BAL Lazio

Notizie

Meno carboidrati, più remissione del diabete

Pubblicato mercoledì 20 Gennaio 2021

Una dieta a basso contenuto di carboidrati, rispetto a una normale, ha aumentato la remissione del diabete tipo 2 del 32% a a 6 mesi, aiutando i pazienti a ottenere miglioramenti ampi e significativi in ​​termini di perdita di peso, trigliceridi e resistenza all’insulina, il tutto senza causare effetti avversi, in base ai risultati di una revisione sistematica e di una meta-analisi pubblicate sul BMJ.

Le diete strutturate sono state spesso considerate una parte importante della gestione del diabete e quelle improntate alla restrizione dei carboidrati sono tra quelle più utilizzate, ma in generale mancano studi definitivi sulla loro efficacia.

Nessuna revisione a oggi ha tentato di riportare l’effetto delle diete low-carb sui tassi di remissione del diabete. Gli autori hanno condotto l’analisi ricercando le fonti di letteratura su CENTRAL, Medline, Embase, CINAHL, CAB e sulla letteratura grigia per tutti gli studi clinici randomizzati pubblicati e non pubblicati incentrati su quel tipo di diete, definendo “LCD (low carbohydrate diets)” le diete ˂130 g/giorno o ˂26% di 2.000 kcal/giorno dieta — e “VLCD (very low-calorie diets)” quelle con ˂10% di calorie da carboidrati —condotte per almeno 12 settimane da adulti con diabete di tipo 2.

Lo studio
In tutto sono stati identificati 23 studi che includevano 1357 soggetti (età da 47 a 67 anni). Dall’analisi è emerso che le diete low-carb hanno contribuito ad aumentare l’incidenza di remissione del diabete nei 264 partecipanti arruolati in 8 studi (HbA 1c inferiore al 6,5%) rispetto alle diete di controllo (57% vs. 31%; differenza di rischio: 0,32; 95 % CI: 0,17-0,47; I 2 = 58%) a 6 mesi. Quando la remissione è stata definita come “emoglobina glicata (HbA 1c) inferiore al 6,5%” e “assenza di farmaci per il diabete”, le diete low-carb hanno aumentato la remissione del diabete a un tasso inferiore (differenza di rischio: 0,05; IC 95%: -0,05-0,14; evidenza di bassa certezza), mentre quando la remissione è stata definita indipendentemente dall’uso del farmaco, è aumentata nei soggetti che aderivano alle diete low-carb (differenza di rischio: 0,1; IC 95%: -0,02-0,21; evidenza di certezza moderata).

Sempre a 6 mesi, i ricercatori hanno riscontrato miglioramenti notevoli e clinicamente significativi nella perdita di peso (differenza media: -3,46; IC 95%: -5,25–1,67; evidenza di certezza moderata), livelli di trigliceridi e sensibilità all’insulina nei pazienti che aderiscono alle diete a basso tenore di carboidrati rispetto a quelle di controllo, cioè le diete definite a maggior tenore di carboidrati (≥26%). A 12 mesi, tuttavia, questi effetti sono diminuiti.

Quando hanno confrontato i VLCD con gli LCD, Goldenberg e colleghi hanno scoperto che i VLCD erano meno efficaci degli LCD rispetto alla perdita di peso a 6 mesi, un effetto che hanno attribuito all’aderenza alla dieta. I pazienti che erano fortemente aderenti ai VLCD hanno ottenuto riduzioni di peso clinicamente significative (differenza media: -4,47; IC 95%: -8,21–0,73) rispetto a quelli che erano meno aderenti (differenza media: -0,55; IC 95%: -1,76-0,66; test per la differenza di sottogruppo, p=0,05).

A 6 mesi non sono state rilevate differenze significative nella qualità della vita. A 12 mesi, le differenze sono rimaste non significative, sebbene ci fosse evidenza di peggioramento della qualità della vita e del colesterolo LDL a 12 mesi. Non sono state osservate differenze negli eventi avversi e nei lipidi nel a 6 e 12 mesi.

