BAL Lazio

Notizie

Malattie infiammatorie croniche intestinali: testa a testa tra adalimumab e infliximab

Pubblicato mercoledì 7 Marzo 2018

Negli ultimi 20 anni i farmaci biologici hanno cambiato radicalmente il modo di trattare le malattie infiammatorie croniche intestinali (MICI), offrendo alternative ai pazienti che non rispondono alle terapie tradizionali di primo livello e riducendo il ricorso alla chirurgia.

Da un’analisi svolta dal Dipartimento di Epidemiologia del SSR ASLRM1 emerge che l’uso di infliximab e quello di adalimumab non presenta differenze in termini di sicurezza ed efficacia nel trattamento delle MICI. Si tratta di uno studio comparativo sulla valutazione di effectiveness e safety, nelle reali condizioni d’uso, tra i due farmaci biologici più utilizzati nel trattamento della malattia di Crohn e nella rettocolite ulcerosa.

Dagli studi sperimentali è emerso che infliximab e adalimumab sono superiori rispetto al placebo sia nell’induzione sia nel mantenimento della remissione nelle MICI. Mancano invece in letteratura studi randomizzati e controllati che confrontano direttamente tra loro i due farmaci biologici.

Lo studio è il risultato di un protocollo discusso nell’ambito delle attività della Commissione Regionale del Farmaco della Regione Lazio – CoReFa – a sostegno di alcune linee di indirizzo per l’uso appropriato dei farmaci biologici e utilizza i dati dei sistemi informativi sanitari.

Nello studio sono stati considerati 1432 pazienti, di cui 872 con malattia di Crohn e 560 pazienti con colite ulcerosa, recentemente trattati con infliximab o adalimumab e seguiti per un follow-up di 2 anni. Gli autori hanno confrontato il rischio di sottoporsi ad un intervento chirurgico, l’utilizzo di steroidi e l’ospedalizzazione per infezione.

Per l’analisi dei dati è stato utilizzato sia l’approccio “intention to treat” che quello “as treated”, cioè sono stati esclusi dall’osservazione i soggetti in presenza di switch tra i due farmaci o discontinuazione della terapia. Lo studio ha tenuto conto del consumo precedente di farmaci comunemente utilizzati nel trattamento delle MICI, della presenza di fattori di rischio e delle comorbilità: considerati tutti come potenziali confondenti o modificatori di effetto.

I risultati indicano che non ci sono differenze tra infliximab e adalimumab nei pazienti con malattia di Crohn o colite ulcerosa per quanto riguarda il profilo di efficacia e sicurezza. Si delinea quindi un quadro di sovrapponibilità tra i due farmaci biologici. Anche l’incidenza di altri eventi avversi (reazioni acute all’infusione, dermatomiosite, anemia emolitica autoimmune) è stata molto bassa o assente.

Per approfondire l’argomento vi rimandiamo alle Linee di indirizzo per l’uso appropriato dei farmaci biologici nelle malattie infiammatorie croniche intestinali nel Lazio disponibili sul sito del Dipartimento di Epidemiologia al link https://www.deplazio.net/it/documenti-corefa

Fonti
Di Domenicantonio R et al. Population-based cohort study on comparative effectiveness and safety of biologics in inflammatory bowel disease. Clin Epidemiol 2018; 10: 203-213.

Tagged ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Accedi agli articoli

Dehmer SP et al. Aspirin use to prevent cardiovascular disease and colorectal cancer: a decision analysis: technical report [Internet]. Rockville (MD): Agency for Healthcare Research and Quality (US); 2015 Sep. Report No.: 15-05229-EF-1.

Ezekowitz JA et al.; SODIUM-HF Investigators. Reduction of dietary sodium to less than 100 mmol in heart failure (SODIUM-HF): an international, open-label, randomised, controlled trial. Lancet 2022:S0140-6736(22)00369-5.

Fang Z et al. The role of mendelian randomization studies in deciphering the effect of obesity on cancer. JNCI: Journal of the National Cancer Institute 2022; 114 (3); 361-71.

Wong Chung JERE et al. Time to functional recovery after laser tonsillotomy performed under local anesthesia vs conventional tonsillectomy with general anesthesia among adults: a randomized clinical trial. JAMA Netw Open 2022;5(2):e2148655. JAMA Netw Open. 2022;5(2):e2148655.

Sundbøll J. Risk of parkinson disease and secondary parkinsonism in myocardial infarction survivors. Journal of the American Heart Association 2022; doi: 10.1161/JAHA.121.022768

Ferroni E et al. Gender related differences in gastrointestinal bleeding with oral anticoagulation in atrial fibrillation. J Cardiovasc Pharmacol Ther 2022;27:10742484211054609.

Lowenstein M et al. Sustained implementation of a multicomponent strategy to increase emergency department-initiated interventions for opioid use disorder. Ann Emerg Med 2021:S0196-0644(21)01380-9.

Okereke OI et al. Effect of long-term supplementation with marine omega-3 fatty acids vs placebo on risk of depression or clinically relevant depressive symptoms and on change in mood scores: a randomized clinical trial. JAMA 2021;326(23):2385-2394.

Gaillard EA et al. European Respiratory Society clinical practice guidelines for the diagnosis of asthma in children aged 5-16 years. Eur Respir J 2021;58(5):2004173.

Slomski A. Thousands of US youths cope with the trauma of losing parents to COVID-19. JAMA. Published online November 17, 2021.

Hillis SD, Blenkinsop A, Villaveces A, et al. COVID-19-associated orphanhood and caregiver death in the United States. Pediatrics. 2021 Oct 7:e2021053760.

Una finestra sull’open access

  • BMC Family Practice
  • BMC Medical Education
  • BMC Nursing
  • BMJ Open
  • PLOS Medicine