Home > Notizie > Il benessere lavorativo all’interno di…

Il benessere lavorativo all’interno di un team di oncologia medica

Mentre noi oncologi continuiamo nei nostri sforzi per fornire l’assistenza ottimale possibile ai pazienti con cancro mentre questa incessante pandemia di COVID-19 sembra lasciarci solo piccole tregue, non è mai stato così fondamentale migliorare il benessere non solo individuale dell’oncologo medico, ma dell’intero gruppo di lavoro. Per molti di noi sarebbe stato del tutto impossibile lavorare durante questa pandemia senza il supporto dei nostri colleghi. Insieme, abbiamo affrontato le preoccupazioni legate alle modifiche del percorso di cura dei nostri pazienti, inclusi ritardi e interruzioni di trattamento. Insieme, abbiamo tenuto incontri di comunicazione impegnativi incentrati sui desideri e sui valori di fine vita con pazienti e famiglie, insieme abbiamo assistito alla morte attraverso uno schermo, un tablet o un telefono poiché non siamo stati in grado di tenere la mano del nostro paziente. Tutto questo in un ambiente in cui la telemedicina è diventata un importante strumento di necessità assistenziale alterando ulteriormente il rapporto medico-paziente in ambito oncologico.

  • Abbiamo conosciuto il burnout.

Insieme abbiamo incontrato lo stress occupazionale sotto forma di esaurimento intenso e sofferenza morale, con potenziali impatti negativi significativi sul benessere psicologico sia nell’immediato che nel lungo termine. Siamo stati lì con i membri della nostra squadra di oncologi, infermieri, farmacisti, specializzandi e tirocinanti, assistendo a tutto, insieme.

Eppure, nonostante questo coinvolgimento condiviso in un periodo senza precedenti, si sa poco su come vari membri della squadra abbiano sperimentato direttamente il burnout. Di recente, gli sforzi si sono concentrati sulle conseguenze professionali e personali della pandemia sul burnout e sul benessere degli oncologi di tutto il mondo. Dati i recenti rapporti che indicano che ci sarà una carenza di oncologi che è stata solo accelerata dalla pandemia.

  • Il burnout influenza la qualità delle cure.

Il burnout è stato associato a orari di lavoro più lunghi, errori terapeutici e all’intenzione di lasciare le loro posizioni nei prossimi due anni, con impatti negativi sulla forza lavoro e sull’assistenza ai pazienti. Fortunatamente, abbiamo una migliore comprensione di questa esperienza, come rivelato da una rigorosa ricerca empirica condotta da Tetzlaff et al. pubblicato sul Journal of Oncology Practice. In questo studio meticolosamente condotto, Tetzlaff et al. hanno condotto un’indagine nazionale per descrivere le potenziali relazioni tra burnout e qualità delle cure erogate. È emerso che la qualità del posto di lavoro (carico di lavoro, ricompensa e valori) sono associate a una maggiore probabilità di esaurimento. Il carico di lavoro rappresenta la mancata corrispondenza più frequente nell’adattamento al lavoro. Gli autori hanno anche incoraggiato i leader a concentrarsi su fattori specifici del posto di lavoro come carichi di lavoro sostenibili e coerenza nelle ricompense non solo finanziarie, ma anche istituzionali e sociali per prevenire e affrontare il problema burnout. Sarà importante identificare le auto-segnalazioni di burnout e quali fattori contribuiscono a questo stress professionale all’interno dell’organizzazione per aiutare a sostenere e fornire cure oncologiche di alta qualità.

  • Il burnout è contagioso.

Quando un medico sperimenta stress lavorativo, vengono poste richieste significative agli altri membri del gruppo, che sono a rischio di sviluppare anche essi una condizione di burnout. Non è mai stato così fondamentale identificare prontamente approcci progettati per creare una cultura sostenibile del benessere e della resilienza in oncologia. Entrambi questi studi hanno identificato fattori all’interno dell’organizzazione che hanno contribuito al benessere dei membri del team e hanno influenzato negativamente sia la forza lavoro che la cura e la sicurezza dei pazienti. Per sostenere il benessere, le priorità chiave dell’organizzazione sono riconoscere l’importanza del benessere del medico oncologico, fornire opportunità educative sul burnout, valutare frequentemente il burnout all’interno del team, coinvolgere in modo proattivo i leader dell’organizzazione e i medici nella pianificazione dell’azione collaborativa,  ottimizzare l’ambiente della pratica clinica e la cultura istituzionale, fornire risorse per il benessere, inclusa la crisi post-covid a lungo termine durante il periodo di ripresa.

  • Il burnout si affronta.

Coltivare la resilienza è la risposta positiva alle attuali avversità che lo stress lavorativo porta ed è la chiave per l’empowerment per superare le avversità. Ripristinare la vitalità, promuovere il coinvolgimento dei pazienti e l’autoefficacia sostiene la salute e aiuta a far fronte alle le esigenze organizzative che dobbiamo affrontare. L’individuo può imparare a riconoscere i sintomi dell’irritabilità, dell’impazienza, dell’esasperazione, del sentirsi gravato dal lavoro; cercare una consulenza professionale; sviluppare un piano d’azione; acquisire strategie di resilienza per il benessere; fitness/sonno, interventi cognitivo comportamentali, consapevolezza, ricerca di significato e scopo e ricerca di connessione con medici coetanei.

  • Insieme si vince.

Infine, possiamo ricostruire una cultura locale dell’oncologia solo con il supporto della leadership per sostenerci, per sostenere la forza lavoro.

Sosteniamo la nostra squadra e il futuro della cura del cancro.

 

Raffaele Giusti
UOC Oncologia Medica
Azienda Ospedaliero Universitaria Sant’Andrea, Roma.

 

Bibliografia
Hlubocky FJ. Attending to oncology team well-being. JCO Oncology Practice 2022; 18(8):541-542.
Schrag D et al. Oncology practice during the COVID19 pandemic. JAMA 2020; 323:2005-2006.
Hlubocky FJ et al. Impact of the COVID-19 pandemic on oncologist burnout, emotional well-being, and moral distress: Considerations for the cancer organization’s response for readiness, mitigation, and resilience. JCO Oncol Pract 2021;17:365-374.
New resource provides snapshot of oncology ASCO in action, 2020.
Tetzlaff E et al. Association of organizational context, collaborative practice models, and burnout among physician assistants in oncology. JCO Oncol Pract 2022;18: e1306-e1319.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *