BAL Lazio

Notizie

L’eczema infantile è a prova di bagnetto

Pubblicato mercoledì 9 Maggio 2018

L’eczema (o dermatite atopica) è la condizione infiammatoria di più comune riscontro nei bambini. Uno dei caposaldi terapeutici è rappresentato dagli emollienti, usati in associazione con i corticosteroidi e gli inibitori della calcineurina per uso topico in caso di riacutizzazione. Di fatto gli emollienti agirebbero con un effetto barriera – attenuando la secchezza della pelle e proteggendola dagli agenti irritanti – e vengono applicati direttamente sulla pelle, come sostituti del sapone o come additivi del bagno.

Per le prime due modalità ci sono sufficienti evidenze di efficacia, mentre il discorso cambia rispetto ai benefici degli additivi per il bagno emolliente: anche se il NICE britannico ne raccomanda l’uso regolare nei bambini con eczema, recenti revisioni sistematiche della letteratura non ne hanno confermato l’efficacia.

Sul BMJ è stato da poco pubblicato uno studio pragmatico randomizzato, multicentrico, condotto su 483 bambini inglesi tra 1 e 11 anni proprio per determinare l’efficacia clinica e la costo-efficacia degli additivi nel trattamento  dell’eczema infantile.

Santer e colleghi hanno confrontato le cure standard con e senza l’uso regolare di un additivo per bagno emolliente nel corso di 1 anno (che rappresenta un periodo piuttosto lungo). Nel gruppo di trattamento, (n=265) i medici generici hanno prescritto a scelta uno dei tre additivi per il bagno ai bambini  (modalità che ricalca più da vicino la pratica clinica). Nel gruppo di controllo (n=218), l’uso di additivi per bagno emolliente invece è stato scoraggiato, ma tutti i partecipanti hanno ricevuto istruzioni scritte per utilizzare emollienti come sostituti del sapone e continuare la cura dell’eczema come al solito.

L’outcome primario era la gravità dell’eczema  durante i primi quattro mesi, misurata attraverso un questionario compilato dai genitori, il POEM (patient-oriented eczema measure).  La gravità della malattia ad 1 anno, la qualità della vita specifica della malattia, l’uso generale del trattamento antinfiammatorio topico e l’utilizzo delle risorse sono stati considerati  outcome secondari .

Dai risultati non è emerso alcun beneficio clinico derivante dall’inclusione di additivi da bagno nella trattamento standard dell’eczema nei bambini. Certo, l’assenza del placebo nel gruppo di controllo (impossibile da produrre), la mancanza di un risultato più obiettivo oltre l’autovalutazione di genitori e bambini e alcuni fattori confondenti lasciano ancora aperti alcuni interrogativi, ma questo esito potrebbe avere un peso non trascurabile sulle scelte del servizio sanitario inglese, visto che gli additivi da bagno emolliente drenano ogni anno la cifra non irrilevante di 23 milioni di sterline.

Fonti
Santer M et al. Emollient bath additives for the treatment of childhood eczema (BATHE): multicentre pragmatic parallel group randomised controlled trial of clinical and cost effectiveness. BMJ 2018;361:k1332.
Flohr C et al. New evidence challenges use of bath emollients for children with eczema. BMJ 2018;361:k1791.

Archiviato in

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Accedi agli articoli

Razaz N et al. Association between Apgar scores of 7 to 9 and neonatal mortality and morbidity: population based cohort study of term infants in Sweden. BMJ 2019; 365:1656.

Razaz N et al One-minute and five-minute Apgar scores and child developmental health at 5 years of age: a population-based cohort study in British Columbia, Canada BMJ Open 2019;9:e027655.

European Association for the Study of Obesity. Pregnant women who were overweight children are at increased risk of developing hypertensive disorders.

Spinelli A et al. Prevalence of severe obesity among primary school children in 21 european countries. Obes Facts 2019;12:244-258.

Akyea RK et al. Sub-optimal cholesterol response to initiation of statins and future risk of cardiovascular disease. Heart Published Online First: 15 April 2019. doi: 10.1136/heartjnl-2018-314253.

Qaseem A et al.; for the Clinical Guidelines Committee of the American College of Physicians. Screening for breast cancer in average-risk women: a guidance statement from the american college of physicians. Ann Intern Med. [Epub ahead of print 9 April 2019] doi: 10.7326/M18-2147.

Elmore JG, Lee CI. A guide to a guidance statement on screening guidelines. Ann Intern Med. [Epub ahead of print 9 April 2019] doi: 10.7326/M19-0726.

Feldman AG et al. Incidence of hospitalization for vaccine-preventable infections in children following solid organ transplant and associated morbidity, mortality, and costs. JAMA Pediatr. 2019 Jan 14. [Epub ahead of print]

Feldman AG et al. Hospitalizations for respiratory syncytial virus and vaccine-preventable infections in the first 2 years after pediatric liver transplant. J Pediatr 2017;182:232-238.e1.

Feldman AG et al. Immunization practices among pediatric transplant hepatologists. Pediatr Transplantation 2016;20:1038-1044.

Rubin LG et al.; Infectious Diseases Society of America. 2013 IDSA clinical practice guideline for vaccination of the immunocompromised host. Clin Infect Dis 2014;58(3):e44-100.

Una finestra sull’open access

  • BMC Family Practice
  • BMC Medical Education
  • BMC Nursing
  • BMJ Open
  • PLOS Medicine

Reset della password

Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.