BAL Lazio

Notizie

I journal club da Osler a twitter

Pubblicato giovedì 2 Marzo 2017

I journal club hanno una lunga storia: William Osler già nel 1875, per incoraggiare la lettura e la discussione collettiva delle riviste scientifiche, ne creò uno presso la McGill University di Montreal. In un journal club tradizionale ben organizzato ogni membro dovrebbe partecipare attivamente, presentando e commentando articoli, per cui idealmente il guppo dovrebbe essere formato da un minimo di 6 persone a un massimo di 12, perché con meno elementi si genererebbe meno dialogo e con troppi elementi non tutti avrebbero la possibilità di partecipare. È opinione di molti che un ambiente informale possa favorire l’interazione, quindi meglio a casa di uno dei membri che in ospedale, e ancor meglio se si aggiunge qualcosa da mangiare e da bere.

Negli ultimissimi anni una serie di fattori ha contribuito al passaggio dei journal club dalla modalità di incontro faccia a faccia alle interazioni online. Li elencano gli autori di un articolo sull’evoluzione del journal club (da Osler a twitter). Autori autorevolissimi, dal momento che sono tra gli animatori del Journal Club di nefrologia NephJC, che Eric Topol, in un tweet a commento dell’articolo, ha definito “the most progressive journal club in medicine”… premettendo: chi l’avrebbe mai detto? (Would you have guessed?)

L’evoluzione dei journal club è stata favorita, scrivono gli autori del “most progressive journal club”, dalla loro natura discorsiva, che ben si adatta alle piattaforme online emergenti come twitter; in secondo luogo, gli strumenti online hanno facilitato la partecipazione a tavole rotonde virtuali di persone provenienti da luoghi diversi; i journal club online rendono possibile la partecipazione di figure professionali disparate, come anche di rappresentanti dei pazienti; infine, la fruibilità online garantisce una grande flessibilità nella programmazione degli incontri.

E allora vediamo qual è la ricetta che Joel Topf e collaboratori (NephJC work group) hanno condiviso sull’American Journal of Kidney Diseases:

  • un gruppo di lavoro seleziona un articolo
  • viene pubblicata una sintesi sul sito del journal club
  • si invitano esperti della materia trattata dall’articolo, e gli autori dell’articolo stesso, a partecipare alla discussione
  • pubblicazione di una newsletter sulle attività del gruppo
  • discussione dell’articolo in una chat;
  • archiviazione dei tweet in un doppio archivio:
    uno che li raccoglie tutti, prodotto da Symplur (https://www.symplur.com/), un’azienda che fornisce statistiche di twitter e segue gli hashtag che riguardano la salute
    un altro con una selezione dei tweet più interessanti, con link, illustrazioni e altre informazioni: viene creato con uno strumento online gratuito, Storify ( https://storify.com/  ) ed è postato sul sito del NephJC

Nell’arco di due secoli l’ambiente informale che ha caratterizzato i journal club fin dalle origini, fatto di salotti ottocenteschi, con panini, tè e biscotti, è stato sostituito dall’informalità della rete. Secondo gli autori dell’articolo i journal club “sono una componente costante dell’educazione medica perché sono stati in grado di adattarsi a usi diversi e all’evoluzione tecnologica. E oggi si stanno adattando anche ai social media con un buon successo”. Uno strumento per stare al passo con i progressi della medicina.

Tutto è bene quel che si evolve bene, anche se c’è chi, come Bishal Gyawali (Nagoya University, Japan), uno degli oncologi più attivi sui social media, non può fare a meno di twittare “Ok, but can I have that coffee and cake at each journal club please?”.

Fonti:
Topf JM et al. The Evolution of the Journal Club: From Osler to Twitter. Am J Kidney Dis Published online 21 February 2017 DOI: http://dx.doi.org/10.1053/j.ajkd.2016.12.012 Attenzione, l’articolo è free fino al 10 marzo (fonte: @AJKDonline )

Sul blog del NephJC un commento all’articolo: The Evolution of the Journal Club: From Osler to Twitter, February 22, 2017.

I tweet a commento dell’articolo: Altmetric
Tra gli autori dell’articolo, e tra i coordinatori del journal club di nefrologia NephJC, c’è anche Francesco Iannuzzella (IRCCS Arcispedale Santa Maria Nuova di Reggio Emilia), che ha di recente pubblicato l’articolo Iannuzzella F et al. Smart, Social e Mobile: la Nefrologia nell’era della Sanità digitale. G Ital Nefrol 2016; 33(6). pii: gin/33.6.13.

Il Journal Club di nefrologia NephJC

Archiviato in ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Accedi agli articoli

Zichi C et al. Adoption of multiple primary endpoints in phase III trials of systemic treatments in patients with advanced solid tumours. A systematic review. Eur j Canc 2021;149:49-60.

Seidler AN et al.; on behalf of the International Liaison Committee On Resuscitation Neonatal Life Support Task Force. Umbilical cord management for newborns <34 weeks' gestation: a meta-analysis. Pediatrics 2021; 147 (3) e20200576.

Gabrhelík R et al. Cannabis use during pregnancy and risk of adverse birth outcomes: a longitudinal cohort study. Eur Addict Res 2020. doi: 10.1159/000510821e

Ouldali N et al. Association of intravenous immunoglobulins plus methylprednisolone vs immunoglobulins alone with course of fever in multisystem inflammatory syndrome in children. JAMA. February 1, 2021. Epub ahead of print. doi:10.1001/jama.2021.0694

Freedman RA et al. Individualizing surveillance mammography for older patients after treatment for early-stage breast cancer: multidisciplinary expert panel and International Society of Geriatric Oncology Consensus Statement. JAMA Oncol. Published online January 28, 2021. doi:10.1001/jamaoncol.2020.7582

Fontanella CA et al. Association of cannabis use with self-harm and mortality risk among youths with mood disorders. JAMA Pediatr. Published online January 19, 2021. doi:10.1001/jamapediatrics.2020.5494

Goldenberg JZ et al. Efficacy and safety of low and very low carbohydrate diets for type 2 diabetes remission: systematic review and meta-analysis of published and unpublished randomized trial data. BMJ 2021;372:m4743

Huang J, Yang F, Chien W, et al. Risk of substance use disorder and its associations with comorbidities and psychotropic agents in patients with autism. JAMA Pediatr. Published online January 04, 2021.

Ezekowitz JA et al. Is there a sex gap in surviving an acute coronary syndrome or subsequent development of heart failure? Circulation, 30 november 2020.

Una finestra sull’open access

  • BMC Family Practice
  • BMC Medical Education
  • BMC Nursing
  • BMJ Open
  • PLOS Medicine

Reset della password

Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.