Home / Notizie /

Il suicidio assistito nella popolazione oncologica

Negli ultimi anni, nella maggior parte dei paesi occidentali, c’è stato un chiaro e costante aumento dell’accettazione della decisione personale in merito al momento della propria morte, in particolare per i casi in cui i pazienti soffrono di una malattia e/o esperienza insopportabile/dolore incontrollabile come una malattia oncologica in fase avanzata.

Di conseguenza, c’è un numero crescente di paesi in cui il suicidio assistito è legale in alcune circostanze, tra cui Svizzera, Belgio, il Paesi Bassi, Lussemburgo, Spagna, Colombia, Canada, alcuni Stati USA (California, Colorado, Hawaii, New Jersey, Oregon, Stato di Washington, Vermont e Washington, DC) e il Stato australiano di Victoria.

Di questi, il Belgio, il Paesi Bassi, Lussemburgo, Canada e Colombia consentono entrambi eutanasia e suicidio assistito.

Nei paesi in cui l’assistenza medica in caso di morte è ancora illegale, è in corso un intenso dibattito, spesso controverso, su assistenza medica in caso di morte, in particolare per quanto riguarda il suicidio. Coloro che sono a favore vedono la sua legalizzazione come una conquista di un moderno società che attribuisce grande valore all’autonomia degli individui.

Al contrario, gli oppositori della morte assistita sostengono che queste pratiche sono fondamentalmente incoerenti con il ruolo professionale del medico in cui guarire, gestire il dolore e alleviare la sofferenza, ma mai infliggere intenzionalmente morte, sono capisaldi incontestabili e non negoziabili della pratica medica. Inoltre, vi è la preoccupazione che con la legalizzazione del suicido assistito, le salvaguardie messe in atto per queste pratiche lo faranno essere bypassato, il che porterà a un’estensione incontrollata a pazienti che non sono malati terminali o non soffrono sintomi gravi (argomento molto scivoloso).

Ci sono dati limitati sullo sviluppo a lungo termine e sulle tendenze del suicidio assistito (AS) nella popolazione oncologica.

Utilizzando i dati dell’Ufficio federale di statistica svizzero, lo studio che proponiamo, pubblicato sulla rivista ESMO OPEN.  ha voluto analizzare l’andamento dei decessi per suicidio assistito in un periodo di 18 anni (1999-2016; numero totale di casi 6553) (Figura 1).

Figura 1. Incremento del numero dei casi di suicidio assistito nella popolazione oncologica e nella popolazione generale nel tempo.

Tra i pazienti analizzati, il cancro rappresenta la malattia sottostante più comune (n = 2704, 41,3% di tutti i casi). I tipi di cancro più comuni sono polmone (14,0%), mammella (11,0%) e prostata (10,1%), con una leggera preponderanza degli uomini rispetto alle donne (51,5% contro 48,5%). La proporzione di casi di suicidio assistito all’interno dei tipi di neoplasia non è cambiata nel tempo. Il rapporto tra i casi di suicidio assistito correlato al cancro in relazione a tutti i decessi per neoplasia è aumentato dallo 0,3% all’inizio del periodo di studio (1999-2003) al 2,1% dal 2014 al 2016 (Figura 2).

 

Figura 2. Sviluppo nel tempo della proporzione di suicidi assistiti correlati al cancro rispetto ai decessi correlati al cancro.

I soggetti che hanno scelto la pratica del suicidio assistito legato al cancro erano notevolmente più giovani di coloro che lo hanno scelto per altre malattie (73 anni contro 80 anni). L’età media della popolazione deceduta per suicido assistito correlato al cancro è simile a quella di tutti i decessi correlati al cancro (74 anni): per le donne, l’età media era di 72 anni, mentre per gli uomini era di 75 anni, osservando tuttavia un incremento dell’età media nel tempo.

Durante il periodo di osservazione la proporzione di pazienti oncologici che hanno scelto il suicidio assistito è approssimativamente sestuplicata. Con una quota attuale del 2% di tutti i decessi per cancro, non è, tuttavia, giustificato considerare questo come un fenomeno di massa.

La bassa percentuale di pazienti con una malattia oncologica sottostante che scelgono la pratica del suicidio assistito potrebbe riflettere la maggiore portata delle cure palliative in oncologia rispetto ad altre malattie. Ciò significherebbe che i pazienti oncologici alla fine del loro viaggio possono fare affidamento su una buona cura e su un sufficiente controllo medico dei loro sintomi, rafforzando il valore e l’importanza delle cure palliative e di un approccio olistico al paziente.

Raffaele Giusti

Fonte
Montagna G et al. Assisted suicide in patients with cancer. ESMO Open, Volume 7, Issue 1, 2022, 100349, ISSN 2059-7029.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *