BAL Lazio

Notizie

L’eczema infantile è a prova di bagnetto

Pubblicato mercoledì 9 Maggio 2018

L’eczema (o dermatite atopica) è la condizione infiammatoria di più comune riscontro nei bambini. Uno dei caposaldi terapeutici è rappresentato dagli emollienti, usati in associazione con i corticosteroidi e gli inibitori della calcineurina per uso topico in caso di riacutizzazione. Di fatto gli emollienti agirebbero con un effetto barriera – attenuando la secchezza della pelle e proteggendola dagli agenti irritanti – e vengono applicati direttamente sulla pelle, come sostituti del sapone o come additivi del bagno.

Per le prime due modalità ci sono sufficienti evidenze di efficacia, mentre il discorso cambia rispetto ai benefici degli additivi per il bagno emolliente: anche se il NICE britannico ne raccomanda l’uso regolare nei bambini con eczema, recenti revisioni sistematiche della letteratura non ne hanno confermato l’efficacia.

Sul BMJ è stato da poco pubblicato uno studio pragmatico randomizzato, multicentrico, condotto su 483 bambini inglesi tra 1 e 11 anni proprio per determinare l’efficacia clinica e la costo-efficacia degli additivi nel trattamento  dell’eczema infantile.

Santer e colleghi hanno confrontato le cure standard con e senza l’uso regolare di un additivo per bagno emolliente nel corso di 1 anno (che rappresenta un periodo piuttosto lungo). Nel gruppo di trattamento, (n=265) i medici generici hanno prescritto a scelta uno dei tre additivi per il bagno ai bambini  (modalità che ricalca più da vicino la pratica clinica). Nel gruppo di controllo (n=218), l’uso di additivi per bagno emolliente invece è stato scoraggiato, ma tutti i partecipanti hanno ricevuto istruzioni scritte per utilizzare emollienti come sostituti del sapone e continuare la cura dell’eczema come al solito.

L’outcome primario era la gravità dell’eczema  durante i primi quattro mesi, misurata attraverso un questionario compilato dai genitori, il POEM (patient-oriented eczema measure).  La gravità della malattia ad 1 anno, la qualità della vita specifica della malattia, l’uso generale del trattamento antinfiammatorio topico e l’utilizzo delle risorse sono stati considerati  outcome secondari .

Dai risultati non è emerso alcun beneficio clinico derivante dall’inclusione di additivi da bagno nella trattamento standard dell’eczema nei bambini. Certo, l’assenza del placebo nel gruppo di controllo (impossibile da produrre), la mancanza di un risultato più obiettivo oltre l’autovalutazione di genitori e bambini e alcuni fattori confondenti lasciano ancora aperti alcuni interrogativi, ma questo esito potrebbe avere un peso non trascurabile sulle scelte del servizio sanitario inglese, visto che gli additivi da bagno emolliente drenano ogni anno la cifra non irrilevante di 23 milioni di sterline.

Fonti
Santer M et al. Emollient bath additives for the treatment of childhood eczema (BATHE): multicentre pragmatic parallel group randomised controlled trial of clinical and cost effectiveness. BMJ 2018;361:k1332.
Flohr C et al. New evidence challenges use of bath emollients for children with eczema. BMJ 2018;361:k1791.

Tagged

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Accedi agli articoli

Fakir AMS et al. Pandemic catch-22: the role of mobility restrictions and institutional inequalities in halting the spread of COVID-19. PLOS ONE 2021; 16(6): e0253348.

Alemany S, Avella-García C, Liew Z, et al. Prenatal and postnatal exposure to acetaminophen in relation to autism spectrum and attention-deficit and hyperactivity symptoms in childhood: Meta-analysis in six European population-based cohorts. Eur J Epidemiol (2021). https://doi.org/10.1007/s10654-021-00754-4

Salazar de Pablo G et al. Universal and selective interventions to prevent poor mental health outcomes in young people: systematic review and meta-analysis. Harvard Review of Psychiatry 2021;29 (3) 196-215.

Currie JM et al. Prescribing of opioid analgesics and buprenorphine for opioid use disorder during the covid-19 pandemic. JAMA Netw Open 2021;4(4):e216147.

Marson A, Burnside G, Appleton R, et al.; SANAD II collaborators. The SANAD II study of the effectiveness and cost-effectiveness of valproate versus levetiracetam for newly diagnosed generalised and unclassifiable epilepsy: an open-label, non-inferiority, multicentre, phase 4, randomised controlled trial. Lancet 2021;397(10282):1375-1386.

Marson A, Burnside G, Appleton R, et al.; SANAD II collaborators. The SANAD II study of the effectiveness and cost-effectiveness of levetiracetam, zonisamide, or lamotrigine for newly diagnosed focal epilepsy: an open-label, non-inferiority, multicentre, phase 4, randomised controlled trial. Lancet 2021;397(10282):1363-1374.

Zichi C et al. Adoption of multiple primary endpoints in phase III trials of systemic treatments in patients with advanced solid tumours. A systematic review. Eur j Canc 2021;149:49-60.

Seidler AN et al.; on behalf of the International Liaison Committee On Resuscitation Neonatal Life Support Task Force. Umbilical cord management for newborns <34 weeks' gestation: a meta-analysis. Pediatrics 2021; 147 (3) e20200576.

Gabrhelík R et al. Cannabis use during pregnancy and risk of adverse birth outcomes: a longitudinal cohort study. Eur Addict Res 2020. doi: 10.1159/000510821e

Una finestra sull’open access

  • BMC Family Practice
  • BMC Medical Education
  • BMC Nursing
  • BMJ Open
  • PLOS Medicine

Reset della password

Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.