BAL Lazio

Notizie

Meno carboidrati, più remissione del diabete

Pubblicato mercoledì 20 Gennaio 2021

Una dieta a basso contenuto di carboidrati, rispetto a una normale, ha aumentato la remissione del diabete tipo 2 del 32% a a 6 mesi, aiutando i pazienti a ottenere miglioramenti ampi e significativi in ​​termini di perdita di peso, trigliceridi e resistenza all’insulina, il tutto senza causare effetti avversi, in base ai risultati di una revisione sistematica e di una meta-analisi pubblicate sul BMJ.

Le diete strutturate sono state spesso considerate una parte importante della gestione del diabete e quelle improntate alla restrizione dei carboidrati sono tra quelle più utilizzate, ma in generale mancano studi definitivi sulla loro efficacia.

Nessuna revisione a oggi ha tentato di riportare l’effetto delle diete low-carb sui tassi di remissione del diabete. Gli autori hanno condotto l’analisi ricercando le fonti di letteratura su CENTRAL, Medline, Embase, CINAHL, CAB e sulla letteratura grigia per tutti gli studi clinici randomizzati pubblicati e non pubblicati incentrati su quel tipo di diete, definendo “LCD (low carbohydrate diets)” le diete ˂130 g/giorno o ˂26% di 2.000 kcal/giorno dieta — e “VLCD (very low-calorie diets)” quelle con ˂10% di calorie da carboidrati —condotte per almeno 12 settimane da adulti con diabete di tipo 2.

Lo studio
In tutto sono stati identificati 23 studi che includevano 1357 soggetti (età da 47 a 67 anni). Dall’analisi è emerso che le diete low-carb hanno contribuito ad aumentare l’incidenza di remissione del diabete nei 264 partecipanti arruolati in 8 studi (HbA 1c inferiore al 6,5%) rispetto alle diete di controllo (57% vs. 31%; differenza di rischio: 0,32; 95 % CI: 0,17-0,47; I 2 = 58%) a 6 mesi. Quando la remissione è stata definita come “emoglobina glicata (HbA 1c) inferiore al 6,5%” e “assenza di farmaci per il diabete”, le diete low-carb hanno aumentato la remissione del diabete a un tasso inferiore (differenza di rischio: 0,05; IC 95%: -0,05-0,14; evidenza di bassa certezza), mentre quando la remissione è stata definita indipendentemente dall’uso del farmaco, è aumentata nei soggetti che aderivano alle diete low-carb (differenza di rischio: 0,1; IC 95%: -0,02-0,21; evidenza di certezza moderata).

Sempre a 6 mesi, i ricercatori hanno riscontrato miglioramenti notevoli e clinicamente significativi nella perdita di peso (differenza media: -3,46; IC 95%: -5,25–1,67; evidenza di certezza moderata), livelli di trigliceridi e sensibilità all’insulina nei pazienti che aderiscono alle diete a basso tenore di carboidrati rispetto a quelle di controllo, cioè le diete definite a maggior tenore di carboidrati (≥26%). A 12 mesi, tuttavia, questi effetti sono diminuiti.

Quando hanno confrontato i VLCD con gli LCD, Goldenberg e colleghi hanno scoperto che i VLCD erano meno efficaci degli LCD rispetto alla perdita di peso a 6 mesi, un effetto che hanno attribuito all’aderenza alla dieta. I pazienti che erano fortemente aderenti ai VLCD hanno ottenuto riduzioni di peso clinicamente significative (differenza media: -4,47; IC 95%: -8,21–0,73) rispetto a quelli che erano meno aderenti (differenza media: -0,55; IC 95%: -1,76-0,66; test per la differenza di sottogruppo, p=0,05).

A 6 mesi non sono state rilevate differenze significative nella qualità della vita. A 12 mesi, le differenze sono rimaste non significative, sebbene ci fosse evidenza di peggioramento della qualità della vita e del colesterolo LDL a 12 mesi. Non sono state osservate differenze negli eventi avversi e nei lipidi nel a 6 e 12 mesi.

I limiti
Gli autori dello studio hanno sottolineato che i risultati erano basati su prove di certezza da moderata a bassa, e i limiti includevano la mancanza di una definizione precisa di remissione del diabete, una mancanza di conoscenze sull’efficacia e la sicurezza a lungo termine delle diete a basso tenore di calorie, il bias rappresentato dalla restrizione calorica, l’uso di endpoint di 6 e 12 mesi, l’uso di marker a breve termine di remissione del diabete e il numero limitato di studi che hanno consentito l’interruzione del trattamento da parte del paziente.

