BAL Lazio

Notizie

L’angioplastica nella cardiopatia ischemica stabile

Pubblicato martedì 15 Dicembre 2015

In persone con cardiopatia ischemica stabile, l’angioplastica coronarica percutanea (PCI), in aggiunta alla terapia medica, non migliora la sopravvivenza: questa la conclusione dello studio COURAGE (Clinical Outcomes Utilizing Revascularization and Aggressive Drug Evaluation). Dopo un follow-up più lungo sono dunque confermati i risultati dello studio pubblicato nel 2007 sul New England Journal of Medicine.

Tra il 1999 (giugno) e l’inizio del 2004 sono stati randomizzati 2287 pazienti con cardiopatia ischemica stabile a una strategia di trattamento con terapia medica ottimale (gruppo di terapia medica) oppure a terapia medica ottimale più PCI (gruppo PCI).

Risultati A un follow-up di 4.6 anni non furono rilevate differenze significative nei tassi di sopravvivenza. Per un gruppo di pazienti (53% della popolazione originaria) è stato possibile ottenere dati sulla sopravvivenza ad un follow-up medio di 11.9 anni (range, 0-15 anni). Nel periodo in studio si sono registrati 561 decessi (180 durante il periodo follow-up del trial originale e 381 durante il follow-up esteso): di queste, 284 morti (25%) nel gruppo PCI e 277 (24%) nel gruppo di terapia medica (adjusted hazard ratio, 1.03; 95% CI 0.83-1.21; P=0.76).

Da un’analisi per sottogruppi non sono state individuate tipologie di pazienti che potessero trarre beneficio da una PCI all’inizio del trattamento. Tra le variabili considerate: età superiore o inferiore a 60 anni, genere, abitudine al fumo, comorbidità come diabete mellito, patologie polmonari, epatiche o renali.

I risultati sono congruenti con quelli dello studio Bypass Angioplasty Revascularization Investigation 2 Diabetes (BARI 2D) che ha coinvolto 2368 pazienti con diabete e cardiopatia ischemica stabile: il BARI 2D infatti non aveva dimostrato un miglioramento della sopravvivenza con la PCI rispetto all’endpoint primario, cioè la morte per tutte le cause, dopo un follow-up mediano di 5.3 anni.

“Prima del trial COURAGE la maggior parte dei cardiologi interventisti, me incluso”, ha detto a Medscape Steven Sedlis (New York Harbor Health Care System, NY), uno degli autori del gruppo, “riteneva che la PCI dell’ischemia che causa l’ostruzione delle coronarie portasse a esiti migliori e che probabilmente migliorasse la sopravvivenza … “, dopo molti più anni di follow-up non sono state però rilevate differenze, per cui ”escludiamo la possibilità di un beneficio a lungo termine di una PCI iniziale” conclude Sedlis.

Fonti:
Sedlis SP, Hartigan PM, Teo KK et al. Effect of PCI on Long-term survival in patients with stable ischemic heart disease. N Engl J Med 2015; 373:1937-46.
La descrizione dello studio in poco più di 1 minuto nel video a cura del NEJM:

Tagged ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Accedi agli articoli

Cascino TM, Somanchi S, Colvin M et al. Racial and sex inequities in the use of and outcomes after left ventricular assist device implantation among medicare beneficiaries. JAMA Netw Open 2022;5(7):e2223080.

Ma H et al. Adding salt to foods and hazard of premature mortality. Eur Heart J. 2022 Jul 10:ehac208. doi: 10.1093/eurheartj/ehac208. Epub ahead of print. PMID: 35808995.

Clarke PM et al. The comparative mortality of an elite group in the long run of history: an observational analysis of politicians from 11 countries. Eur J Epidemiol 2022:23:1-9.

Wang P et al. Associations between long-term drought and diarrhea among children under five in low- and middle-income countries. Nat Commun 2022;13(1):3661.

McDonagh MS et al. Cannabis-based products for chronic pain : a systematic review. Ann Intern Med. 2022 Jun 7. doi: 10.7326/M21-4520. Epub ahead of print. PMID: 35667066.

Global Burden of Disease 2019 Cancer Collaboration et al. Cancer Incidence, Mortality, Years of Life Lost, Years Lived With Disability, and Disability-Adjusted Life Years for 29 Cancer Groups From 2010 to 2019: A Systematic Analysis for the Global Burden of Disease Study 2019. JAMA Oncol 2022;8(3):420-444.

Dehmer SP et al. Aspirin use to prevent cardiovascular disease and colorectal cancer: a decision analysis: technical report [Internet]. Rockville (MD): Agency for Healthcare Research and Quality (US); 2015 Sep. Report No.: 15-05229-EF-1.

Ezekowitz JA et al.; SODIUM-HF Investigators. Reduction of dietary sodium to less than 100 mmol in heart failure (SODIUM-HF): an international, open-label, randomised, controlled trial. Lancet 2022:S0140-6736(22)00369-5.

Fang Z et al. The role of mendelian randomization studies in deciphering the effect of obesity on cancer. JNCI: Journal of the National Cancer Institute 2022; 114 (3); 361-71.

Wong Chung JERE et al. Time to functional recovery after laser tonsillotomy performed under local anesthesia vs conventional tonsillectomy with general anesthesia among adults: a randomized clinical trial. JAMA Netw Open 2022;5(2):e2148655. JAMA Netw Open. 2022;5(2):e2148655.

Sundbøll J. Risk of parkinson disease and secondary parkinsonism in myocardial infarction survivors. Journal of the American Heart Association 2022; doi: 10.1161/JAHA.121.022768

Ferroni E et al. Gender related differences in gastrointestinal bleeding with oral anticoagulation in atrial fibrillation. J Cardiovasc Pharmacol Ther 2022;27:10742484211054609.

Una finestra sull’open access

  • BMC Family Practice
  • BMC Medical Education
  • BMC Nursing
  • BMJ Open
  • PLOS Medicine