BAL Lazio

Notizie

Il nuovo Registro tumori del Lazio: novità e prospettive

Pubblicato mercoledì 29 Novembre 2017

Il Registro Tumori della Regione Lazio (RTL) istituito nel 2015 (Legge Regionale 12 giugno 2015, n. 7) è il più grande registro italiano poiché copre una popolazione di  5.792.384 residenti (di cui il 48,5% residenti a Roma), con un numero medio di casi incidenti per anno pari a 37.309 (circa 1 decimo dei casi nazionali) di cui 19.238 casi negli uomini e 18.071 nelle donne (casi medi anno, anni  2010-2015). Prima del 2015 nel Lazio erano attivi il RT della Provincia di Latina e il RT  della Provincia di Viterbo (accreditati AIRTUM) che coprivano circa il 15%  della popolazione del Lazio.

In Italia il 51% della popolazione è coperto da un registro accreditato di popolazione, con una grande variabilità tra aree geografiche: 67% al nord, 45% al sud e solo 26% al centro Italia. Il RTL determinerà quindi un forte incremento della copertura della popolazione del Centro Italia.

Il RTL è organizzato in una unità centrale di coordinamento, presso il Dipartimento di Epidemiologia del Servizio Sanitario Regionale (DEP Lazio) e di 6 unità funzionali, presso l’IFO- Regina Elena per la provincia di Roma, e presso le ASL per le province di Latina, Viterbo, Frosinone e Rieti. Una delle Unità Funzionali (registro Tumori Infantili) è allocata presso il DEP Lazio.

Novità e prospettive:  Un Registro Tumori altamente automatizzato

Il RTL  è un registro centralizzato con procedure fortemente automatizzate che utilizza metodologie in grado di mantenere alti standard di qualità e di aumentare al contempo la velocità di produzione dei dati. L’obiettivo sarà quello di fornire dati tempestivamente entro i due anni  successivi a quello dell’evento.

Per le finalità della realizzazione del Registro tumori della Regione Lazio è stato istituito il Registro dei Referti dei Servizi di Anatomia Patologica (RSAP) (Legge Regionale 12 giugno 2015, n. 7, Art. 9).  Nel Lazio la mancanza un Sistema Informativo Regionale dei Servizi di  Anatomia Patologica,  la frammentazione dell’attività e l’utilizzo di sistemi di registrazione e codifica eterogenei tra servizi  rappresentano le maggiori criticità per le attività del Registro Tumori.

Il DEP Lazio ha concluso la raccolta retrospettiva dei dati di 26 anatomie patologiche della Regione  relativi al periodo 2009-2015 (circa 3.000.000 referti totali, 400.000 /anno), con una copertura stimata superiore all’80%.

Il RTL ha iniziato le sue attività nel settembre del 2015 con l’obiettivo di accreditarsi presso l’AIRTUM con i dati 2013-2015. L’AIRTUM prevede infatti, ai fini dell’accreditamento, di fornire i dati di incidenza per un numero di anni che è funzione inversa della numerosità della popolazione coperta dal Registro. Per il Lazio il numero di anni richiesti è pari a tre, con una serie storica di cinque anni. Nella maggior parte dei RT gli anni di attività per l’accreditamento sono in genere lunghi (almeno 5 anni) dalla legge di istituzione del Registro. Il RTL raccoglie i dati per il periodo 2009-2015 con l’obiettivo di procedere all’accreditamento per gli anni 2013-2015 entro il 2019.

Il nuovo Registro tumori della Regione Lazio, pur arrivando in ritardo rispetto ad altre regioni, ha una serie di caratteristiche che lo renderanno una preziosa fonte di informazioni di qualità: l’accuratezza metodologica garantita del DEP Lazio, l’ampiezza della popolazione coinvolta, l’alto livello di automazione e la conseguente tempestività della raccolta ed elaborazione dei dati.

Dati di incidenza per sede e genere. Roma e Lazio, 2010-2015

Sono disponibili i primi dati di incidenza di Tumori nella Regione Lazio elaborati nell’ambito delle attività del  Registro Tumori della Regione Lazio, (RTL). I dati presentati  nell’ambito del Workshop che si è tenuto 16 novembre 2017, presso la Regione Lazio (www.deplazio.it ) mettono a confronto stime di incidenza e di mortalità per  tumori tra i residenti nella regione  per sede e genere, anche attraverso un confronto con i dati nazionali (AIRTUM).  Le stime sono state elaborate per ASL, con possibilità di confronto sia con i dati relativi all’intera regione sia con quelli del Comune di  Roma.

REGISTRO TUMORI DEL LAZIO: STATO DELL’ARTE E PROSPETTIVE (PDF)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Accedi agli articoli

Razaz N et al. Association between Apgar scores of 7 to 9 and neonatal mortality and morbidity: population based cohort study of term infants in Sweden. BMJ 2019; 365:1656.

Razaz N et al One-minute and five-minute Apgar scores and child developmental health at 5 years of age: a population-based cohort study in British Columbia, Canada BMJ Open 2019;9:e027655.

European Association for the Study of Obesity. Pregnant women who were overweight children are at increased risk of developing hypertensive disorders.

Spinelli A et al. Prevalence of severe obesity among primary school children in 21 european countries. Obes Facts 2019;12:244-258.

Akyea RK et al. Sub-optimal cholesterol response to initiation of statins and future risk of cardiovascular disease. Heart Published Online First: 15 April 2019. doi: 10.1136/heartjnl-2018-314253.

Qaseem A et al.; for the Clinical Guidelines Committee of the American College of Physicians. Screening for breast cancer in average-risk women: a guidance statement from the american college of physicians. Ann Intern Med. [Epub ahead of print 9 April 2019] doi: 10.7326/M18-2147.

Elmore JG, Lee CI. A guide to a guidance statement on screening guidelines. Ann Intern Med. [Epub ahead of print 9 April 2019] doi: 10.7326/M19-0726.

Feldman AG et al. Incidence of hospitalization for vaccine-preventable infections in children following solid organ transplant and associated morbidity, mortality, and costs. JAMA Pediatr. 2019 Jan 14. [Epub ahead of print]

Feldman AG et al. Hospitalizations for respiratory syncytial virus and vaccine-preventable infections in the first 2 years after pediatric liver transplant. J Pediatr 2017;182:232-238.e1.

Feldman AG et al. Immunization practices among pediatric transplant hepatologists. Pediatr Transplantation 2016;20:1038-1044.

Rubin LG et al.; Infectious Diseases Society of America. 2013 IDSA clinical practice guideline for vaccination of the immunocompromised host. Clin Infect Dis 2014;58(3):e44-100.

Una finestra sull’open access

  • BMC Family Practice
  • BMC Medical Education
  • BMC Nursing
  • BMJ Open
  • PLOS Medicine

Reset della password

Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.