BAL Lazio

Notizie

Malattie infiammatorie croniche intestinali: testa a testa tra adalimumab e infliximab

Pubblicato mercoledì 7 Marzo 2018

Negli ultimi 20 anni i farmaci biologici hanno cambiato radicalmente il modo di trattare le malattie infiammatorie croniche intestinali (MICI), offrendo alternative ai pazienti che non rispondono alle terapie tradizionali di primo livello e riducendo il ricorso alla chirurgia.

Da un’analisi svolta dal Dipartimento di Epidemiologia del SSR ASLRM1 emerge che l’uso di infliximab e quello di adalimumab non presenta differenze in termini di sicurezza ed efficacia nel trattamento delle MICI. Si tratta di uno studio comparativo sulla valutazione di effectiveness e safety, nelle reali condizioni d’uso, tra i due farmaci biologici più utilizzati nel trattamento della malattia di Crohn e nella rettocolite ulcerosa.

Dagli studi sperimentali è emerso che infliximab e adalimumab sono superiori rispetto al placebo sia nell’induzione sia nel mantenimento della remissione nelle MICI. Mancano invece in letteratura studi randomizzati e controllati che confrontano direttamente tra loro i due farmaci biologici.

Lo studio è il risultato di un protocollo discusso nell’ambito delle attività della Commissione Regionale del Farmaco della Regione Lazio – CoReFa – a sostegno di alcune linee di indirizzo per l’uso appropriato dei farmaci biologici e utilizza i dati dei sistemi informativi sanitari.

Nello studio sono stati considerati 1432 pazienti, di cui 872 con malattia di Crohn e 560 pazienti con colite ulcerosa, recentemente trattati con infliximab o adalimumab e seguiti per un follow-up di 2 anni. Gli autori hanno confrontato il rischio di sottoporsi ad un intervento chirurgico, l’utilizzo di steroidi e l’ospedalizzazione per infezione.

Per l’analisi dei dati è stato utilizzato sia l’approccio “intention to treat” che quello “as treated”, cioè sono stati esclusi dall’osservazione i soggetti in presenza di switch tra i due farmaci o discontinuazione della terapia. Lo studio ha tenuto conto del consumo precedente di farmaci comunemente utilizzati nel trattamento delle MICI, della presenza di fattori di rischio e delle comorbilità: considerati tutti come potenziali confondenti o modificatori di effetto.

I risultati indicano che non ci sono differenze tra infliximab e adalimumab nei pazienti con malattia di Crohn o colite ulcerosa per quanto riguarda il profilo di efficacia e sicurezza. Si delinea quindi un quadro di sovrapponibilità tra i due farmaci biologici. Anche l’incidenza di altri eventi avversi (reazioni acute all’infusione, dermatomiosite, anemia emolitica autoimmune) è stata molto bassa o assente.

Per approfondire l’argomento vi rimandiamo alle Linee di indirizzo per l’uso appropriato dei farmaci biologici nelle malattie infiammatorie croniche intestinali nel Lazio disponibili sul sito del Dipartimento di Epidemiologia al link https://www.deplazio.net/it/documenti-corefa

Fonti
Di Domenicantonio R et al. Population-based cohort study on comparative effectiveness and safety of biologics in inflammatory bowel disease. Clin Epidemiol 2018; 10: 203-213.

Tagged ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Accedi agli articoli

Fakir AMS et al. Pandemic catch-22: the role of mobility restrictions and institutional inequalities in halting the spread of COVID-19. PLOS ONE 2021; 16(6): e0253348.

Alemany S, Avella-García C, Liew Z, et al. Prenatal and postnatal exposure to acetaminophen in relation to autism spectrum and attention-deficit and hyperactivity symptoms in childhood: Meta-analysis in six European population-based cohorts. Eur J Epidemiol (2021). https://doi.org/10.1007/s10654-021-00754-4

Salazar de Pablo G et al. Universal and selective interventions to prevent poor mental health outcomes in young people: systematic review and meta-analysis. Harvard Review of Psychiatry 2021;29 (3) 196-215.

Currie JM et al. Prescribing of opioid analgesics and buprenorphine for opioid use disorder during the covid-19 pandemic. JAMA Netw Open 2021;4(4):e216147.

Marson A, Burnside G, Appleton R, et al.; SANAD II collaborators. The SANAD II study of the effectiveness and cost-effectiveness of valproate versus levetiracetam for newly diagnosed generalised and unclassifiable epilepsy: an open-label, non-inferiority, multicentre, phase 4, randomised controlled trial. Lancet 2021;397(10282):1375-1386.

Marson A, Burnside G, Appleton R, et al.; SANAD II collaborators. The SANAD II study of the effectiveness and cost-effectiveness of levetiracetam, zonisamide, or lamotrigine for newly diagnosed focal epilepsy: an open-label, non-inferiority, multicentre, phase 4, randomised controlled trial. Lancet 2021;397(10282):1363-1374.

Zichi C et al. Adoption of multiple primary endpoints in phase III trials of systemic treatments in patients with advanced solid tumours. A systematic review. Eur j Canc 2021;149:49-60.

Seidler AN et al.; on behalf of the International Liaison Committee On Resuscitation Neonatal Life Support Task Force. Umbilical cord management for newborns <34 weeks' gestation: a meta-analysis. Pediatrics 2021; 147 (3) e20200576.

Gabrhelík R et al. Cannabis use during pregnancy and risk of adverse birth outcomes: a longitudinal cohort study. Eur Addict Res 2020. doi: 10.1159/000510821e

Una finestra sull’open access

  • BMC Family Practice
  • BMC Medical Education
  • BMC Nursing
  • BMJ Open
  • PLOS Medicine

Reset della password

Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.