BAL Lazio

Notizie

Le 10 regole dopo un infarto

Pubblicato venerdì 11 Gennaio 2019

Il miglioramento nella diagnosi e nell’assistenza del paziente con infarto del miocardio ha permesso una importante riduzione del numero dei decessi nel corso degli ultimi 10 anni (ISTAT 2017). Mortalità che potrebbe ulteriormente diminuire se si migliorasse l’aderenza alla terapia farmacologica. Le linee-guida di pratica clinica basate sulle prove raccomandano infatti il trattamento combinato e continuativo con quattro farmaci: antiaggreganti, betabloccanti, ACE-inibitori/sartani e statine. Nonostante queste raccomandazioni siano supportate da solide evidenze scientifiche, uno studio condotto dal Dipartimento di Epidemiologia del Servizio sanitario regionale del Lazio, ha documentato una ridotta aderenza alla politerapia cronica (Di Martino M et al.).

La ricerca è stata condotta in tre regioni italiane: Lazio, Toscana e Sicilia, per un totale di 51.745 pazienti al primo episodio di infarto. I risultati hanno evidenziato che, nella regione Lazio, solo il 63% dei pazienti risultava aderente alla politerapia cronica nei due anni successivi alla dimissione ospedaliera. Notevolmente inferiore (27%) la percentuale in Sicilia. Un dato che si fa ancora più allarmante considerando che i ricercatori hanno valutato “aderenti” alla politerapia anche i pazienti che assumevano correttamente soltanto tre dei quattro farmaci raccomandati.

Gli studi suggeriscono che ad incidere sulla aderenza alla terapia farmacologica sono molteplici fattori: l’allontanarsi nel tempo dell’evento, l’età del paziente, la presenza di patologie croniche concomitanti.

Per supportare il paziente nella gestione del post infarto, sono state individuate alcune semplici regole riassunte in un decalogo (vedi sotto), di cui quello dell’aderenza alla terapia è il primo e fondamentale punto.

Il “decalogo” è stato realizzato nell’ambito di una Ricerca condotta dal Dipartimento di Epidemiologia della Regione Lazio, in stretta collaborazione con la Direzione Sanitaria della ASL Roma 1, grazie anche al contributo del dott. Giovanni Peliti, Medico di medicina generale. La Ricerca è stata parzialmente finanziata dal Ministero della Salute.

Scarica il decalogo

Fonti
Istat (2017). L’evoluzione della mortalità per causa: le prime 25 cause di morte. Anni 2003-2014.
Di Martino M et al. Aderenza alla politerapia cronica nella prevenzione secondaria dell’infarto: limiti e prospettive. Recenti Prog Med 2019; 110: 1-3.

Tagged

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Accedi agli articoli

Garutti M et al. Checkpoint inhibitors, fertility, pregnancy, and sexual life: a systematic review. ESMO Open 2021;6(5):100276.

Hauptman M et al. Individual- and community-level factors associated with detectable and elevated blood lead levels in US children: results from a national clinical laboratory. JAMA Pediatr. Published online September 27, 2021. doi:10.1001/jamapediatrics.2021.3518

Marcus GM et al. Acute consumption of alcohol and discrete atrial fibrillation events. Ann Intern Med 2021 Aug 31. doi: 10.7326/M21-0228. Epub ahead of print. PMID: 34461028.

Fakir AMS et al. Pandemic catch-22: the role of mobility restrictions and institutional inequalities in halting the spread of COVID-19. PLOS ONE 2021; 16(6): e0253348.

Alemany S, Avella-García C, Liew Z, et al. Prenatal and postnatal exposure to acetaminophen in relation to autism spectrum and attention-deficit and hyperactivity symptoms in childhood: Meta-analysis in six European population-based cohorts. Eur J Epidemiol (2021). https://doi.org/10.1007/s10654-021-00754-4

Salazar de Pablo G et al. Universal and selective interventions to prevent poor mental health outcomes in young people: systematic review and meta-analysis. Harvard Review of Psychiatry 2021;29 (3) 196-215.

Currie JM et al. Prescribing of opioid analgesics and buprenorphine for opioid use disorder during the covid-19 pandemic. JAMA Netw Open 2021;4(4):e216147.

Marson A, Burnside G, Appleton R, et al.; SANAD II collaborators. The SANAD II study of the effectiveness and cost-effectiveness of valproate versus levetiracetam for newly diagnosed generalised and unclassifiable epilepsy: an open-label, non-inferiority, multicentre, phase 4, randomised controlled trial. Lancet 2021;397(10282):1375-1386.

Marson A, Burnside G, Appleton R, et al.; SANAD II collaborators. The SANAD II study of the effectiveness and cost-effectiveness of levetiracetam, zonisamide, or lamotrigine for newly diagnosed focal epilepsy: an open-label, non-inferiority, multicentre, phase 4, randomised controlled trial. Lancet 2021;397(10282):1363-1374.

Una finestra sull’open access

  • BMC Family Practice
  • BMC Medical Education
  • BMC Nursing
  • BMJ Open
  • PLOS Medicine

Reset della password

Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.