BAL Lazio

Notizie

Medicine alternative e sopravvivenza al tumore

Pubblicato venerdì 13 Ottobre 2017

Uno studio della Yale School of Medicine evidenzia che fare ricorso esclusivamente a medicine alternative in caso di tumore comporta un maggiore rischio di morte.

Anche dai casi di cronaca sappiamo che esistono persone con tumore che ritardano o rifiutano i trattamenti convenzionali (chemioterapia, radioterapia, chirurgia e/o terapia ormonale) in favore di trattamenti riconducibili alle medicine alternative. Un gruppo di ricercatori della Yale School of Medicine ha voluto scoprire cosa succede a queste persone in termini di sopravvivenza.

Attraverso una ricerca condotta su un registro nazionale USA sono stati individuati 281 pazienti (0,02% del totale) che avevano ricevuto una diagnosi di tumore (mammella, prostata, polmone e colon-retto) tra il 2004 e il 2013, e che hanno scelto esclusivamente le medicine alternative al posto di quelle tradizionali. Sono stati esclusi i pazienti con tumori metastatici allo stadio IV alla diagnosi. Il rischio di morte è stato confrontato con quello di 560 pazienti dello stesso registro che hanno seguito le terapie tradizionali.

I principali risultati
Tumore al seno: le donne che hanno usato le medicine alternative avevano un rischio di morte cinque volte superiore. Sopravvivenza a 5 anni: 58.1% (95% CI = 46.0%-68.5%) vs 86.6% (95% CI = 80.7%-90.7%), P < .001; HR = 5.68 (95% CI = 3.22 to 10.04).

Tumore del colon-retto: le persone che hanno usato le medicine alternative avevano un rischio di morte 4 volte superiore. Sopravvivenza a 5 anni. 32.7% (95% CI = 15.8% -50.8%) vs 79.4% (95% = CI 66.3%-87.8%, P < .001); HR = 4.57 (95% CI = 1.66-12.61)

Tumore al polmone: le persone che hanno usato le medicine alternative avevano un rischio di morte 2 volte superiore. Sopravvivenza a 5 anni: 19.9% (95% CI = 9.9%-32.4%) vs 41.3% (95% CI = 31.1%-51.2%, P < .001); HR = 2.17, (95% CI = 1.42 to 3.32)

Tumore alla prostata. Sopravvivenza a 5 anni: 86.2% (95% CI = 73.9%-92.9%) vs 91.5% (95% CI = 84.7%-95.4%, P = .36); HR = 1.68 (95% CI = 0.68 to 4.17)

Solo per quanto riguarda il tumore alla prostata la differenza non è statisticamente significativa, ma questo, sottolineano gli autori, è principalmente dovuto alla durata limitata del follow-up, 66 mesi, mentre la storia naturale di questo tumore è più lunga.

Sono state indagate anche le caratteristiche delle persone che sceglievano le medicine alternative: tali soggetti erano più giovani, avevano un tumore a uno stadio più avanzato, redditi ed educazione superiori.

Le persone che si erano sottoposte esclusivamente a cure alternative avevano dunque un rischio di morte superiore. Anche se, come emerge dallo studio, si tratta di un fenomeno cirscoscritto, non va sottovalutato e dovrebbe sollecitare una migliore comunicazione, non solo tra medici e pazienti, ma anche da parte dei media.

Fonte:
Johnson SB, et al. Use of alternative medicine for cancer and its impact on survival. Journal of the National Cancer Institute 2018; 110 (1), published online 10 August 2017, djx145, https://doi.org/10.1093/jnci/djx145

Tagged ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Accedi agli articoli

McDonagh MS et al. Cannabis-based products for chronic pain : a systematic review. Ann Intern Med. 2022 Jun 7. doi: 10.7326/M21-4520. Epub ahead of print. PMID: 35667066.

Global Burden of Disease 2019 Cancer Collaboration et al. Cancer Incidence, Mortality, Years of Life Lost, Years Lived With Disability, and Disability-Adjusted Life Years for 29 Cancer Groups From 2010 to 2019: A Systematic Analysis for the Global Burden of Disease Study 2019. JAMA Oncol 2022;8(3):420-444.

Dehmer SP et al. Aspirin use to prevent cardiovascular disease and colorectal cancer: a decision analysis: technical report [Internet]. Rockville (MD): Agency for Healthcare Research and Quality (US); 2015 Sep. Report No.: 15-05229-EF-1.

Ezekowitz JA et al.; SODIUM-HF Investigators. Reduction of dietary sodium to less than 100 mmol in heart failure (SODIUM-HF): an international, open-label, randomised, controlled trial. Lancet 2022:S0140-6736(22)00369-5.

Fang Z et al. The role of mendelian randomization studies in deciphering the effect of obesity on cancer. JNCI: Journal of the National Cancer Institute 2022; 114 (3); 361-71.

Wong Chung JERE et al. Time to functional recovery after laser tonsillotomy performed under local anesthesia vs conventional tonsillectomy with general anesthesia among adults: a randomized clinical trial. JAMA Netw Open 2022;5(2):e2148655. JAMA Netw Open. 2022;5(2):e2148655.

Sundbøll J. Risk of parkinson disease and secondary parkinsonism in myocardial infarction survivors. Journal of the American Heart Association 2022; doi: 10.1161/JAHA.121.022768

Ferroni E et al. Gender related differences in gastrointestinal bleeding with oral anticoagulation in atrial fibrillation. J Cardiovasc Pharmacol Ther 2022;27:10742484211054609.

Lowenstein M et al. Sustained implementation of a multicomponent strategy to increase emergency department-initiated interventions for opioid use disorder. Ann Emerg Med 2021:S0196-0644(21)01380-9.

Okereke OI et al. Effect of long-term supplementation with marine omega-3 fatty acids vs placebo on risk of depression or clinically relevant depressive symptoms and on change in mood scores: a randomized clinical trial. JAMA 2021;326(23):2385-2394.

Gaillard EA et al. European Respiratory Society clinical practice guidelines for the diagnosis of asthma in children aged 5-16 years. Eur Respir J 2021;58(5):2004173.

Una finestra sull’open access

  • BMC Family Practice
  • BMC Medical Education
  • BMC Nursing
  • BMJ Open
  • PLOS Medicine