BAL Lazio

Notizie

Ipertensione: farmaci a confronto in una revisione Cochrane

Pubblicato giovedì 9 Febbraio 2017

I betabloccanti sono efficaci quanto altri farmaci nel trattamento dell’ipertensione?

Secondo una recente revisione Cochrane, i betabloccanti non sarebbero efficaci quanto altre classi di farmaci, come i diuretici, i calcioantagonisti, gli inibitori del sistema renina-angiotensina, nella prevenzione di morte, ictus e infarto.

Nella revisione sistematica sono stati analizzati i dati di 13 trial randomizzati controllati che confrontavano betabloccanti vs placebo (4 RCT, 23.613 partecipanti); vs diuretici (5 RCT, 18.241 partecipanti), vs calcioantagonisti (CCBs) (4 RCT, 44,825 partecipanti); vs inibitori del sistema renina-angiotensina (RAS) (3 RCT, 10.828 partecipanti). 40,245 partecipanti assumevano betabloccanti (nei 3 quarti dei casi atenololo). Gli RCT sono stati condotti tra il 1970 e il 2000 e la maggior parte era ad alto rischio di bias.

Non c’era differenza nella mortalità per tutte le cause tra betabloccanti e placebo, diuretici o inibitori del sistema renina-angiotensina; la mortalità era invece superiore con i betabloccanti vs CCBs (RR 1.07, 95% CI 1.00 – 1.14).

Il rischio di malattie cardiovascolari era inferiore con i betabloccanti vs placebo (RR 0.88, 95% CI 0.79 – 0.97) (la diminuzione, in particolare, si registrava nel numero di ictus, dal momento che non c’erano differenze nelle cardiopatie ischemiche, CHD); l’effetto dei betabloccanti invece era peggiore rispetto ai CCBs (RR 1.18, 95% CI 1.08-1.29) ma non era diverso da quello dei diuretici o degli inibitori di RAS. Inoltre con i betabloccanti c’era un aumento degli ictus rispetto ai CCBs (RR 1.24, 95% CI 1.11-1.40) e agli inibitori di RAS (RR 1.30, 95% CI 1.11-1.53). Nell’unico trial che coinvolgeva partecipanti di età pari o superiore a 65 anni, l’atenololo era associato a un aumento dell’incidenza di cardiopatie ischemiche rispetto ai diuretici (RR 1.63, 95% CI 1.15-2.32). I partecipanti che assumevano betabloccanti, inoltre, avevano più probabilità di sospendere il trattamento a causa di eventi avversi rispetto a quelli che assumevano inibitori di RAS (RR 1.41, 95% CI 1.29-1.54); c’erano invece differenze minime o nulle rispetto a placebo, diuretici o CCBS.

Secondo gli autori della review, i betabloccanti, nelle persone con ipertensione:

  •  non determinano differenze in termini di mortalità, il loro effetto infatti sembra essere simile a quello dei diuretici e degli inibitori di RAS; sono però meno efficaci dei calcioantagonisti;
  • potrebbero ridurre il numero di ictus, con un effetto simile a quello dei diuretici; ma potrebbero non essere altrettanto efficaci quanto gli inibitori di RAS o i calcioantagonisti
  • potrebbero avere un effetto minimo sul numero di infarti; le evidenze suggerirebbero che questo effetto potrebbe non essere diverso da quello prodotto dai diuretici, dagli inibitori di ASA o dai calcioantagonisti; tuttavia nelle persone di età pari o superiore ai 65 anni, le evidenze suggeriscono che potrebbero non essere efficaci quanto i diuretici nel ridurre gli infarti.

Inoltre, le persone che assumono betabloccanti hanno una probabilità maggiore di subire effetti collaterali e di sospendere il trattamento delle persone che assumono inibitori di RAS; mentre non sembrano esserci differenze sostanziali rispetto ai diuretici o ai calcioantagonisti.

Quali le implicazioni per la pratica clinica?
I risultati della revisione sistematica Cochrane suggeriscono che i betabloccanti “sono inferiori, come farmaci di prima linea, rispetto ai diuretici, agli inibitori di RAS e ai calcioantagonisti”, concludono gli autori.

Fonte
Wiysonge CS, Bradley HA, Volmink J, et al. Beta-blockers for hypertension. Cochrane Database Syst Rev. 2017 Jan 20;1:CD002003. doi: 10.1002/14651858.CD002003.pub5. (Review) PMID: 28107561

Archiviato in , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Accedi agli articoli

Ortel TL et al. American Society of Hematology 2020 guidelines for management of venous thromboembolism: treatment of deep vein thrombosis and pulmonary embolism. Blood Adv 2020; 4(19): 4693-4738.

Chu JJ et al. Mifepristone and misoprostol versus misoprostol alone for the management of missed miscarriage (MifeMiso): a randomised, double-blind, placebo-controlled trial. Lancet 2020 Sep 12;396(10253):770-778.

Vodicka TA et al. Reducing antibiotic prescribing for children with respiratory tract infections in primary care: a systematic review. Br J Gen Pract 2013;63(612):e445-54.

Dominici F, et al. Air pollution, SARS-CoV-2 transmission, and COVID-19 outcomes: a state-of-the-science review of a rapidly evolving research area. medRxiv 2020. doi: https://doi.org/10.1101/2020.08.16.20175901

Marion M Mafham et al. COVID-19 pandemic and admission rates for and management of acute coronary syndromes in England. Lancet 2020;S0140-6736(20)31356-8.

Orkaby AR. Association of statin use with all-cause and cardiovascular mortality in US veterans 75 years and older. JAMA 2020;324(1):68-78

Lethaby AE et al. Progesterone/progestogen releasing intrauterine systems versus either placebo or any other medication for heavy menstrual bleeding. Cochrane Database Syst Rev. 2000;(2):CD002126. doi: 10.1002/14651858.CD002126.

Levis B. Accuracy of the PHQ-2 alone and in combination with the PHQ-9 for screening to detect major depression: systematic review and meta-analysis. JAMA 2020;323(22):2290-2300.

NCD Risk Factor Collaboration (NCD-RisC). Repositioning of the global epicentre of non-optimal cholesterol. Nature 2020 Jun;582(7810):73-77. doi: 10.1038/s41586-020-2338-1. Epub 2020 Jun 3.

Una finestra sull’open access

  • BMC Family Practice
  • BMC Medical Education
  • BMC Nursing
  • BMJ Open
  • PLOS Medicine

Reset della password

Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.