BAL Lazio

Notizie

Immunoterapia e fertilità: una revisione sistematica

Pubblicato giovedì 7 Ottobre 2021

Una revisione sistematica ha analizzato le attuali evidenze disponibili sugli effetti dei trattamenti immunoterapici in oncologia rispetto alla fertilità, alla sessualità e a una gravidanza in corso.

Il gruppo di lavoro totalmente italiano ha evidenziato come i trattamenti immunoterapici, nello specifico i checkpoint inhibitors come gli anti-PD1/anti-PDL1/anti-CTLA4, hanno scosso l’approccio terapeutico oncologico, migliorando drasticamente le prognosi e i tassi di guarigione di numerose neoplasie.

Basti pensare ai melanomi, ai tumori polmonari o a quelli renali anche in un contesto curativo precoce, ma, allo stesso tempo, risulta spiazzante l’estrema scarsità di dati circa il loro eventuale ruolo nella compromissione di fertilità, sessualità o di un’eventuale gravidanza in corso. La revisione sistematica ha fatto luce sulle attuali evidenze e analizzato i tre contesti riproduttivi sopracitati al fine di creare un fondamento culturale condiviso tra clinici. Emerge quanto segue:

  1. I checkpoint inhibitors potrebbero ridurre la fertilità in due modi principali. Il primo, più noto e conosciuto, è l’ipogonadismo secondario, cioè una compromissione della funzionalità dell’asse ipofisi-gonadi. Sebbene l’ipofisite sia ampiamente descritta come tossicità da checkpoint inhibitors, il reale effetto di compromissione della fertilità al momento non è noto.
    Il secondo meccanismo di ipofertilità potrebbe risiedere nell’ipogonadismo primario, dovuto ad un danno immuno-mediato delle gonadi. Sebbene tale effetto appaia possibile, la sua reale incidenza non è al momento nota;
  2. I checkpoint inhibitors non dovrebbero essere utilizzati in corso di gravidanza, poiché potenzialmente in grado di comprometterne l’esito. Tuttavia, in letteratura sono riportati casi di gravidanza conclusasi positivamente in corso di tali trattamenti;
  3. Non è chiaramente noto se i checkpoint inhibitors siano in grado di compromettere la sessualità dei pazienti in trattamento attivo. È necessario effettuare nuovi studi per un miglior inquadramento del fenomeno.

In conclusione, nonostante la scarsità di dati, è possibile definire delle indicazioni pragmatiche per i pazienti che si apprestano ad iniziare un trattamento con farmaci anti-PD1/anti-PDL1/anti-CTLA4 (come nivolumab, pembrolizumab, atezolizumab o ipilimumab). In particolare:

  • È necessario discutere prima di cominciare la terapia l’eventuale rischio di compromissione della fertilità. A tal fine, nel paziente giovane, è indicato proporre un’adeguata strategia di preservazione della fertilità come la criopreservazione;
  • È necessario discutere dell’importanza di un’adeguata contraccezione in corso di terapia. Le donne in età fertile dovrebbero effettuare sempre un test di gravidanza prima di iniziare il trattamento. Nel caso di donne gravide dovrà essere condiviso il ragionamento clinico e il rapporto rischio-beneficio di eventuali trattamenti con checkpoint inhibitors;
  • Discutere della possibilità, al momento teorica, di un’eventuale compromissione della libido. In caso di ipofisite valutare eventuali deficit di ormoni sessuali e integrazione degli stessi, se clinicamente adeguato.

Per concludere: i trattamenti immunologici con checkpoint inhibitors stanno portando risultati straordinari in termini di efficacia. Ma un miglior inquadramento e gestione delle possibili tossicità riproduttive dovrebbe essere considerato. Ciò è particolarmente vero anche nei pazienti lungo-rispondenti ai trattamenti, in cui l’ipotesi di una vita normale non dovrebbe essere esclusa a priori.

Raffaele Giusti

Fonte
Garutti M et al. Checkpoint inhibitors, fertility, pregnancy, and sexual life: a systematic review. ESMO Open 2021;6(5):100276.

Tagged ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Accedi agli articoli

Cascino TM, Somanchi S, Colvin M et al. Racial and sex inequities in the use of and outcomes after left ventricular assist device implantation among medicare beneficiaries. JAMA Netw Open 2022;5(7):e2223080.

Ma H et al. Adding salt to foods and hazard of premature mortality. Eur Heart J. 2022 Jul 10:ehac208. doi: 10.1093/eurheartj/ehac208. Epub ahead of print. PMID: 35808995.

Clarke PM et al. The comparative mortality of an elite group in the long run of history: an observational analysis of politicians from 11 countries. Eur J Epidemiol 2022:23:1-9.

Wang P et al. Associations between long-term drought and diarrhea among children under five in low- and middle-income countries. Nat Commun 2022;13(1):3661.

McDonagh MS et al. Cannabis-based products for chronic pain : a systematic review. Ann Intern Med. 2022 Jun 7. doi: 10.7326/M21-4520. Epub ahead of print. PMID: 35667066.

Global Burden of Disease 2019 Cancer Collaboration et al. Cancer Incidence, Mortality, Years of Life Lost, Years Lived With Disability, and Disability-Adjusted Life Years for 29 Cancer Groups From 2010 to 2019: A Systematic Analysis for the Global Burden of Disease Study 2019. JAMA Oncol 2022;8(3):420-444.

Dehmer SP et al. Aspirin use to prevent cardiovascular disease and colorectal cancer: a decision analysis: technical report [Internet]. Rockville (MD): Agency for Healthcare Research and Quality (US); 2015 Sep. Report No.: 15-05229-EF-1.

Ezekowitz JA et al.; SODIUM-HF Investigators. Reduction of dietary sodium to less than 100 mmol in heart failure (SODIUM-HF): an international, open-label, randomised, controlled trial. Lancet 2022:S0140-6736(22)00369-5.

Fang Z et al. The role of mendelian randomization studies in deciphering the effect of obesity on cancer. JNCI: Journal of the National Cancer Institute 2022; 114 (3); 361-71.

Wong Chung JERE et al. Time to functional recovery after laser tonsillotomy performed under local anesthesia vs conventional tonsillectomy with general anesthesia among adults: a randomized clinical trial. JAMA Netw Open 2022;5(2):e2148655. JAMA Netw Open. 2022;5(2):e2148655.

Sundbøll J. Risk of parkinson disease and secondary parkinsonism in myocardial infarction survivors. Journal of the American Heart Association 2022; doi: 10.1161/JAHA.121.022768

Ferroni E et al. Gender related differences in gastrointestinal bleeding with oral anticoagulation in atrial fibrillation. J Cardiovasc Pharmacol Ther 2022;27:10742484211054609.

Una finestra sull’open access

  • BMC Family Practice
  • BMC Medical Education
  • BMC Nursing
  • BMJ Open
  • PLOS Medicine