BAL Lazio

Notizie

Fragilità e riabilitazione respiratoria

Pubblicato martedì 25 Ottobre 2016

Quale la prevalenza della fragilità tra i soggetti con broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) stabile? La fragilità si ripercuote sul completamento e sugli esiti della riabilitazione respiratoria?

In uno studio prospettico di coorte inglese pubblicato su Thorax sono stati arruolati 816 soggetti con BPCO, con una età media di 70 anni, da sottoporre a riabilitazione respiratoria  (novembre 2011-gennaio 2015) . Di questi, 209 (25.9%) erano fragili. Da notare che tale percentuale di fragilità è simile a quella che, nella popolazione generale, si rileva al di sopra dell’età di 85 anni e che era leggermente superiore nelle donne (29.7%) rispetto agli uomini (22.8% ). Nel complesso, l’84.7% dei soggetti ha partecipato al programma di riabilitazione e il 70.3% lo ha completato.

La riabilitazione durava 8 settimane e comprendeva un programma di esercizio fisico ed educativo, con due sedute sottoposte a supervisione (1 ora di esercizio e 45 minuti di educazione) e una a domicilio a settimana. Il programma di esercizi fisici era individualizzato e progressivo.

Analizzando i dati sulla base della fragilità, emerge che il programma è stato portato a termine dal 55% dei soggetti fragili, dal 74.5% di quelli pre-fragili e dall’84.1% di quelli non fragili/robusti. Alla fine del programma riabilitativo, si sono evidenziati miglioramenti significativi in tutti i gruppi di pazienti. In particolare, i 115 soggetti inizialmente classificati come “fragili” avevano migliori risposte al trattamento per quanto riguarda la sintomatologia, la performance fisica e le condizioni di salute generali. Il risultato più eclatante è che 71 (61.3%) di questi soggetti non soddisfacevano più i criteri della fragilità.

Riassumendo, dunque, circa un quarto dei soggetti con BPCO del gruppo in esame era fragile, di questi, quasi la metà ha abbandonato il programma di riabilitazione. Chi lo ha completato, però, ha avuto notevoli miglioramenti e, in più della metà dei casi, è uscito dalla condizione di fragilità.

Perché questi risultati sono importanti?
In primo luogo, è stato individuato nella fragilità un importante fattore che, per lo più a causa del deterioramento clinico e/o l’ospedalizzazione, ostacola il completamento dei programmi di riabilitazione. Ricordiamo qui che, a prescindere dalle cause, la fragilità implica un aumento di rischio di cadute, di disabilità, di ospedalizzazione e di mortalità. D’altro canto “i notevoli risultati osservati dopo il completamento del programma rappresentano uno stimolo a esplorare come sostenere meglio i soggetti fragili nel corso della riabilitazione”, osservano gli autori dello studio. Inoltre i dati “confermano l’opinione corrente secondo la quale la fragilità è una condizione trattabile. E tra i trattamenti per i quali ci sono evidenze di efficacia nella sua gestione ci sono l’esercizio fisico, il sostegno nutrizionale, strategie autogestite e riduzione della polifarmacia”.

Fonte:
Maddocks M et al. Physical frailty and pulmonary rehabilitation in COPD: a prospective cohort study. Thorax 2016;71:988-995 doi:10.1136/thoraxjnl-2016-208460

Tagged , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Accedi agli articoli

Ferroni E et al. Gender related differences in gastrointestinal bleeding with oral anticoagulation in atrial fibrillation. J Cardiovasc Pharmacol Ther 2022;27:10742484211054609.

Lowenstein M et al. Sustained implementation of a multicomponent strategy to increase emergency department-initiated interventions for opioid use disorder. Ann Emerg Med 2021:S0196-0644(21)01380-9.

Okereke OI et al. Effect of long-term supplementation with marine omega-3 fatty acids vs placebo on risk of depression or clinically relevant depressive symptoms and on change in mood scores: a randomized clinical trial. JAMA 2021;326(23):2385-2394.

Gaillard EA et al. European Respiratory Society clinical practice guidelines for the diagnosis of asthma in children aged 5-16 years. Eur Respir J 2021;58(5):2004173.

Slomski A. Thousands of US youths cope with the trauma of losing parents to COVID-19. JAMA. Published online November 17, 2021.

Hillis SD, Blenkinsop A, Villaveces A, et al. COVID-19-associated orphanhood and caregiver death in the United States. Pediatrics. 2021 Oct 7:e2021053760.

Hillis S, Unwin J, Cluver L, et al. Children: the hidden pandemic 2021: a joint report of COVID-19-associated orphanhood and a strategy for action. Lancet 2021; 398:391-402.

Fu M, Naci H, Booth CM, et al. Real-world use of and spending on new oral targeted cancer drugs in the US, 2011-2018. JAMA Intern Med 2021 Oct 18; doi:10.1001/jamainternmed.2021.5983

Addis A, Amato L, Cruciani F, et al. The Standard of Care definitions on COVID-19 pharmacological clinical trials: A systematic review. Frontiers in Pharmacology 2021;2712.

Grummitt LR et al. Association of childhood adversity with morbidity and mortality in US adults: a systematic Review. JAMA Pediatr. Published online October 04, 2021.

Una finestra sull’open access

  • BMC Family Practice
  • BMC Medical Education
  • BMC Nursing
  • BMJ Open
  • PLOS Medicine