BAL Lazio

Notizie

Long covid: arrivano le conferme

Pubblicato venerdì 20 Agosto 2021

Per molte persone che contraggono covid-19 lieve, moderato o grave, gli effetti della malattia non scompaiono quando l’infezione finisce. Una revisione sistematica e una metanalisi pubblicate su Scientific Reports hanno rilevato che l’80% dei casi provoca almeno un sintomo a lungo termine.

Gli autori hanno esaminato oltre 18.000 pubblicazioni, alla ricerca di studi con almeno 100 soggetti che valutassero gli effetti a lungo termine di covid-19. Hanno trovato 15 studi su 47.910 pazienti fino a 110 giorni dopo l’infezione. Hanno a questo punto riunito i dati per determinare la prevalenza degli effetti collaterali cronici.

I cinque sintomi più comuni erano affaticamento (58%), mal di testa (44%), disturbo dell’attenzione (27%), perdita di capelli (25%) e dispnea [respirazione difficile] (24%). Ma in totale sono stati 55 i potenziali sintomi a lungo termine. Tra gli altri effetti cronici degni di nota si possono segnalare la perdita del gusto (riportata nel 23% dei casi), la perdita dell’olfatto (21%), la tosse (19%), la sudorazione (17%) e la perdita dell’udito (15%).

Sfortunatamente nessuno degli studi inclusi nella revisione è stato stratificato per gravità della malattia, quindi non si sa con certezza se al covid più grave corrispondono sintomi a lungo termine peggiori, anche se sembra probabile.

“I risultati valutati nel presente studio sono in linea con le attuali conoscenze scientifiche su altri coronavirus, come Sars e Mers”, commentano gli autori. “Ad esempio, gli studi sui sopravvissuti alla Sars hanno mostrato anomalie polmonari mesi dopo l’infezione”.

Gli autori hanno anche notato che gli effetti del covid-19 a lungo termine assomigliano in parte a quelli della sindrome da stanchezza cronica (CFS), che ha un profilo diagnostico nebuloso e un po’ controverso e che al momento manca di una vera causa.

Non è chiaro però il motivo per cui solo alcuni pazienti covid-19 sperimentino effetti a lungo termine. La genetica, l’età, la via e la dose di infezione e i livelli di infiammazione potrebbero svolgere un ruolo che resta ancora da stabilire.

“Dal momento che covid-19 è una malattia nuova, è impossibile determinare per quanto tempo dureranno questi effetti”, è la laconica conclusione degli autori.

Fonte
Lopez-Leon S et al. More than 50 long-term effects of COVID-19: a systematic review and meta-analysis. Sci Rep 2021; 11: 16144.

Tagged , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Accedi agli articoli

Garutti M et al. Checkpoint inhibitors, fertility, pregnancy, and sexual life: a systematic review. ESMO Open 2021;6(5):100276.

Hauptman M et al. Individual- and community-level factors associated with detectable and elevated blood lead levels in US children: results from a national clinical laboratory. JAMA Pediatr. Published online September 27, 2021. doi:10.1001/jamapediatrics.2021.3518

Marcus GM et al. Acute consumption of alcohol and discrete atrial fibrillation events. Ann Intern Med 2021 Aug 31. doi: 10.7326/M21-0228. Epub ahead of print. PMID: 34461028.

Fakir AMS et al. Pandemic catch-22: the role of mobility restrictions and institutional inequalities in halting the spread of COVID-19. PLOS ONE 2021; 16(6): e0253348.

Alemany S, Avella-García C, Liew Z, et al. Prenatal and postnatal exposure to acetaminophen in relation to autism spectrum and attention-deficit and hyperactivity symptoms in childhood: Meta-analysis in six European population-based cohorts. Eur J Epidemiol (2021). https://doi.org/10.1007/s10654-021-00754-4

Salazar de Pablo G et al. Universal and selective interventions to prevent poor mental health outcomes in young people: systematic review and meta-analysis. Harvard Review of Psychiatry 2021;29 (3) 196-215.

Currie JM et al. Prescribing of opioid analgesics and buprenorphine for opioid use disorder during the covid-19 pandemic. JAMA Netw Open 2021;4(4):e216147.

Marson A, Burnside G, Appleton R, et al.; SANAD II collaborators. The SANAD II study of the effectiveness and cost-effectiveness of valproate versus levetiracetam for newly diagnosed generalised and unclassifiable epilepsy: an open-label, non-inferiority, multicentre, phase 4, randomised controlled trial. Lancet 2021;397(10282):1375-1386.

Marson A, Burnside G, Appleton R, et al.; SANAD II collaborators. The SANAD II study of the effectiveness and cost-effectiveness of levetiracetam, zonisamide, or lamotrigine for newly diagnosed focal epilepsy: an open-label, non-inferiority, multicentre, phase 4, randomised controlled trial. Lancet 2021;397(10282):1363-1374.

Una finestra sull’open access

  • BMC Family Practice
  • BMC Medical Education
  • BMC Nursing
  • BMJ Open
  • PLOS Medicine

Reset della password

Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.