BAL Lazio

Notizie

Long covid: un nuovo studio

Pubblicato lunedì 25 Aprile 2022

Circa il 30% dei pazienti covid-19 ha sviluppato la condizione nota come long covid, a questa stima sono arrivati i ricercatori dell’UCLA in uno studio pubblicato sul Journal of General Internal Medicine.

I ricercatori dell’UCLA hanno preso in esame 1038 persone iscritte al programma ambulatoriale covid dell’UCLA tra aprile 2020 e febbraio 2021: 309 hanno sviluppato il long covid.

Si parlava di diagnosi di long covid se un paziente nel questionario riportava sintomi persistenti 60-90 giorni dopo essere stato infettato o ricoverato in ospedale. I sintomi di questo tipo più frequenti erano affaticamento (31%) e difficoltà di rspirazione (15%). Tra i pazienti ambulatoriali il 16% ha riferito di aver perso l’olfatto.

L’aspetto più rilevante è che i risultati dello studio differiscono dalle ricerche precedenti. La California-Davis University, ad esempio, ha stimato che il 10% dei pazienti covid-19 sviluppa sintomi a lungo distanza. Da uno studio del 2021 della Penn State University è emerso al contrario che più della metà dei pazienti covid-19 in tutto il mondo svilupperebbe long-covid.

In parte le differenze possono essere attribuite al fatto che non esiste una definizione ufficiale e ampiamente accettata di long covid. Per il CDC long covid significa che i pazienti sperimentano “problemi di salute nuovi, di ritorno o in corso 4 o più settimane dopo un’infezione iniziale”. Lo studio dell’UCLA ha invece incluso pazienti che presentavano ancora sintomi da 60 a 90 giorni dopo l’infezione.

Il team dell’UCLA si è anche occupato dei dati demografici e delle caratteristiche cliniche dei pazienti nell’ottica di possibili trattamenti efficaci.

Le persone con una storia di ospedalizzazione, diabete e indice di massa corporea più elevato avevano maggiori probabilità di sviluppare il long covid. Anche il tipo di assicurazione che avevano i pazienti sembrava rappresentare un fattore determinante, anche se i ricercatori non hanno offerto una spiegazione plausibile per questa associazione. “Sorprendentemente i pazienti con assicurazione privata avevano il doppio delle probabilità di sviluppare il long covid rispetto ai pazienti con Medicaid”.

L’età avanzata e lo stato socioeconomico non erano invece associati al long covid, una sorpresa perché queste caratteristiche sono spesso collegate alla malattia grave e a un rischio più elevato di morte per covid-19, hanno spiegato gli autori.

I limiti dello studio sono ovviamente insiti nella soggettività con cui i pazienti hanno valutato i loro sintomi e il numero limitato di sintomi valutati, e aggiungono “la ricerca illustra la necessità di seguire diverse popolazioni di pazienti… per comprendere la lunga traiettoria del covid e valutare come fattori individuali come comorbilità preesistenti, fattori sociodemografici, stato vaccinale e tipo di variante del virus influenzino il tipo e la persistenza dei sintomi del long covid”.

Fonte
Yoo SM et al. Factors associated with post-acute sequelae of SARS-CoV-2 (PASC) after diagnosis of symptomatic COVID-19 in the inpatient and outpatient setting in a diverse cohort. J Gen Intern Med 2022:1-8.

Tagged , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Accedi agli articoli

Dehmer SP et al. Aspirin use to prevent cardiovascular disease and colorectal cancer: a decision analysis: technical report [Internet]. Rockville (MD): Agency for Healthcare Research and Quality (US); 2015 Sep. Report No.: 15-05229-EF-1.

Ezekowitz JA et al.; SODIUM-HF Investigators. Reduction of dietary sodium to less than 100 mmol in heart failure (SODIUM-HF): an international, open-label, randomised, controlled trial. Lancet 2022:S0140-6736(22)00369-5.

Fang Z et al. The role of mendelian randomization studies in deciphering the effect of obesity on cancer. JNCI: Journal of the National Cancer Institute 2022; 114 (3); 361-71.

Wong Chung JERE et al. Time to functional recovery after laser tonsillotomy performed under local anesthesia vs conventional tonsillectomy with general anesthesia among adults: a randomized clinical trial. JAMA Netw Open 2022;5(2):e2148655. JAMA Netw Open. 2022;5(2):e2148655.

Sundbøll J. Risk of parkinson disease and secondary parkinsonism in myocardial infarction survivors. Journal of the American Heart Association 2022; doi: 10.1161/JAHA.121.022768

Ferroni E et al. Gender related differences in gastrointestinal bleeding with oral anticoagulation in atrial fibrillation. J Cardiovasc Pharmacol Ther 2022;27:10742484211054609.

Lowenstein M et al. Sustained implementation of a multicomponent strategy to increase emergency department-initiated interventions for opioid use disorder. Ann Emerg Med 2021:S0196-0644(21)01380-9.

Okereke OI et al. Effect of long-term supplementation with marine omega-3 fatty acids vs placebo on risk of depression or clinically relevant depressive symptoms and on change in mood scores: a randomized clinical trial. JAMA 2021;326(23):2385-2394.

Gaillard EA et al. European Respiratory Society clinical practice guidelines for the diagnosis of asthma in children aged 5-16 years. Eur Respir J 2021;58(5):2004173.

Slomski A. Thousands of US youths cope with the trauma of losing parents to COVID-19. JAMA. Published online November 17, 2021.

Hillis SD, Blenkinsop A, Villaveces A, et al. COVID-19-associated orphanhood and caregiver death in the United States. Pediatrics. 2021 Oct 7:e2021053760.

Una finestra sull’open access

  • BMC Family Practice
  • BMC Medical Education
  • BMC Nursing
  • BMJ Open
  • PLOS Medicine