“Non sono stati rilevati con le diete low-carb effetti dannosi statisticamente significativi e clinicamente importanti sui fattori di rischio cardiovascolare (ad esempio, lipidi, proteina C reattiva) o eventi avversi. Tuttavia, abbiamo osservato una tendenza verso aumenti clinicamente importanti del colesterolo delle LDL a 12 mesi. Inoltre le diete hanno favorito la perdita di peso, ridotto l’uso di farmaci e migliorato le concentrazioni di trigliceridi a 6 mesi. In generale, la maggior parte dei benefici è diminuita a 12 mesi, un risultato coerente con le revisioni precedenti “, ha concluso Goldenberg.

In breve
In sintesi, in base allo studio i pazienti con diabete di tipo 2 che aderiscono a una dieta a basso contenuto di carboidrati per 6 mesi possono sperimentare la remissione del diabete senza effetti avversi di rilievo, anche se le prove hanno un grado di certezza da basso a moderato. Rispetto alle diete di controllo, l’aderenza a breve termine a diete a basso contenuto di carboidrati è stata associata a un aumento del 32% della remissione del diabete a 6 mesi.

Fonte
Goldenberg JZ et al. Efficacy and safety of low and very low carbohydrate diets for type 2 diabetes remission: systematic review and meta-analysis of published and unpublished randomized trial data. BMJ 2021;372:m4743

Tagged ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Accedi agli articoli

Cascino TM, Somanchi S, Colvin M et al. Racial and sex inequities in the use of and outcomes after left ventricular assist device implantation among medicare beneficiaries. JAMA Netw Open 2022;5(7):e2223080.

Ma H et al. Adding salt to foods and hazard of premature mortality. Eur Heart J. 2022 Jul 10:ehac208. doi: 10.1093/eurheartj/ehac208. Epub ahead of print. PMID: 35808995.

Clarke PM et al. The comparative mortality of an elite group in the long run of history: an observational analysis of politicians from 11 countries. Eur J Epidemiol 2022:23:1-9.

Wang P et al. Associations between long-term drought and diarrhea among children under five in low- and middle-income countries. Nat Commun 2022;13(1):3661.

McDonagh MS et al. Cannabis-based products for chronic pain : a systematic review. Ann Intern Med. 2022 Jun 7. doi: 10.7326/M21-4520. Epub ahead of print. PMID: 35667066.

Global Burden of Disease 2019 Cancer Collaboration et al. Cancer Incidence, Mortality, Years of Life Lost, Years Lived With Disability, and Disability-Adjusted Life Years for 29 Cancer Groups From 2010 to 2019: A Systematic Analysis for the Global Burden of Disease Study 2019. JAMA Oncol 2022;8(3):420-444.

Dehmer SP et al. Aspirin use to prevent cardiovascular disease and colorectal cancer: a decision analysis: technical report [Internet]. Rockville (MD): Agency for Healthcare Research and Quality (US); 2015 Sep. Report No.: 15-05229-EF-1.

Ezekowitz JA et al.; SODIUM-HF Investigators. Reduction of dietary sodium to less than 100 mmol in heart failure (SODIUM-HF): an international, open-label, randomised, controlled trial. Lancet 2022:S0140-6736(22)00369-5.

Fang Z et al. The role of mendelian randomization studies in deciphering the effect of obesity on cancer. JNCI: Journal of the National Cancer Institute 2022; 114 (3); 361-71.

Wong Chung JERE et al. Time to functional recovery after laser tonsillotomy performed under local anesthesia vs conventional tonsillectomy with general anesthesia among adults: a randomized clinical trial. JAMA Netw Open 2022;5(2):e2148655. JAMA Netw Open. 2022;5(2):e2148655.

Sundbøll J. Risk of parkinson disease and secondary parkinsonism in myocardial infarction survivors. Journal of the American Heart Association 2022; doi: 10.1161/JAHA.121.022768

Ferroni E et al. Gender related differences in gastrointestinal bleeding with oral anticoagulation in atrial fibrillation. J Cardiovasc Pharmacol Ther 2022;27:10742484211054609.

Una finestra sull’open access

  • BMC Family Practice
  • BMC Medical Education
  • BMC Nursing
  • BMJ Open
  • PLOS Medicine