BAL Lazio

Notizie

Gli antipsicotici alla prova del delirium

Pubblicato venerdì 26 Ottobre 2018

ll delirium colpisce il 50-75% dei pazienti che ricevono ventilazione meccanica in un’unità di terapia intensiva. I pazienti con delirio hanno una mortalità più elevata, periodi più lunghi di ventilazione meccanica e di degenza ospedaliera, costi più alti, e un rischio più elevato di deterioramento cognitivo a lungo termine rispetto ai pazienti che non hanno il delirio. Senza contare che il delirio interferisce anche con le cure mediche. Quello iperattivo ad esempio può portare alla rimozione non prevista dei dispositivi, mentre quello ipoattivo rende inattuabili alcune terapie e complica gli interventi infermieristici. Finora le informazioni utili alla gestione del delirio in terapia intensiva provengono da studi e metanalisi di studi di piccole dimensioni e da linee guida pratiche e i risultati sono piuttosto contrastanti.

I risultati di un importante studio randomizzato in doppio cieco pubblicato su The New England Journal of Medicine dimostrano che alcuni antipsicotici non rappresentano trattamenti efficaci per il delirio nei pazienti critici.

Nello studio di fase III Mind-USA sono stati arruolati 1183 pazienti – da 16 centri medici statunitensi – con insufficienza respiratoria acuta o shock in terapia intensiva o delirium ipoattivo e iperattivo. I partecipanti sono stati trattati con aloperidolo o ziprasidone o placebo per un periodo di 14 giorni. Il delirium si è sviluppato in 566 pazienti (48%), 89% con delirio ipoattivo, 11% con delirio iperattivo.

Né aloperidolo (fino a 20 mg al giorno) né ziprasidone (fino a 40 mg al giorno) hanno prolungato il numero di giorni senza delirio o coma: aloperidolo: 7,9 giorni (IC 95% 4,4-9,6); ziprasidone: 8,7 giorni (IC 95% 5,9-10,0); placebo: 8,5 giorni (IC 95% 5,6-9,9). L’uso di aloperidolo o ziprasidone, rispetto al placebo, non ha quindi avuto effetti significativi sull’endpoint primario (OR 0, 88 [IC 95% 0,64-1,21] e 1,04 [IC 95%, 0,73-1,48], rispettivamente).

Neppure gli endpoint secondari di efficacia (tempo di terapia intensiva, dimissione ospedaliera, giorni senza la ventilazione meccanica, mortalità a 30 e 90 giorni) mostravano significative differenze tra i gruppi. Stesso discorso per gli endpoint secondari relativi alla sicurezza, frequenza di sedazione eccessiva e frequenza dei sintomi extrapiramidali.

“È stato assurdo pensare che per 40 anni abbiamo trattato pazienti con un’intera classe di farmaci, gli antipsicotici, senza alcuna prova che funzionassero per il delirio”, ha commentato Wes Ely, Critical Illness, Brain Dysfunction and Survivorship (CIBS) Center della Vanderbilt University. “La pratica è molto diffusa e nel corso dell’anno probabilmente milioni di pazienti ricevono antipsicotici per il delirio in case di cura, ospedali e unità di terapia intensiva”.

“Ci sarà ancora un uso appropriato degli antipsicotici in terapia intensiva, ma è difficile controllare i pazienti che sono pericolosi per se stessi o gli altri, e le medicine antipsicotiche possono aiutare con il controllo dei sintomi senza sopprimere le respirazioni, quindi può essere molto clinicamente utile e sicuro.”

Fonte
Girard TD et al. Haloperidol and ziprasidone for treatment of delirium in critical illness. N Engl J Med. DOI: 10.1056/NEJMoa1808217.

Archiviato in ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Accedi agli articoli

Razaz N et al. Association between Apgar scores of 7 to 9 and neonatal mortality and morbidity: population based cohort study of term infants in Sweden. BMJ 2019; 365:1656.

Razaz N et al One-minute and five-minute Apgar scores and child developmental health at 5 years of age: a population-based cohort study in British Columbia, Canada BMJ Open 2019;9:e027655.

European Association for the Study of Obesity. Pregnant women who were overweight children are at increased risk of developing hypertensive disorders.

Spinelli A et al. Prevalence of severe obesity among primary school children in 21 european countries. Obes Facts 2019;12:244-258.

Akyea RK et al. Sub-optimal cholesterol response to initiation of statins and future risk of cardiovascular disease. Heart Published Online First: 15 April 2019. doi: 10.1136/heartjnl-2018-314253.

Qaseem A et al.; for the Clinical Guidelines Committee of the American College of Physicians. Screening for breast cancer in average-risk women: a guidance statement from the american college of physicians. Ann Intern Med. [Epub ahead of print 9 April 2019] doi: 10.7326/M18-2147.

Elmore JG, Lee CI. A guide to a guidance statement on screening guidelines. Ann Intern Med. [Epub ahead of print 9 April 2019] doi: 10.7326/M19-0726.

Feldman AG et al. Incidence of hospitalization for vaccine-preventable infections in children following solid organ transplant and associated morbidity, mortality, and costs. JAMA Pediatr. 2019 Jan 14. [Epub ahead of print]

Feldman AG et al. Hospitalizations for respiratory syncytial virus and vaccine-preventable infections in the first 2 years after pediatric liver transplant. J Pediatr 2017;182:232-238.e1.

Feldman AG et al. Immunization practices among pediatric transplant hepatologists. Pediatr Transplantation 2016;20:1038-1044.

Rubin LG et al.; Infectious Diseases Society of America. 2013 IDSA clinical practice guideline for vaccination of the immunocompromised host. Clin Infect Dis 2014;58(3):e44-100.

Una finestra sull’open access

  • BMC Family Practice
  • BMC Medical Education
  • BMC Nursing
  • BMJ Open
  • PLOS Medicine

Reset della password

Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.