BAL Lazio

Notizie

Metilfenidato per l’ADHD negli adulti: le prove non ci sono

Pubblicato venerdì 19 Febbraio 2021

Non sono state trovate prove che il metilfenidato IR (a rapido rilascio) possa ridurre rispetto al placebo o al litio i sintomi dell’ADHD negli adulti. Inoltre, i soggetti trattati con metilfenidato IR sarebbero a maggior rischio di danni gastrointestinali e metabolici rispetto al placebo. Questo è quanto emerso da una revisione Cochrane sull’argomento pubblicata recentemente.

Per il disturbo da deficit dell’attenzione e iperattività (ADHD) moderato-grave negli adulti in alcuni paesi il metilfenidato è la prima opzione di trattamento. Ma le prove sull’efficacia e sugli eventi avversi del metilfenidato IR per uqella popolazione sono limitate e controverse.

Gli autori hanno consultato CENTRAL, MEDLINE, Embase, otto database aggiuntivi e tre registri di studi in corso, cercando anche nei rapporti interni sui siti dell’Agenzia europea per i medicinali e della Food and Drug Administration statunitense.

Criteri di selezione ed esiti
Sono stati presi in considerazione gli studi clinici controllati randomizzati (RCT) che confrontano il metilfenidato IR, a qualsiasi dose, con placebo o altri interventi farmacologici (comprese le formulazioni a rilascio prolungato di metilfenidato) per l’ADHD negli adulti. Gli esiti primari comprendevano i cambiamenti nei sintomi dell’ADHD (efficacia) e gli eventi avversi. Gli esiti secondari invece includevano i cambiamenti nel funzionamento globale e nella gravità della malattia, depressione, ansia e qualità della vita.

Risultati principali
In tutto sono stati inclusi 10 studi (409 adulti con ADHD) pubblicati tra il 2001 e il 2016. Si trattava di pazienti ambulatoriali, pazienti ricoverati in trattamento per la dipendenza e adulti disposti a partecipare a un programma ambulatoriale intensivo per la dipendenza da cocaina. La durata del follow-up variava da 6 a 18 settimane.

Metilfenidato IR vs. placebo
Il metilfenidato IR può ridurre i sintomi dell’ADHD misurati con scale di valutazione utilizzate dai ricercatori. Quando invece sono i sintomi sono riportati dai pazienti,  potrebbe esserci un moderato effetto positivo. C’è comunque incertezza su questi risultati che potrebbero cambiare con la pubblicazione di ulteriori dati. Il metilfenidato IR sembra avere un effetto minimo o nullo nel ridurre i sintomi di ansia e depressione.

Metilfenidato IR vs. litio
Rispetto al litio, c’è incertezza se il metilfenidato IR aumenti o diminuisca i sintomi dell’ADHD, depressione e ansia. Nessuno degli studi inclusi ha riportato risultati sui cambiamenti nei sintomi dell’ADHD auto-riportati dai partecipanti, sul funzionamento globale e sulla gravità nei partecipanti trattati con metilfenidato IR rispetto al litio.

Eventi avversi
Complessivamente, 4 studi con 203 partecipanti che hanno ricevuto metilfenidato IR e 141 partecipanti che hanno ricevuto placebo hanno descritto eventi avversi. L’uso di metilfenidato IR ha aumentato il rischio di complicazioni digestive e perdita di appetito. Sono stati segnalati danni al cuore e alla circolazione, ma in modo limitato e non coerente. Uno studio che confrontava il metilfenidato IR con il litio ha riportato rispettivamente 5 e 9 eventi avversi.

Fonte
Cândido RCF et al. Immediate‐release methylphenidate for attention deficit hyperactivity disorder (ADHD) in adults. Cochrane Database of Systematic Reviews 2021, Issue 1. Art. No.: CD013011. DOI: 10.1002/14651858.CD013011.pub2

Tagged , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Accedi agli articoli

Alemany S, Avella-García C, Liew Z, et al. Prenatal and postnatal exposure to acetaminophen in relation to autism spectrum and attention-deficit and hyperactivity symptoms in childhood: Meta-analysis in six European population-based cohorts. Eur J Epidemiol (2021). https://doi.org/10.1007/s10654-021-00754-4

Salazar de Pablo G et al. Universal and selective interventions to prevent poor mental health outcomes in young people: systematic review and meta-analysis. Harvard Review of Psychiatry 2021;29 (3) 196-215.

Currie JM et al. Prescribing of opioid analgesics and buprenorphine for opioid use disorder during the covid-19 pandemic. JAMA Netw Open 2021;4(4):e216147.

Marson A, Burnside G, Appleton R, et al.; SANAD II collaborators. The SANAD II study of the effectiveness and cost-effectiveness of valproate versus levetiracetam for newly diagnosed generalised and unclassifiable epilepsy: an open-label, non-inferiority, multicentre, phase 4, randomised controlled trial. Lancet 2021;397(10282):1375-1386.

Marson A, Burnside G, Appleton R, et al.; SANAD II collaborators. The SANAD II study of the effectiveness and cost-effectiveness of levetiracetam, zonisamide, or lamotrigine for newly diagnosed focal epilepsy: an open-label, non-inferiority, multicentre, phase 4, randomised controlled trial. Lancet 2021;397(10282):1363-1374.

Zichi C et al. Adoption of multiple primary endpoints in phase III trials of systemic treatments in patients with advanced solid tumours. A systematic review. Eur j Canc 2021;149:49-60.

Seidler AN et al.; on behalf of the International Liaison Committee On Resuscitation Neonatal Life Support Task Force. Umbilical cord management for newborns <34 weeks' gestation: a meta-analysis. Pediatrics 2021; 147 (3) e20200576.

Gabrhelík R et al. Cannabis use during pregnancy and risk of adverse birth outcomes: a longitudinal cohort study. Eur Addict Res 2020. doi: 10.1159/000510821e

Ouldali N et al. Association of intravenous immunoglobulins plus methylprednisolone vs immunoglobulins alone with course of fever in multisystem inflammatory syndrome in children. JAMA. February 1, 2021. Epub ahead of print. doi:10.1001/jama.2021.0694

Una finestra sull’open access

  • BMC Family Practice
  • BMC Medical Education
  • BMC Nursing
  • BMJ Open
  • PLOS Medicine

Reset della password

Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.