BAL Lazio

Notizie

Ipertensione: farmaci a confronto in una revisione Cochrane

Pubblicato giovedì 9 Febbraio 2017

I betabloccanti sono efficaci quanto altri farmaci nel trattamento dell’ipertensione?

Secondo una recente revisione Cochrane, i betabloccanti non sarebbero efficaci quanto altre classi di farmaci, come i diuretici, i calcioantagonisti, gli inibitori del sistema renina-angiotensina, nella prevenzione di morte, ictus e infarto.

Nella revisione sistematica sono stati analizzati i dati di 13 trial randomizzati controllati che confrontavano betabloccanti vs placebo (4 RCT, 23.613 partecipanti); vs diuretici (5 RCT, 18.241 partecipanti), vs calcioantagonisti (CCBs) (4 RCT, 44,825 partecipanti); vs inibitori del sistema renina-angiotensina (RAS) (3 RCT, 10.828 partecipanti). 40,245 partecipanti assumevano betabloccanti (nei 3 quarti dei casi atenololo). Gli RCT sono stati condotti tra il 1970 e il 2000 e la maggior parte era ad alto rischio di bias.

Non c’era differenza nella mortalità per tutte le cause tra betabloccanti e placebo, diuretici o inibitori del sistema renina-angiotensina; la mortalità era invece superiore con i betabloccanti vs CCBs (RR 1.07, 95% CI 1.00 – 1.14).

Il rischio di malattie cardiovascolari era inferiore con i betabloccanti vs placebo (RR 0.88, 95% CI 0.79 – 0.97) (la diminuzione, in particolare, si registrava nel numero di ictus, dal momento che non c’erano differenze nelle cardiopatie ischemiche, CHD); l’effetto dei betabloccanti invece era peggiore rispetto ai CCBs (RR 1.18, 95% CI 1.08-1.29) ma non era diverso da quello dei diuretici o degli inibitori di RAS. Inoltre con i betabloccanti c’era un aumento degli ictus rispetto ai CCBs (RR 1.24, 95% CI 1.11-1.40) e agli inibitori di RAS (RR 1.30, 95% CI 1.11-1.53). Nell’unico trial che coinvolgeva partecipanti di età pari o superiore a 65 anni, l’atenololo era associato a un aumento dell’incidenza di cardiopatie ischemiche rispetto ai diuretici (RR 1.63, 95% CI 1.15-2.32). I partecipanti che assumevano betabloccanti, inoltre, avevano più probabilità di sospendere il trattamento a causa di eventi avversi rispetto a quelli che assumevano inibitori di RAS (RR 1.41, 95% CI 1.29-1.54); c’erano invece differenze minime o nulle rispetto a placebo, diuretici o CCBS.

Secondo gli autori della review, i betabloccanti, nelle persone con ipertensione:

  •  non determinano differenze in termini di mortalità, il loro effetto infatti sembra essere simile a quello dei diuretici e degli inibitori di RAS; sono però meno efficaci dei calcioantagonisti;
  • potrebbero ridurre il numero di ictus, con un effetto simile a quello dei diuretici; ma potrebbero non essere altrettanto efficaci quanto gli inibitori di RAS o i calcioantagonisti
  • potrebbero avere un effetto minimo sul numero di infarti; le evidenze suggerirebbero che questo effetto potrebbe non essere diverso da quello prodotto dai diuretici, dagli inibitori di ASA o dai calcioantagonisti; tuttavia nelle persone di età pari o superiore ai 65 anni, le evidenze suggeriscono che potrebbero non essere efficaci quanto i diuretici nel ridurre gli infarti.

Inoltre, le persone che assumono betabloccanti hanno una probabilità maggiore di subire effetti collaterali e di sospendere il trattamento delle persone che assumono inibitori di RAS; mentre non sembrano esserci differenze sostanziali rispetto ai diuretici o ai calcioantagonisti.

Quali le implicazioni per la pratica clinica?
I risultati della revisione sistematica Cochrane suggeriscono che i betabloccanti “sono inferiori, come farmaci di prima linea, rispetto ai diuretici, agli inibitori di RAS e ai calcioantagonisti”, concludono gli autori.

Fonte
Wiysonge CS, Bradley HA, Volmink J, et al. Beta-blockers for hypertension. Cochrane Database Syst Rev. 2017 Jan 20;1:CD002003. doi: 10.1002/14651858.CD002003.pub5. (Review) PMID: 28107561

Archiviato in , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Accedi agli articoli

Zichi C et al. Adoption of multiple primary endpoints in phase III trials of systemic treatments in patients with advanced solid tumours. A systematic review. Eur j Canc 2021;149:49-60.

Seidler AN et al.; on behalf of the International Liaison Committee On Resuscitation Neonatal Life Support Task Force. Umbilical cord management for newborns <34 weeks' gestation: a meta-analysis. Pediatrics 2021; 147 (3) e20200576.

Gabrhelík R et al. Cannabis use during pregnancy and risk of adverse birth outcomes: a longitudinal cohort study. Eur Addict Res 2020. doi: 10.1159/000510821e

Ouldali N et al. Association of intravenous immunoglobulins plus methylprednisolone vs immunoglobulins alone with course of fever in multisystem inflammatory syndrome in children. JAMA. February 1, 2021. Epub ahead of print. doi:10.1001/jama.2021.0694

Freedman RA et al. Individualizing surveillance mammography for older patients after treatment for early-stage breast cancer: multidisciplinary expert panel and International Society of Geriatric Oncology Consensus Statement. JAMA Oncol. Published online January 28, 2021. doi:10.1001/jamaoncol.2020.7582

Fontanella CA et al. Association of cannabis use with self-harm and mortality risk among youths with mood disorders. JAMA Pediatr. Published online January 19, 2021. doi:10.1001/jamapediatrics.2020.5494

Goldenberg JZ et al. Efficacy and safety of low and very low carbohydrate diets for type 2 diabetes remission: systematic review and meta-analysis of published and unpublished randomized trial data. BMJ 2021;372:m4743

Huang J, Yang F, Chien W, et al. Risk of substance use disorder and its associations with comorbidities and psychotropic agents in patients with autism. JAMA Pediatr. Published online January 04, 2021.

Ezekowitz JA et al. Is there a sex gap in surviving an acute coronary syndrome or subsequent development of heart failure? Circulation, 30 november 2020.

Una finestra sull’open access

  • BMC Family Practice
  • BMC Medical Education
  • BMC Nursing
  • BMJ Open
  • PLOS Medicine

Reset della password

Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.