BAL Lazio

Notizie

Il direttore di PLoS Medicine, tra pratica medica e redazione

Pubblicato lunedì 23 Ottobre 2017

Larry Peiperl, il direttore di PLoS Medicine, riflette sul ruolo delle riviste biomediche, di chi le guida, e sulle analogie con la professione medica.

“Pubblicare una rivista di medicina comporta delle sfide specifiche, non ultima, dover decidere quali progressi potrebbero essere di interesse pratico. In un mondo ideale ogni medico che lo desideri dovrebbe trascorrere del tempo nella redazione di una rivista medica. I medici che esercitano la professione potrebbero dire direttamente agli editor cosa è che rende la ricerca clinica interessante o utile”, scrive Peiperl. Ma i medici sono molti e le riviste di medicina generale sono relativamente poche, per cui è più realistico che, per far sì che le riviste mantengano il collegamento con la pratica medica, siano i direttori stessi a dedicare del tempo alla clinica.

Peiperl racconta di come si sia scontrato con la disapprovazione di un collega, direttore di un’altra importante rivista medica, alla sua confessione di non riuscire più a lavorare in ospedale, troppo preso dagli impegni editoriali. E racconta di come, durante le riunioni di redazione, si riferisse ai manoscritti dicendo “questo paziente”, anziché “questo articolo”. E parla anche della nostalgia per i gesti che caratterizzavano la sua professione medica.

Distorsioni metodologiche e mal di gola
Eppure ci sono delle analogie tra le responsabilità di chi pubblica una rivista e di chi fa il medico. Il ruolo principale del direttore di una rivista di medicina è quello di allargare la base delle evidenze: “Questo significa assicurare, per lo più attraverso un attento processo di referaggio, la validità e la trasparenza degli articoli che andranno a far parte della ‘letteratura’”. Smorzare dichiarazioni iperboliche, identificare distorsioni metodologiche, essere attenti a questioni relative all’etica e alla riservatezza sono come i mal di gola e le lombalgie per i clinici “nell’insieme routine, individualmente unici: richiedono vigilanza per individuare quei pochi casi che potrebbero rappresentare un problema più serio”.

Il ruolo principale di un medico è prendersi cura del paziente: Peiperl illustra quanto questo comporti confrontarsi con la letteratura. Infatti il medico deve mediare “tra le generalizzazioni della ricerca pubblicata e le circostanze specifiche e i desideri dell’individuo. La sfida è rappresentata dal riuscire a tenersi aggiornato con la letteratura, discernere gli aspetti rilevanti della storia del paziente e proporre un piano che concili l’una all’altra, compatibilmente con le conoscenze e le risorse disponibili. Il tutto cercando di comprendere quando è il caso di mettere rispettosamente in discussione la letteratura, la storia del paziente o – quando i costi entrano in conflitto con il beneficio clinico – le risorse disponibili”.

Un lieto fine
Il direttore di PLoS Medicine continua raccontando come sia stato, per sua fortuna, chiamato a collaborare in qualità di supervisore in un ospedale pubblico, dove “di continuo, le evidenze provenienti da articoli di riviste sottoposti a un attento processo di referaggio, quanto più open tanto meglio, passano sotto la lente delle storie di ciascun paziente”.

Concludendo, Peiperl sottolinea come le funzioni di chi pubblica una rivista medica e di chi esercita la professione medica siano interdipendenti. Va preservata la “connessione vitale tra ‘la letteratura’ e le realtà della pratica medica, che dovrebbe sempre permeare la prospettiva di chi dirige una rivista su quanto è rilevante”.

L’editoriale che vi abbiamo segnalato è stato concepito e scritto da Larry Peiperl ed è stato rivisto e revisionato da sette editor della rivista: un esempio pratico della cura con la quale vengono gestiti gli articoli, e dell’importanza del lavoro di squadra.

Fonte:
Peiperl L, on behalf of The PLOS Medicine Editors. Keeping it real: A journal editor in clinic. PLoS Med 2017; 14(9): e1002394. https://doi.org/10.1371/journal.pmed.1002394

Tagged ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Accedi agli articoli

Marcus GM et al. Acute consumption of alcohol and discrete atrial fibrillation events. Ann Intern Med 2021 Aug 31. doi: 10.7326/M21-0228. Epub ahead of print. PMID: 34461028.

Fakir AMS et al. Pandemic catch-22: the role of mobility restrictions and institutional inequalities in halting the spread of COVID-19. PLOS ONE 2021; 16(6): e0253348.

Alemany S, Avella-García C, Liew Z, et al. Prenatal and postnatal exposure to acetaminophen in relation to autism spectrum and attention-deficit and hyperactivity symptoms in childhood: Meta-analysis in six European population-based cohorts. Eur J Epidemiol (2021). https://doi.org/10.1007/s10654-021-00754-4

Salazar de Pablo G et al. Universal and selective interventions to prevent poor mental health outcomes in young people: systematic review and meta-analysis. Harvard Review of Psychiatry 2021;29 (3) 196-215.

Currie JM et al. Prescribing of opioid analgesics and buprenorphine for opioid use disorder during the covid-19 pandemic. JAMA Netw Open 2021;4(4):e216147.

Marson A, Burnside G, Appleton R, et al.; SANAD II collaborators. The SANAD II study of the effectiveness and cost-effectiveness of valproate versus levetiracetam for newly diagnosed generalised and unclassifiable epilepsy: an open-label, non-inferiority, multicentre, phase 4, randomised controlled trial. Lancet 2021;397(10282):1375-1386.

Marson A, Burnside G, Appleton R, et al.; SANAD II collaborators. The SANAD II study of the effectiveness and cost-effectiveness of levetiracetam, zonisamide, or lamotrigine for newly diagnosed focal epilepsy: an open-label, non-inferiority, multicentre, phase 4, randomised controlled trial. Lancet 2021;397(10282):1363-1374.

Zichi C et al. Adoption of multiple primary endpoints in phase III trials of systemic treatments in patients with advanced solid tumours. A systematic review. Eur j Canc 2021;149:49-60.

Seidler AN et al.; on behalf of the International Liaison Committee On Resuscitation Neonatal Life Support Task Force. Umbilical cord management for newborns <34 weeks' gestation: a meta-analysis. Pediatrics 2021; 147 (3) e20200576.

Una finestra sull’open access

  • BMC Family Practice
  • BMC Medical Education
  • BMC Nursing
  • BMJ Open
  • PLOS Medicine

Reset della password

Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.