Home / Notizie / Immigrazione e salute: il punto di vista…

Immigrazione e salute: il punto di vista degli operatori sanitari

Uno studio descrittivo qualitativo condotto da ricercatori finlandesi e pubblicato sul Journal of Advanced Nursing ha esplorato le percezioni degli operatori sanitari che lavorano nell’assistenza sanitaria primaria in materia di stili di vita sani per la prevenzione del diabete tipo 2 e di altre malattie croniche tra gli immigrati.

Attraverso 4 focus group e interviste che hanno coinvolto 23 operatori sanitari reclutati dai coordinatori infermieristici di ogni città selezionata, sono state indagate diverse aree sulla frequenza degli interventi di counseling rivolti a immigranti, alle difficoltà incontrate nella gestione degli incontri e ad eventuali suggerimenti per migliorare i servizi di prevenzione rivolti a queste popolazioni.

I dati raccolti da aprile a settembre 2018 sono stati trascritti e classificati in categorie e sotto-categorie.

L’analisi qualitativa dei dati ha rivelato lo sforzo da parte degli operatori nel fornire una consulenza simile sia per i cittadini nativi che per gli immigrati, sebbene sia importante adattare culturalmente i servizi di promozione della salute in base alle differenze individuali del singolo.

In termini di miglioramento del servizio, molti partecipanti suggeriscono la necessità di formare operatori sanitari culturalmente sensibili al fine di contrastare la discriminazione nei luoghi di cura e promuovere una comunicazione efficace che spesso è ostacolata dalla presenza di barriere linguistiche.

Un ulteriore ostacolo è riconducibile ad uno scarso orientamento nelle norme e strutture che regolano i servizi sanitari.

I partecipanti suggeriscono l’adozione di strategie per sostenere le esigenze dei migranti, di un percorso di follow-up e di raccolta di feedback per comprendere al meglio le richieste e il grado di soddisfazione dell’utente straniero.

La sfida attuale è quella di rispondere in modo adeguato alle diversità culturali, di dotarsi di strumenti aggiuntivi che siano idonei ai bisogni di salute degli utenti stranieri, in modo da affrontare in maniera culturalmente coerente il loro vissuto di malattia o di morte.

Fonte
Nekouei Marvi Langari M et al. Registered nurses’ perceptions of healthy lifestyle counselling for immigrants in primary healthcare: a focus group study. J Adv Nurs 2024 Jan 23.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *