BAL Lazio

Notizie

Interventi psicologici preventivi: nei giovani funzionano

Pubblicato venerdì 21 Maggio 2021

Offrire interventi psicologici selettivi e universali ai giovani può prevenire l’insorgenza di alcuni disturbi di salute mentale, questo è quanto emerge dalla prima revisione sistematica sull’argomento pubblicata sulla Harvard Review of Psychiatry.

Dalla revisione sistematica sono stati individuati 295 studi in cui individui di età inferiore a 35 anni sono stati assegnati in modo casuale a un intervento preventivo sulla salute mentale o a un gruppo di controllo. La maggior parte degli studi ha esaminato la psicoeducazione (37%) o la psicoterapia (28%), mentre il 18% ha esaminato entrambe e il 17% ha coinvolto altri tipi di interventi.

Il 40% degli studi ha esaminato gli interventi universali, rivolti a una popolazione generale: ad esempio, un’assemblea delle scuole superiori sull’uso di alcol è un intervento universale. Altri studi si sono concentrati su interventi selettivi, che prendono di mira individui privi di sintomi che sono considerati ad alto rischio di sviluppare un disturbo mentale. Il 70% degli studi è stato condotto in Nordamerica o in Europa.

Complessivamente hanno partecipato 447.206 giovani: 234.330 nei gruppi di intervento e 212.876 nei gruppi di controllo. L’età media dei partecipanti era di 15 anni, ma si andava da bambini di età inferiore a 1 anno ad adulti di 34 anni.

Nella metanalisi i 17 disturbi di salute mentale studiati sono stati suddivisi in tre gruppi:

  • Rischio ridotto da misure di prevenzione sia universali che selettive: sintomi affettivi (dell’umore), uso di alcol e sue conseguenze, caratteristiche di ansia, problemi di condotta, violenza interpersonale, disagio psicologico generale, disturbo da stress post-traumatico, uso di tabacco e “altri” problemi emotivi e comportamentali.
  • Rischio marginalmente ridotto da misure di prevenzione sia universali che selettive: caratteristiche di deficit dell’attenzione/iperattività (ADHD), uso di cannabis e comportamenti esternalizzanti (ad esempio, aggressivi o antisociali).
  • Rischio non ridotto da misure di prevenzione universali o selettive: problemi legati all’alimentazione, funzionamento alterato, comportamenti interiorizzanti (paurosi, ansiosi o inibiti) e problemi legati al sonno.

Gli interventi di psicoeducazione erano particolarmente promettenti per gli aspetti legati all’ADHD, ai sintomi affettivi o alla violenza interpersonale. La psicoterapia si è rivelata più efficace per gli aspetti legati all’ansia.

Anche nel caso degli interventi che hanno mostrato una certa capacità di prevenire problemi di salute mentale, le dimensioni dell’effetto (l’entità dei miglioramenti) erano comunque piccole.  “Poiché questi campioni sono tipicamente giovani e non ancora affetti da condizioni psichiatriche, effetti di piccole dimensioni … possono potenzialmente tradursi in benefici rilevanti a lungo termine – se l’intervento è fornito a un numero sufficiente di individui”, evidenzia Salazar de Pablo, autore dello studio.

Fonte
Salazar de Pablo G et al. Universal and selective interventions to prevent poor mental health outcomes in young people: systematic review and meta-analysis. Harvard Review of Psychiatry 2021;29 (3) 196-215.

Tagged , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Accedi agli articoli

Cascino TM, Somanchi S, Colvin M et al. Racial and sex inequities in the use of and outcomes after left ventricular assist device implantation among medicare beneficiaries. JAMA Netw Open 2022;5(7):e2223080.

Ma H et al. Adding salt to foods and hazard of premature mortality. Eur Heart J. 2022 Jul 10:ehac208. doi: 10.1093/eurheartj/ehac208. Epub ahead of print. PMID: 35808995.

Clarke PM et al. The comparative mortality of an elite group in the long run of history: an observational analysis of politicians from 11 countries. Eur J Epidemiol 2022:23:1-9.

Wang P et al. Associations between long-term drought and diarrhea among children under five in low- and middle-income countries. Nat Commun 2022;13(1):3661.

McDonagh MS et al. Cannabis-based products for chronic pain : a systematic review. Ann Intern Med. 2022 Jun 7. doi: 10.7326/M21-4520. Epub ahead of print. PMID: 35667066.

Global Burden of Disease 2019 Cancer Collaboration et al. Cancer Incidence, Mortality, Years of Life Lost, Years Lived With Disability, and Disability-Adjusted Life Years for 29 Cancer Groups From 2010 to 2019: A Systematic Analysis for the Global Burden of Disease Study 2019. JAMA Oncol 2022;8(3):420-444.

Dehmer SP et al. Aspirin use to prevent cardiovascular disease and colorectal cancer: a decision analysis: technical report [Internet]. Rockville (MD): Agency for Healthcare Research and Quality (US); 2015 Sep. Report No.: 15-05229-EF-1.

Ezekowitz JA et al.; SODIUM-HF Investigators. Reduction of dietary sodium to less than 100 mmol in heart failure (SODIUM-HF): an international, open-label, randomised, controlled trial. Lancet 2022:S0140-6736(22)00369-5.

Fang Z et al. The role of mendelian randomization studies in deciphering the effect of obesity on cancer. JNCI: Journal of the National Cancer Institute 2022; 114 (3); 361-71.

Wong Chung JERE et al. Time to functional recovery after laser tonsillotomy performed under local anesthesia vs conventional tonsillectomy with general anesthesia among adults: a randomized clinical trial. JAMA Netw Open 2022;5(2):e2148655. JAMA Netw Open. 2022;5(2):e2148655.

Sundbøll J. Risk of parkinson disease and secondary parkinsonism in myocardial infarction survivors. Journal of the American Heart Association 2022; doi: 10.1161/JAHA.121.022768

Ferroni E et al. Gender related differences in gastrointestinal bleeding with oral anticoagulation in atrial fibrillation. J Cardiovasc Pharmacol Ther 2022;27:10742484211054609.

Una finestra sull’open access

  • BMC Family Practice
  • BMC Medical Education
  • BMC Nursing
  • BMJ Open
  • PLOS Medicine