I limiti
Gli autori dello studio hanno sottolineato che i risultati erano basati su prove di certezza da moderata a bassa, e i limiti includevano la mancanza di una definizione precisa di remissione del diabete, una mancanza di conoscenze sull’efficacia e la sicurezza a lungo termine delle diete a basso tenore di calorie, il bias rappresentato dalla restrizione calorica, l’uso di endpoint di 6 e 12 mesi, l’uso di marker a breve termine di remissione del diabete e il numero limitato di studi che hanno consentito l’interruzione del trattamento da parte del paziente.

“Non sono stati rilevati con le diete low-carb effetti dannosi statisticamente significativi e clinicamente importanti sui fattori di rischio cardiovascolare (ad esempio, lipidi, proteina C reattiva) o eventi avversi. Tuttavia, abbiamo osservato una tendenza verso aumenti clinicamente importanti del colesterolo delle LDL a 12 mesi. Inoltre le diete hanno favorito la perdita di peso, ridotto l’uso di farmaci e migliorato le concentrazioni di trigliceridi a 6 mesi. In generale, la maggior parte dei benefici è diminuita a 12 mesi, un risultato coerente con le revisioni precedenti “, ha concluso Goldenberg.

In breve
In sintesi, in base allo studio i pazienti con diabete di tipo 2 che aderiscono a una dieta a basso contenuto di carboidrati per 6 mesi possono sperimentare la remissione del diabete senza effetti avversi di rilievo, anche se le prove hanno un grado di certezza da basso a moderato. Rispetto alle diete di controllo, l’aderenza a breve termine a diete a basso contenuto di carboidrati è stata associata a un aumento del 32% della remissione del diabete a 6 mesi.

Fonte
Goldenberg JZ et al. Efficacy and safety of low and very low carbohydrate diets for type 2 diabetes remission: systematic review and meta-analysis of published and unpublished randomized trial data. BMJ 2021;372:m4743

Tagged ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Accedi agli articoli

Fakir AMS et al. Pandemic catch-22: the role of mobility restrictions and institutional inequalities in halting the spread of COVID-19. PLOS ONE 2021; 16(6): e0253348.

Alemany S, Avella-García C, Liew Z, et al. Prenatal and postnatal exposure to acetaminophen in relation to autism spectrum and attention-deficit and hyperactivity symptoms in childhood: Meta-analysis in six European population-based cohorts. Eur J Epidemiol (2021). https://doi.org/10.1007/s10654-021-00754-4

Salazar de Pablo G et al. Universal and selective interventions to prevent poor mental health outcomes in young people: systematic review and meta-analysis. Harvard Review of Psychiatry 2021;29 (3) 196-215.

Currie JM et al. Prescribing of opioid analgesics and buprenorphine for opioid use disorder during the covid-19 pandemic. JAMA Netw Open 2021;4(4):e216147.

Marson A, Burnside G, Appleton R, et al.; SANAD II collaborators. The SANAD II study of the effectiveness and cost-effectiveness of valproate versus levetiracetam for newly diagnosed generalised and unclassifiable epilepsy: an open-label, non-inferiority, multicentre, phase 4, randomised controlled trial. Lancet 2021;397(10282):1375-1386.

Marson A, Burnside G, Appleton R, et al.; SANAD II collaborators. The SANAD II study of the effectiveness and cost-effectiveness of levetiracetam, zonisamide, or lamotrigine for newly diagnosed focal epilepsy: an open-label, non-inferiority, multicentre, phase 4, randomised controlled trial. Lancet 2021;397(10282):1363-1374.

Zichi C et al. Adoption of multiple primary endpoints in phase III trials of systemic treatments in patients with advanced solid tumours. A systematic review. Eur j Canc 2021;149:49-60.

Seidler AN et al.; on behalf of the International Liaison Committee On Resuscitation Neonatal Life Support Task Force. Umbilical cord management for newborns <34 weeks' gestation: a meta-analysis. Pediatrics 2021; 147 (3) e20200576.

Gabrhelík R et al. Cannabis use during pregnancy and risk of adverse birth outcomes: a longitudinal cohort study. Eur Addict Res 2020. doi: 10.1159/000510821e

Una finestra sull’open access

  • BMC Family Practice
  • BMC Medical Education
  • BMC Nursing
  • BMJ Open
  • PLOS Medicine

Reset della password

Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.