BAL Lazio

Notizie

Inquinamento e morti premature a Roma

Pubblicato giovedì 22 Dicembre 2016

Più di mille morti premature nel 2015 e almeno 12mila negli ultimi dieci anni: questi gli effetti più rilevanti dell’inquinamento atmosferico sulla popolazione romana.

Sono i dati contenuti nel rapporto che il Dipartimento di Epidemiologia del servizio sanitario del Lazio (Dep) ha consegnato a Regione e Comune.

“Roma, insieme alle altre grandi città italiane, da molti anni è costretta a considerare i problemi legati all’inquinamento atmosferico a causa di diverse fonti emissive. Questo rapporto esamina i trend storici (1998-2015) della concentrazione dei principali inquinanti come registrati dalle centraline di monitoraggio e stima il contributo dell’inquinamento alla mortalità tra i residenti.”, spiega Carla Ancona, una delle autrici.

L’inquinamento a Roma
Roma è la più grande realtà urbana in Italia con un a popolazione che dai 2.545.860 residenti censiti nel 2001 è arrivata ai 2.864.731 a fine 2015. Insieme ad altre grandi città italiane, da molti anni è costretta a considerare i problemi legati all’inquinamento atmosferico legato a varie fonti emissive: l’aumento delle concentrazioni di inquinanti, in particolare il materiale particolato (PM), è legato principalmente alle emissioni dei veicoli circolanti e, durante i mesi invernali, agli impianti di riscaldamento. È invece più contenuto è il contributo delle emissioni industriali.

I principali dati del rapporto “L’impatto sulla salute dell’inquinamento atmosferico a Roma, 2006-2015
Sono stati esaminati i trend storici, dal 1998, della concentrazione dei principali inquinanti come registrati nelle principali centraline di monitoraggio e si è stimato il contributo dell’inquinamento alla mortalità per cause naturali nella città.

Durante il periodo in studio (1998-2015) si è osservato un decremento delle concentrazioni medie annue per tutti gli inquinanti considerati, in particolare del 33% per il PM10 e del 25% per l’NO2 (1998-2015). Il PM 2.5 è diminuito del 26% dal 2006 al 2015 raggiungendo una concentrazione appena poco inferiore ai 20 μg/m3, ma comunque superiore al valore guida raccomandato dalla Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS). La concentrazione di NO2, malgrado il declino progressivo, rimane tuttavia ben al di sopra del valore di legge prescritto dalla legislazione Europea e nazionale e anche raccomandato dall’OMS (40 μg/m3).

L’impatto sanitario
L’impatto sanitario stimato è relativo alla mortalità per cause naturali e la stima è stata effettuata per il decennio 2006-2015. Malgrado l’impatto sia diminuito negli anni, nel 2015 si sono stimati circa 1000 decessi prematuri attribuibili all’inquinamento da PM 2.5

Per il decennio 2006-2015 l’inquinamento atmosferico della città è stato responsabile di circa 12.000 decessi prematuri. I dati, pur in presenza di un a lenta diminuzione delle concentrazioni, sottolineano la rilevanza sanitaria dell’esposizione ambientale a inquinanti.

“Pur in presenza di una lenta diminuzione delle concentrazioni”, conclude Carla Ancona, “i risultati sollecitano l’adozione di interventi strutturali radicali per la riduzione delle emissioni, in particolare dei veicoli diesel, e la conseguente riduzione della esposizione della popolazione e degli effetti sanitari.”

Fonte:
Renzi M, Stafoggia M, Faustini A, Cesaroni G, Ancona C, Forastiere F, Davoli M. L’impatto sulla salute dell’inquinamento atmosferico a Roma, 2006-2015. Dicembre 2016. Dipartimento di Epidemiologia del Servizio Sanitari o Regionale del Lazio

Visita il sito “Romariasalute”.
Dalla BAL: Se a dicembre splende il sole…, 23 dicembre 2015

Archiviato in ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Accedi agli articoli

Hartmann‐Boyce  J, McRobbie  H, Bullen  C, Begh  R, Stead  LF, Hajek  P. Electronic cigarettes for smoking cessation. Cochrane Database of Systematic Reviews 2016, Issue 9. Art. No.: CD010216. DOI:

Miovský M et al. Attention Deficit Hyperactivity Disorder among clients diagnosed with a substance use disorder in the therapeutic communities: prevalence and psychiatric comorbidity. Eur Addict Res 2020.

Ortel TL et al. American Society of Hematology 2020 guidelines for management of venous thromboembolism: treatment of deep vein thrombosis and pulmonary embolism. Blood Adv 2020; 4(19): 4693-4738.

Chu JJ et al. Mifepristone and misoprostol versus misoprostol alone for the management of missed miscarriage (MifeMiso): a randomised, double-blind, placebo-controlled trial. Lancet 2020 Sep 12;396(10253):770-778.

Vodicka TA et al. Reducing antibiotic prescribing for children with respiratory tract infections in primary care: a systematic review. Br J Gen Pract 2013;63(612):e445-54.

Dominici F, et al. Air pollution, SARS-CoV-2 transmission, and COVID-19 outcomes: a state-of-the-science review of a rapidly evolving research area. medRxiv 2020. doi: https://doi.org/10.1101/2020.08.16.20175901

Marion M Mafham et al. COVID-19 pandemic and admission rates for and management of acute coronary syndromes in England. Lancet 2020;S0140-6736(20)31356-8.

Orkaby AR. Association of statin use with all-cause and cardiovascular mortality in US veterans 75 years and older. JAMA 2020;324(1):68-78

Lethaby AE et al. Progesterone/progestogen releasing intrauterine systems versus either placebo or any other medication for heavy menstrual bleeding. Cochrane Database Syst Rev. 2000;(2):CD002126. doi: 10.1002/14651858.CD002126.

Levis B. Accuracy of the PHQ-2 alone and in combination with the PHQ-9 for screening to detect major depression: systematic review and meta-analysis. JAMA 2020;323(22):2290-2300.

Una finestra sull’open access

  • BMC Family Practice
  • BMC Medical Education
  • BMC Nursing
  • BMJ Open
  • PLOS Medicine

Reset della password

Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.