BAL Lazio

Notizie

Ictus embolico di origine indeterminata nei giovani: bassa ricorrenza, ma poche risposte

Pubblicato mercoledì 11 Maggio 2022

Da un ampio studio prospettico emerge che l’ictus embolico di origine indeterminata (ESUS) nei pazienti più giovani spesso non causa recidive o non fornisce indizi sulle sue cause.

Lo studio di coorte longitudinale prospettico internazionale Young ESUS ha arruolato pazienti in 41 centri di ricerca sull’ictus in 13 paesi. Di questi il 56% erano uomini e il 51% proveniva dall’Europa occidentale; l’età media era di 40 anni e il follow-up mediano era di 17,7 mesi dopo l’ESUS iniziale.

Ictus ischemico o morte si sono verificati nel 3,0% dei pazienti ≤50 anni con ESUS, con un tasso di 2,19% anni-paziente inferiore a quello osservato nei pazienti più anziani. La maggior parte di questi eventi sono stati ictus (1,9% anni-paziente) ma hanno soddisfatto i criteri per ESUS solo nel 64% dei casi.

Solo nel 2,8% dei pazienti è stata diagnosticata una fibrillazione atriale (FA) durante il follow-up, definita come FA all’elettrocardiogramma a 12 derivazioni o episodi della durata di almeno 6 minuti.

Il forame ovale pervio era molto più comune che nella popolazione generale – nel 50% dei soggetti valutati – ma non era associato ad un aumentato rischio di ictus ricorrente.

“Quando è stato introdotto il concetto di ESUS, si presumeva che la FA fosse la principale eziologia sottostante”, spiegano gli autori. “Tuttavia, l’accumulo di prove offre supporto all’argomento secondo cui il ruolo eziologico della FA nell’ESUS è meno importante di quanto inizialmente percepito”.

“La distribuzione e la prevalenza dei fattori di rischio di ictus varia tra la popolazione giovane e quella degli anziani, aggiungendo ulteriore complessità al già complicato approccio diagnostico di una popolazione intrinsecamente eterogenea come l’ESUS”.

I fattori associati all’ictus ischemico ricorrente nei 535 pazienti dello studio con ESUS all’analisi multivariata erano:

  • storia di ictus o attacco ischemico transitorio (HR 5,3, IC 95% 1,8-15);
  • diabete (HR 4,4, IC 95% 1,5-13);
  • storia di malattia coronarica (HR 10, IC 95% 4,8-22).

“Dobbiamo rendere operative le definizioni di concetti in evoluzione, come la cardiopatia atriale e la placca ateromatosa e ottimizzare le nostre strategie preventive secondarie, sia nella popolazione generale ESUS che in sottogruppi specifici come i giovani”, proseguono gli autori. “Come sempre, le incertezze di oggi sono le forze che guidano l’evoluzione, stimolano la ricerca e generano nuove prove che alla fine miglioreranno i risultati dei pazienti”.

Fonte
Perera KS et al; Young ESUS Investigators. Evaluating rates of recurrent ischemic stroke among young adults with embolic stroke of undetermined source: The Young ESUS Longitudinal Cohort Study. JAMA Neurol 2022;79(5):450-458.

Tagged ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Accedi agli articoli

Cascino TM, Somanchi S, Colvin M et al. Racial and sex inequities in the use of and outcomes after left ventricular assist device implantation among medicare beneficiaries. JAMA Netw Open 2022;5(7):e2223080.

Ma H et al. Adding salt to foods and hazard of premature mortality. Eur Heart J. 2022 Jul 10:ehac208. doi: 10.1093/eurheartj/ehac208. Epub ahead of print. PMID: 35808995.

Clarke PM et al. The comparative mortality of an elite group in the long run of history: an observational analysis of politicians from 11 countries. Eur J Epidemiol 2022:23:1-9.

Wang P et al. Associations between long-term drought and diarrhea among children under five in low- and middle-income countries. Nat Commun 2022;13(1):3661.

McDonagh MS et al. Cannabis-based products for chronic pain : a systematic review. Ann Intern Med. 2022 Jun 7. doi: 10.7326/M21-4520. Epub ahead of print. PMID: 35667066.

Global Burden of Disease 2019 Cancer Collaboration et al. Cancer Incidence, Mortality, Years of Life Lost, Years Lived With Disability, and Disability-Adjusted Life Years for 29 Cancer Groups From 2010 to 2019: A Systematic Analysis for the Global Burden of Disease Study 2019. JAMA Oncol 2022;8(3):420-444.

Dehmer SP et al. Aspirin use to prevent cardiovascular disease and colorectal cancer: a decision analysis: technical report [Internet]. Rockville (MD): Agency for Healthcare Research and Quality (US); 2015 Sep. Report No.: 15-05229-EF-1.

Ezekowitz JA et al.; SODIUM-HF Investigators. Reduction of dietary sodium to less than 100 mmol in heart failure (SODIUM-HF): an international, open-label, randomised, controlled trial. Lancet 2022:S0140-6736(22)00369-5.

Fang Z et al. The role of mendelian randomization studies in deciphering the effect of obesity on cancer. JNCI: Journal of the National Cancer Institute 2022; 114 (3); 361-71.

Wong Chung JERE et al. Time to functional recovery after laser tonsillotomy performed under local anesthesia vs conventional tonsillectomy with general anesthesia among adults: a randomized clinical trial. JAMA Netw Open 2022;5(2):e2148655. JAMA Netw Open. 2022;5(2):e2148655.

Sundbøll J. Risk of parkinson disease and secondary parkinsonism in myocardial infarction survivors. Journal of the American Heart Association 2022; doi: 10.1161/JAHA.121.022768

Ferroni E et al. Gender related differences in gastrointestinal bleeding with oral anticoagulation in atrial fibrillation. J Cardiovasc Pharmacol Ther 2022;27:10742484211054609.

Una finestra sull’open access

  • BMC Family Practice
  • BMC Medical Education
  • BMC Nursing
  • BMJ Open
  • PLOS Medicine