Home / Notizie /

Negli Stati Uniti depressione senza trattamento

La depressione negli Stati Uniti è in aumento e senza un corrispettivo aumento del trattamento. È la conclusione di uno studio condotto presso la Columbia University Mailman School of Public Health e la City University di New York pubblicato sull’American Journal of Preventive Medicine.

I dati sono stati tratti dal National Survey on Drug Use and Health 2015-2020, uno studio rappresentativo a livello nazionale su individui statunitensi di età pari o superiore a 12 anni. La depressione maggiore è il disturbo mentale più comune negli Stati Uniti ed è il fattore di rischio più rilevante rispetto ai comportamenti suicidari. I risultati di studi precedenti mostravano già un aumento della depressione nella popolazione statunitense dal 6,6% nel 2005 al 7,3% nel 2015.

Lo studio aggiorna le stime di prevalenza della depressione fino all’anno 2020 e conferma l’aumento crescente della depressione dal 2015 al 2019, riflettendo una crisi di salute pubblica che si stava intensificando anche prima dell’inizio della pandemia. L’effetto netto di queste tendenze suggerisce un’accelerazione della crisi e soprattutto l’evidenza che non è stata raggiunta l’equità nel trattamento della depressione che era stata annunciata.

La prevalenza della depressione tra gli individui bianchi non ispanici ha superato quella di tutti gli altri gruppi razziali/etnici. Inoltre era costantemente più alta tra le donne rispetto agli uomini e tra gli adulti che non erano attualmente o precedentemente sposati. Mentre c’è stato un aumento della depressione dal 2015 al 2019 in tutti i gruppi di reddito, la più alta prevalenza di depressione era evidente tra quelli con il reddito familiare più basso.

“Il livello elevato e la concentrazione di depressione non trattata tra adolescenti e giovani adulti sono particolarmente problematici perché la depressione non trattata all’inizio della vita è predittiva di un rischio aumentato di successivi problemi di salute mentale”, ha commentato Goodwin. “Le conseguenze a breve e a lungo termine della pandemia sulla depressione non sono ancora chiare, ma queste stime sono un punto di partenza necessario per quantificare l’impatto della pandemia sulla salute mentale. Ampliare le campagne basate sull’evidenza, basate sulla comunità e rivolte al pubblico che promuovono la ricerca di aiuto, l’intervento precoce, la prevenzione e l’educazione sulla depressione sono urgentemente necessari”

Fonte
Weinberger AH et al. Trends in depression prevalence in the USA from 2005 to 2015: widening disparities in vulnerable groups. Psychol Med 2018;48(8):1308-1315.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *