BAL Lazio

Notizie

Inquinamento e morti premature a Roma

Pubblicato giovedì 22 Dicembre 2016

Più di mille morti premature nel 2015 e almeno 12mila negli ultimi dieci anni: questi gli effetti più rilevanti dell’inquinamento atmosferico sulla popolazione romana.

Sono i dati contenuti nel rapporto che il Dipartimento di Epidemiologia del servizio sanitario del Lazio (Dep) ha consegnato a Regione e Comune.

“Roma, insieme alle altre grandi città italiane, da molti anni è costretta a considerare i problemi legati all’inquinamento atmosferico a causa di diverse fonti emissive. Questo rapporto esamina i trend storici (1998-2015) della concentrazione dei principali inquinanti come registrati dalle centraline di monitoraggio e stima il contributo dell’inquinamento alla mortalità tra i residenti.”, spiega Carla Ancona, una delle autrici.

L’inquinamento a Roma
Roma è la più grande realtà urbana in Italia con un a popolazione che dai 2.545.860 residenti censiti nel 2001 è arrivata ai 2.864.731 a fine 2015. Insieme ad altre grandi città italiane, da molti anni è costretta a considerare i problemi legati all’inquinamento atmosferico legato a varie fonti emissive: l’aumento delle concentrazioni di inquinanti, in particolare il materiale particolato (PM), è legato principalmente alle emissioni dei veicoli circolanti e, durante i mesi invernali, agli impianti di riscaldamento. È invece più contenuto è il contributo delle emissioni industriali.

I principali dati del rapporto “L’impatto sulla salute dell’inquinamento atmosferico a Roma, 2006-2015
Sono stati esaminati i trend storici, dal 1998, della concentrazione dei principali inquinanti come registrati nelle principali centraline di monitoraggio e si è stimato il contributo dell’inquinamento alla mortalità per cause naturali nella città.

Durante il periodo in studio (1998-2015) si è osservato un decremento delle concentrazioni medie annue per tutti gli inquinanti considerati, in particolare del 33% per il PM10 e del 25% per l’NO2 (1998-2015). Il PM 2.5 è diminuito del 26% dal 2006 al 2015 raggiungendo una concentrazione appena poco inferiore ai 20 μg/m3, ma comunque superiore al valore guida raccomandato dalla Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS). La concentrazione di NO2, malgrado il declino progressivo, rimane tuttavia ben al di sopra del valore di legge prescritto dalla legislazione Europea e nazionale e anche raccomandato dall’OMS (40 μg/m3).

L’impatto sanitario
L’impatto sanitario stimato è relativo alla mortalità per cause naturali e la stima è stata effettuata per il decennio 2006-2015. Malgrado l’impatto sia diminuito negli anni, nel 2015 si sono stimati circa 1000 decessi prematuri attribuibili all’inquinamento da PM 2.5

Per il decennio 2006-2015 l’inquinamento atmosferico della città è stato responsabile di circa 12.000 decessi prematuri. I dati, pur in presenza di un a lenta diminuzione delle concentrazioni, sottolineano la rilevanza sanitaria dell’esposizione ambientale a inquinanti.

“Pur in presenza di una lenta diminuzione delle concentrazioni”, conclude Carla Ancona, “i risultati sollecitano l’adozione di interventi strutturali radicali per la riduzione delle emissioni, in particolare dei veicoli diesel, e la conseguente riduzione della esposizione della popolazione e degli effetti sanitari.”

Fonte:
Renzi M, Stafoggia M, Faustini A, Cesaroni G, Ancona C, Forastiere F, Davoli M. L’impatto sulla salute dell’inquinamento atmosferico a Roma, 2006-2015. Dicembre 2016. Dipartimento di Epidemiologia del Servizio Sanitari o Regionale del Lazio

Visita il sito “Romariasalute”.
Dalla BAL: Se a dicembre splende il sole…, 23 dicembre 2015

Tagged ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Accedi agli articoli

Dehmer SP et al. Aspirin use to prevent cardiovascular disease and colorectal cancer: a decision analysis: technical report [Internet]. Rockville (MD): Agency for Healthcare Research and Quality (US); 2015 Sep. Report No.: 15-05229-EF-1.

Ezekowitz JA et al.; SODIUM-HF Investigators. Reduction of dietary sodium to less than 100 mmol in heart failure (SODIUM-HF): an international, open-label, randomised, controlled trial. Lancet 2022:S0140-6736(22)00369-5.

Fang Z et al. The role of mendelian randomization studies in deciphering the effect of obesity on cancer. JNCI: Journal of the National Cancer Institute 2022; 114 (3); 361-71.

Wong Chung JERE et al. Time to functional recovery after laser tonsillotomy performed under local anesthesia vs conventional tonsillectomy with general anesthesia among adults: a randomized clinical trial. JAMA Netw Open 2022;5(2):e2148655. JAMA Netw Open. 2022;5(2):e2148655.

Sundbøll J. Risk of parkinson disease and secondary parkinsonism in myocardial infarction survivors. Journal of the American Heart Association 2022; doi: 10.1161/JAHA.121.022768

Ferroni E et al. Gender related differences in gastrointestinal bleeding with oral anticoagulation in atrial fibrillation. J Cardiovasc Pharmacol Ther 2022;27:10742484211054609.

Lowenstein M et al. Sustained implementation of a multicomponent strategy to increase emergency department-initiated interventions for opioid use disorder. Ann Emerg Med 2021:S0196-0644(21)01380-9.

Okereke OI et al. Effect of long-term supplementation with marine omega-3 fatty acids vs placebo on risk of depression or clinically relevant depressive symptoms and on change in mood scores: a randomized clinical trial. JAMA 2021;326(23):2385-2394.

Gaillard EA et al. European Respiratory Society clinical practice guidelines for the diagnosis of asthma in children aged 5-16 years. Eur Respir J 2021;58(5):2004173.

Slomski A. Thousands of US youths cope with the trauma of losing parents to COVID-19. JAMA. Published online November 17, 2021.

Hillis SD, Blenkinsop A, Villaveces A, et al. COVID-19-associated orphanhood and caregiver death in the United States. Pediatrics. 2021 Oct 7:e2021053760.

Una finestra sull’open access

  • BMC Family Practice
  • BMC Medical Education
  • BMC Nursing
  • BMJ Open
  • PLOS Medicine