BAL Lazio

Notizie

Fragilità e riabilitazione respiratoria

Pubblicato martedì 25 Ottobre 2016

Quale la prevalenza della fragilità tra i soggetti con broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) stabile? La fragilità si ripercuote sul completamento e sugli esiti della riabilitazione respiratoria?

In uno studio prospettico di coorte inglese pubblicato su Thorax sono stati arruolati 816 soggetti con BPCO, con una età media di 70 anni, da sottoporre a riabilitazione respiratoria  (novembre 2011-gennaio 2015) . Di questi, 209 (25.9%) erano fragili. Da notare che tale percentuale di fragilità è simile a quella che, nella popolazione generale, si rileva al di sopra dell’età di 85 anni e che era leggermente superiore nelle donne (29.7%) rispetto agli uomini (22.8% ). Nel complesso, l’84.7% dei soggetti ha partecipato al programma di riabilitazione e il 70.3% lo ha completato.

La riabilitazione durava 8 settimane e comprendeva un programma di esercizio fisico ed educativo, con due sedute sottoposte a supervisione (1 ora di esercizio e 45 minuti di educazione) e una a domicilio a settimana. Il programma di esercizi fisici era individualizzato e progressivo.

Analizzando i dati sulla base della fragilità, emerge che il programma è stato portato a termine dal 55% dei soggetti fragili, dal 74.5% di quelli pre-fragili e dall’84.1% di quelli non fragili/robusti. Alla fine del programma riabilitativo, si sono evidenziati miglioramenti significativi in tutti i gruppi di pazienti. In particolare, i 115 soggetti inizialmente classificati come “fragili” avevano migliori risposte al trattamento per quanto riguarda la sintomatologia, la performance fisica e le condizioni di salute generali. Il risultato più eclatante è che 71 (61.3%) di questi soggetti non soddisfacevano più i criteri della fragilità.

Riassumendo, dunque, circa un quarto dei soggetti con BPCO del gruppo in esame era fragile, di questi, quasi la metà ha abbandonato il programma di riabilitazione. Chi lo ha completato, però, ha avuto notevoli miglioramenti e, in più della metà dei casi, è uscito dalla condizione di fragilità.

Perché questi risultati sono importanti?
In primo luogo, è stato individuato nella fragilità un importante fattore che, per lo più a causa del deterioramento clinico e/o l’ospedalizzazione, ostacola il completamento dei programmi di riabilitazione. Ricordiamo qui che, a prescindere dalle cause, la fragilità implica un aumento di rischio di cadute, di disabilità, di ospedalizzazione e di mortalità. D’altro canto “i notevoli risultati osservati dopo il completamento del programma rappresentano uno stimolo a esplorare come sostenere meglio i soggetti fragili nel corso della riabilitazione”, osservano gli autori dello studio. Inoltre i dati “confermano l’opinione corrente secondo la quale la fragilità è una condizione trattabile. E tra i trattamenti per i quali ci sono evidenze di efficacia nella sua gestione ci sono l’esercizio fisico, il sostegno nutrizionale, strategie autogestite e riduzione della polifarmacia”.

Fonte:
Maddocks M et al. Physical frailty and pulmonary rehabilitation in COPD: a prospective cohort study. Thorax 2016;71:988-995 doi:10.1136/thoraxjnl-2016-208460

Archiviato in , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Accedi agli articoli

Collaborative Group on Hormonal Factors in Breast Cancer. Type and timing of menopausal hormone therapy and breast cancer risk: individual participant meta-analysis of the worldwide epidemiological evidence. Lancet 2019;394(10204):1159-68.

Vinogradova Y et al. Use of hormone replacement therapy and risk of breast cancer: nested case-control studies using the QResearch and CPRD databases. BMJ 2020; 371 :m3873

Gibbison B al. Prophylactic corticosteroids for paediatric heart surgery with cardiopulmonary bypass. Cochrane Database of Systematic Reviews 2020, Issue 10.

Hartmann‐Boyce  J, McRobbie  H, Bullen  C, Begh  R, Stead  LF, Hajek  P. Electronic cigarettes for smoking cessation. Cochrane Database of Systematic Reviews 2016, Issue 9. Art. No.: CD010216. DOI:

Miovský M et al. Attention Deficit Hyperactivity Disorder among clients diagnosed with a substance use disorder in the therapeutic communities: prevalence and psychiatric comorbidity. Eur Addict Res 2020.

Ortel TL et al. American Society of Hematology 2020 guidelines for management of venous thromboembolism: treatment of deep vein thrombosis and pulmonary embolism. Blood Adv 2020; 4(19): 4693-4738.

Chu JJ et al. Mifepristone and misoprostol versus misoprostol alone for the management of missed miscarriage (MifeMiso): a randomised, double-blind, placebo-controlled trial. Lancet 2020 Sep 12;396(10253):770-778.

Vodicka TA et al. Reducing antibiotic prescribing for children with respiratory tract infections in primary care: a systematic review. Br J Gen Pract 2013;63(612):e445-54.

Dominici F, et al. Air pollution, SARS-CoV-2 transmission, and COVID-19 outcomes: a state-of-the-science review of a rapidly evolving research area. medRxiv 2020. doi: https://doi.org/10.1101/2020.08.16.20175901

Marion M Mafham et al. COVID-19 pandemic and admission rates for and management of acute coronary syndromes in England. Lancet 2020;S0140-6736(20)31356-8.

Orkaby AR. Association of statin use with all-cause and cardiovascular mortality in US veterans 75 years and older. JAMA 2020;324(1):68-78

Una finestra sull’open access

  • BMC Family Practice
  • BMC Medical Education
  • BMC Nursing
  • BMJ Open
  • PLOS Medicine

Reset della password

Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.