BAL Lazio

Notizie

Ipotiroidismo subclinico: meglio far finta di niente

Pubblicato lunedì 3 Giugno 2019

Le nuove linee guida per la pratica clinica basate su una revisione sistematica pubblicata sul BMJ sono decisamente orientate (raccomandazione forte) contro l’uso routinario degli ormoni tiroidei negli adulti con ipotiroidismo subclinico.

L’ipotiroidismo subclinico
Dal punto di vista biochimico, l’ipotiroidismo subclinico consiste in livelli elevati di TSH con livelli normali di tiroxina libera. I pazienti in questa situazione possono essere asintomatici o avere soltanto sintomi non specifici. La patologia interessa circa il 5% della popolazione adulta e il 10-15% degli anziani, ma la definizione può variare. Circa il 90% dei pazienti con ipotiroidismo subclinico presenta livelli di TSH di 4-10 mlU/L, ma un lieve aumento può essere normale nelle persone anziane.

E nella maggior parte dei casi, il problema si risolve da solo. Circa il 62% delle persone con livelli di TSH di 4-10 mlU /L sperimenta la normalizzazione dei livelli della tiroide entro 5 anni senza alcun trattamento. Il rischio di ipotiroidismo conclamato che emerge dalle forme subcliniche varia dal 2% al 5% ogni anno. Inoltre, anche se i dati osservazionali hanno suggerito un legame tra ipotiroidismo subclinico e rischio aumentato di malattia coronarica, le associazioni non sono state osservate con livelli di TSH di 5-10 mIU/L.

Di fronte a un quadro di prove nel complesso così inconcludenti rispetto all’utilità dello screening, alcune linee guida lo hanno comunque raccomandato per gli adulti ogni 5 anni. E da allora le prescrizioni della terapia sostitutiva dell’ormone tiroideo per l’ipotiroidismo subclinico sono nettamente aumentate: nel 2015, la levotiroxina era tra i farmaci più prescritti negli Stati Uniti e nel periodo 1996-2006 sono raddoppiate le prescrizioni nel Regno Unito. In uno studio incluso nella revisione emerge che a un terzo dei pazienti è stata offerta levotiroxina solo dopo un singolo test TSH, nonostante l’evidenza che i livelli di TSH fluttuano e spesso ritornano da soli a livelli normali, e che una volta che i pazienti iniziano la terapia con levotiroxina, la maggior parte rimane con il farmaco per diversi anni.

Le linee-guida
Nella revisione sistematica che ha prodotto le linee-guida per la pratica clinica (aderendo agli standard della metodologia GRADE), i ricercatori hanno confrontato gli effetti dell’ormone tiroideo con il placebo o nessun trattamento negli adulti con ipotiroidismo subclinico. Tra i 21 studi (2192 partecipanti) inclusi nella revisione sistematica, è stato lo studio TRUST a condizionare di più i risultati. In quel trial di 737 adulti (età media 74 anni) con un’ampia varietà di comorbilità, la terapia con levotiroxina (LT4) non ha mostrato “alcun beneficio apparente negli anziani con ipotiroidismo subclinico”.

A comporre il panel internazionale sono stati chiamati metodologi, medici generici, internisti, endocrinologi e pazienti con ipotiroidismo subclinico. La conclusione a cui è giunto il panel è che gli ormoni tiroidei non dovrebbero essere offerti di routine agli adulti con ipotiroidismo subclinico perché non hanno grandi benefici in termini di qualità della vita o sintomi correlati alla tiroide (sintomi depressivi, affaticamento e BMI inclusi). Senza contare l’impatto sulla vita dei pazienti, visto che il trattamento richiede un farmaco giornaliero anche per un lungo periodo di tempo, oltre al follow-up e agli esami del sangue per i test di funzionalità tiroidea e gli aggiustamenti della dose.

Gli effetti sulle prescrizioni
Anche se le raccomandazioni non si applicano alle donne che stanno cercando di rimanere incinte, ai giovani adulti (età ≤30 anni) o ai pazienti con TSH significativamente elevato o sintomi gravi, gli esperti ritengono che se queste linee guida fossero implementate, ci si dovrebbe aspettare un effetto significativo sulle tendenze di prescrizione degli ormoni tiroidei.

Fonte
Bekkering GE et al. Thyroid hormones treatment for subclinical hypothyroidism: a clinical practice guideline. BMJ 2019; 365 :l2006

Archiviato in ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Accedi agli articoli

Lethaby AE et al. Progesterone/progestogen releasing intrauterine systems versus either placebo or any other medication for heavy menstrual bleeding. Cochrane Database Syst Rev. 2000;(2):CD002126. doi: 10.1002/14651858.CD002126.

Levis B. Accuracy of the PHQ-2 alone and in combination with the PHQ-9 for screening to detect major depression: systematic review and meta-analysis. JAMA 2020;323(22):2290-2300.

NCD Risk Factor Collaboration (NCD-RisC). Repositioning of the global epicentre of non-optimal cholesterol. Nature 2020 Jun;582(7810):73-77. doi: 10.1038/s41586-020-2338-1. Epub 2020 Jun 3.

Hsiang S et al. The effect of large-scale anti-contagion policies on the COVID-19 pandemic. Nature 2020 Jun 8. doi: 10.1038/s41586-020-2404-8. Online ahead of print.

Flaxman S. Estimating the effects of non-pharmaceutical interventions on COVID-19 in Europe. Nature2020 Jun 8. doi: 10.1038/s41586-020-2405-7. Online ahead of print.

Carlsen LN. Comparison of 3 treatment strategies for medication overuse headache: a randomized clinical trial. JAMA Neurol 2020;e201179. doi: 10.1001/jamaneurol.2020.1179. Online ahead of print.

Hayes CJ et al. Impact of opioid dose escalation on pain intensity: a retrospective cohort study. Pain 2020 May;161(5):979-988. doi: 10.1097/j.pain.0000000000001784.

Ludvigsson JF. Children are unlikely to be the main drivers of the COVID-19 pandemic – a systematic review. Acta Paediatr 2020 May 19. doi: 10.1111/apa.15371. Online ahead of prin

Una finestra sull’open access

  • BMC Family Practice
  • BMC Medical Education
  • BMC Nursing
  • BMJ Open
  • PLOS Medicine

Reset della password

Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.