BAL Lazio

Notizie

Malattia cardiovascolare e autismo: tra nuove certezze e domande senza risposta

Pubblicato mercoledì 16 Ottobre 2019

Un nuovo studio su bambini nati con cardiopatia congenita pubblicato su Pediatrics conferma che hanno maggiori probabilità di sviluppare un disturbo dello spettro autistico.

I problemi nello sviluppo neurologico sono ormai riconosciuti come una delle comorbilità a lungo termine più diffuse tra i bambini con cardiopatie congenite. È del 2012, il documento congiunto dell’American Heart Association e dell’American Academy of Pediatrics che fornisce raccomandazioni per la valutazione di routine dello sviluppo neurologico dei bambini con malattia coronarica. In questo quadro, l’identificazione dei deficit di comunicazione e interazione sociale, potenzialmente associati ai tratti dello spettro autistico, hanno aperto la strada a nuovi studi progettati per provare un’associazione tra CHD e disturbi dello spettro autistico.

Per approfondire l’associazione, l’équipe di ricercatori statunitensi ha eseguito uno studio caso-controllo utilizzando il database dello US Military Health System. Una volta selezionati 8760 casi di bambini con disturbo dello spettro autistico, ciascun caso è stato abbinato con tre controlli (n = 26.280). A questo punto dal campione sono stati identificati 1063 bambini con malattia cardiovascolare congenita: 401 nel gruppo del disturbo dello spettro autistico e 662 nel gruppo di controllo.

L’analisi mostra che i bambini con disturbo dello spettro autistico avevano un odds ratio (OR) pari 1,85 per qualsiasi forma di malattia coronarica rispetto ai controlli (IC 95%, 1,63-2,10). Dopo l’aggiustamento per sindromi genetiche, età e morbilità materne, morbilità perinatale e complicanze neonatali – l’OR era di 1,33 (IC 95%, 1,16-1,52).

Per alcune forme di CHD sono stati osservati OR pari 1,72 (IC 95%,1,07-2,74) per il difetto del setto atriale e OR pari a 1,65 (IC 95%, 1,21-2,25) per il difetto del setto ventricolare.

Gli autori hanno evidenziato le potenziali limitazioni del loro studio, comprese l’utilizzo dei dati amministrativi, che hanno cercato di contrastare con una definizione di “caso” validata. Inoltre, i bambini con disturbo dello spettro autistico o CHD “tendono a ricorrere a cure più frequentemente” rispetto alla popolazione generale, il che avrebbe potuto creare un bias all’accertamento.

“Per quanto ne sappiamo, questo è l’unico studio in cui c’è stato un confronto tra [disturbo dello spettro autistico] e molteplici sottotipi di CHD”, ha scritto Eric R. Sigmon, MD, della Emory University, Atlanta e coautori. “I nostri risultati sono coerenti con i precedenti studi sugli esiti dello sviluppo di CHD, che hanno mostrato un aumento del rischio di ritardo dello sviluppo e accademico dopo la diagnosi e il trattamento della CHD.”

In un editoriale di accompagnamento, Johanna Calderon, David C. Bellinger e Jane W. Newburger hanno comunque rilevato che c’è bisogno di altri studi per quantificare ulteriormente la relazione tra CHD e disturbo dello spettro autistico. “Nonostante i punti di forza “, hanno scritto, “sono più le domande che lo studio solleva rispetto alle risposte che è in grado di dare”. I “percorsi eziologici che potrebbero spiegare” il legame tra autismo e malattia cardiovascolare restano ancora sconosciuti. Senza contare che il rischio di disturbo dello spettro autistico sembra essere aumentato nei bambini con forme moderatamente gravi di coronaropatia, un dato che da solo richiederebbe ulteriori indagini.

Fonti
Marino BS et al. Neurodevelopmental outcomes in children with congenital heart disease: evaluation and management: a scientific statement from the American Heart Association. Circulation 2012;126(9):1143-72.
Sigmon ER et al.
Congenital heart disease and autism: a case-control study. Published Online: October 10, 2019. doi: 10.1542/peds.2018-4114

Tagged ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Accedi agli articoli

Cascino TM, Somanchi S, Colvin M et al. Racial and sex inequities in the use of and outcomes after left ventricular assist device implantation among medicare beneficiaries. JAMA Netw Open 2022;5(7):e2223080.

Ma H et al. Adding salt to foods and hazard of premature mortality. Eur Heart J. 2022 Jul 10:ehac208. doi: 10.1093/eurheartj/ehac208. Epub ahead of print. PMID: 35808995.

Clarke PM et al. The comparative mortality of an elite group in the long run of history: an observational analysis of politicians from 11 countries. Eur J Epidemiol 2022:23:1-9.

Wang P et al. Associations between long-term drought and diarrhea among children under five in low- and middle-income countries. Nat Commun 2022;13(1):3661.

McDonagh MS et al. Cannabis-based products for chronic pain : a systematic review. Ann Intern Med. 2022 Jun 7. doi: 10.7326/M21-4520. Epub ahead of print. PMID: 35667066.

Global Burden of Disease 2019 Cancer Collaboration et al. Cancer Incidence, Mortality, Years of Life Lost, Years Lived With Disability, and Disability-Adjusted Life Years for 29 Cancer Groups From 2010 to 2019: A Systematic Analysis for the Global Burden of Disease Study 2019. JAMA Oncol 2022;8(3):420-444.

Dehmer SP et al. Aspirin use to prevent cardiovascular disease and colorectal cancer: a decision analysis: technical report [Internet]. Rockville (MD): Agency for Healthcare Research and Quality (US); 2015 Sep. Report No.: 15-05229-EF-1.

Ezekowitz JA et al.; SODIUM-HF Investigators. Reduction of dietary sodium to less than 100 mmol in heart failure (SODIUM-HF): an international, open-label, randomised, controlled trial. Lancet 2022:S0140-6736(22)00369-5.

Fang Z et al. The role of mendelian randomization studies in deciphering the effect of obesity on cancer. JNCI: Journal of the National Cancer Institute 2022; 114 (3); 361-71.

Wong Chung JERE et al. Time to functional recovery after laser tonsillotomy performed under local anesthesia vs conventional tonsillectomy with general anesthesia among adults: a randomized clinical trial. JAMA Netw Open 2022;5(2):e2148655. JAMA Netw Open. 2022;5(2):e2148655.

Sundbøll J. Risk of parkinson disease and secondary parkinsonism in myocardial infarction survivors. Journal of the American Heart Association 2022; doi: 10.1161/JAHA.121.022768

Ferroni E et al. Gender related differences in gastrointestinal bleeding with oral anticoagulation in atrial fibrillation. J Cardiovasc Pharmacol Ther 2022;27:10742484211054609.

Una finestra sull’open access

  • BMC Family Practice
  • BMC Medical Education
  • BMC Nursing
  • BMJ Open
  • PLOS Medicine