato (INR)  2.0-3.0; n=9081). Nell’analisi post hoc i soggetti sono stati divisi in gruppi e seconda del numero di trattamenti farmacologici usati al basale: da 0 a 5 farmaci, da 6 a 8,  più di 9, con un follow-up medio di 1.8 anni.

I principali risultati: ogni paziente usava in media 6 farmaci; 13 932 (76.5%) soggetti assumevano più di 5 farmaci. I soggetti che assumevano più farmaci erano quelli anziani, di sesso femminile e statunitensi. Il numero di comorbidità aumentava in tutti i gruppi in relazione al numero di farmaci assunti, così come aumentavano le proporzioni di soggetti trattati con farmaci che interagiscono con warfarin o apixaban. Con l’aumentare dei farmaci, crescevano anche i tassi di ictus e embolia sistemica (1.29, 1.48, e 1.57 per 100 anni-paziente, per una quantità di farmaci pari a 0-5, 6-8, e ≥9, rispettivamente) e anche la mortalità per tutte le cause. Si sarebbero osservate riduzioni del rischio relativo di ictus o embolia sistemica a vantaggio di apixaban, a prescindere dal numero di farmaci assunti in concomitanza. Tra i soggetti che assumevano farmaci che interagivano (con effetto di potenziamento) con warfarin o apixaban non sono state evidenziate differenze negli esiti del trattamento.

Tre quarti dei partecipanti al trial ARISTOTLE erano politrattati: come prevedibile, i soggetti che assumevano un numero maggiore di farmaci presentavano maggiori comorbidità, assumevano più farmaci che interagivano tra loro, avevano una maggiore mortalità e più complicazioni di tipo tromboembolico ed emorragico. In particolare, per quanto riguarda la fibrillazione atriale, “l’apixaban è risultato più efficace del warfarin e almeno altrettanto sicuro”, concludono gli autori.

Fonte:
Focks JJ. Polypharmacy and effects of apixaban versus warfarin in patients with atrial fibrillation: post hoc analysis of the ARISTOTLE trial. BMJ 2016;353:i2868

Leggi anche:
AIFA. NICE: anticoagulanti al posto dell’aspirina per la prevenzione dell’ictus. Pillole dal mondo, 14/07/2015.
Nota informativa dell’Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA) sull’impiego dei nuovi anticoagulanti orali (NAO), 22/07/2015.

Tagged , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Accedi agli articoli

Dehmer SP et al. Aspirin use to prevent cardiovascular disease and colorectal cancer: a decision analysis: technical report [Internet]. Rockville (MD): Agency for Healthcare Research and Quality (US); 2015 Sep. Report No.: 15-05229-EF-1.

Ezekowitz JA et al.; SODIUM-HF Investigators. Reduction of dietary sodium to less than 100 mmol in heart failure (SODIUM-HF): an international, open-label, randomised, controlled trial. Lancet 2022:S0140-6736(22)00369-5.

Fang Z et al. The role of mendelian randomization studies in deciphering the effect of obesity on cancer. JNCI: Journal of the National Cancer Institute 2022; 114 (3); 361-71.

Wong Chung JERE et al. Time to functional recovery after laser tonsillotomy performed under local anesthesia vs conventional tonsillectomy with general anesthesia among adults: a randomized clinical trial. JAMA Netw Open 2022;5(2):e2148655. JAMA Netw Open. 2022;5(2):e2148655.

Sundbøll J. Risk of parkinson disease and secondary parkinsonism in myocardial infarction survivors. Journal of the American Heart Association 2022; doi: 10.1161/JAHA.121.022768

Ferroni E et al. Gender related differences in gastrointestinal bleeding with oral anticoagulation in atrial fibrillation. J Cardiovasc Pharmacol Ther 2022;27:10742484211054609.

Lowenstein M et al. Sustained implementation of a multicomponent strategy to increase emergency department-initiated interventions for opioid use disorder. Ann Emerg Med 2021:S0196-0644(21)01380-9.

Okereke OI et al. Effect of long-term supplementation with marine omega-3 fatty acids vs placebo on risk of depression or clinically relevant depressive symptoms and on change in mood scores: a randomized clinical trial. JAMA 2021;326(23):2385-2394.

Gaillard EA et al. European Respiratory Society clinical practice guidelines for the diagnosis of asthma in children aged 5-16 years. Eur Respir J 2021;58(5):2004173.

Slomski A. Thousands of US youths cope with the trauma of losing parents to COVID-19. JAMA. Published online November 17, 2021.

Hillis SD, Blenkinsop A, Villaveces A, et al. COVID-19-associated orphanhood and caregiver death in the United States. Pediatrics. 2021 Oct 7:e2021053760.

Una finestra sull’open access

  • BMC Family Practice
  • BMC Medical Education
  • BMC Nursing
  • BMJ Open
  • PLOS Medicine