BAL Lazio

Notizie

Noduli tiroidei benigni: per la maggior parte la prognosi è favorevole

Pubblicato mercoledì 4 Marzo 2015

Un articolo tutto italiano pubblicato sul JAMA riferisce che la maggioranza dei noduli tiroidei benigni asintomatici osservati nel corso dello studio, dopo un follow-up di 5 anni, non manifestava nessun cambiamento significativo di dimensioni, in alcuni casi le dimensioni diminuivano, e le diagnosi di tumore della tiroide erano rare.

Background: negli ultimi anni è aumentata l’individuazione di noduli tiroidei asintomatici; nel 50% delle autopsie si rilevano noduli tiroidei. A fronte di questa situazione, ci sono incertezze su quale sia il follow-up ottimale. Le attuali linee guida raccomandano esami ecografici e rivalutazioni con esami citologici se si osservano aumenti significativi delle dimensioni dei noduli.

Lo studio: l’obiettivo dello studio prospettico osservazionale, condotto da Cosimo Durante (Università di Roma Sapienza) e collaboratori, è stato valutare la storia naturale di noduli tiroidei benigni in individui asintomatici e i fattori a essi associati in un periodo di 5 anni. Sono stati inclusi nello studio soggetti con almeno 1 nodulo tiroideo e senza disfunzioni tiroidee, con un risultato benigno all’agoaspirato o che non rispondevano ai criteri per essere sottoposti a tale esame. I 992 pazienti, provenienti da 8 centri italiani, sono stati sottoposti a indagini ecografiche per tutto il periodo in studio (fino al gennaio 2013). Se nel corso del follow-up si rilevavano aumenti significativi delle dimensioni dei noduli, o caratteristiche ecografiche preoccupanti, si eseguiva una valutazione con agoaspirato: l’agoaspirato è stato eseguito al 5° anno di follow-up anche nei pazienti che erano già stati sottoposti a tale esame.

I risultati: nel 69% dei pazienti arruolati le dimensioni dei noduli è rimasta stabile durante tutto il periodo di follow-up; è stato invece rilevato un aumento delle dimensioni dei noduli nel 15.4% (153 pazienti) dei casi e una loro diminuzione nel 18.5% (184 pazienti). Nella maggior parte dei pazienti (88.3%) non è stato registrato nessun aumento del numero di noduli. Il tumore tiroideo è stato diagnosticato in 5 (0.3%) dei 1567 noduli identificati inizialmente. Lo studio suggerisce, infine, che la presenza di noduli multipli, un volume del nodulo >0.2 mL e la nulliparità nelle donne possono contribuire alla crescita del nodulo nel tempo.

Secondo l’editoriale che commenta l’articolo, lo studio di Durante et al. ha alcune importanti implicazioni

  • I dati sostengono la validità delle diagnosi citologiche di benignità che si ottengono con l’agoaspirato, con una percentuale molto bassa di falsi negativi (1.1%).
  • La pratica della sorveglianza ecografica con ripetizione dell’agoaspirato in caso di crescita delle dimensione dei noduli non è la strategia migliore per individuare i tumori tra i casi già sottoposti ad agoaspirato con diagnosi citologiche di benignità. “The one-size-fits-all approach simply does not work”, scrivono Anne Cappola e Susan Mandel (Perelman School of Medicine, University of Pennsylvania). Le strategie di sorveglianza dovrebbero essere indirizzate sulla base dell’aspetto ecografico dei noduli.
  • Molti dei noduli rilevati con l’ecografia sono di solito piccoli, di dimensioni inferiori a 1 cm, e non hanno caratteristiche sospette: infatti anche il 54% dei noduli individuati nello studio era stato classificato come benigno in base a tali caratteristiche (senza la valutazione dell’agoaspirato). L’affidabilità dell’assenza di tali caratteristiche nel predire una malattia benigna, secondo le autrici dell’editoriale, è dunque eccellente.
  • L’ultima implicazione è che anche i noduli benigni crescono di dimensioni.

“Tra i pazienti con noduli tiroidei asintomatici, di natura benigna all’esame ecografico o citologico, non si sono registrati aumenti significativi di dimensioni nella maggioranza dei noduli, durante i 5 anni di follow-up”, concludono gli autori dello studio, “e i casi di carcinoma tiroideo sono stati rari. In base a tali risultati, sarebbe opportuno prendere in considerazione la revisione delle attuali linee guida sul follow-up dei noduli tiroidei asintomatici”.

Fonti:
Durante C, Costante G, Lucisano G et al. The Natural History of Benign Thyroid Nodules. JAMA 2015;313(9):926-935. doi:10.1001/jama.2015.0956. JAMA. 2015;313(9):926-935.
Cappola AR, Mandel SJ. Improving the Long-term Management of Benign Thyroid Nodules. JAMA. 2015;313(9):903-904. doi:10.1001/jama.2015.0836
Science Daily. Long-term follow-up of benign thyroid nodules shows favorable prognosis.

Leggi anche l’articolo BAL: Scelte sagge anche per la tiroide, 21 luglio 2014

Archiviato in , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Accedi agli articoli

Ouldali N et al. Association of intravenous immunoglobulins plus methylprednisolone vs immunoglobulins alone with course of fever in multisystem inflammatory syndrome in children. JAMA. February 1, 2021. Epub ahead of print. doi:10.1001/jama.2021.0694

Freedman RA et al. Individualizing surveillance mammography for older patients after treatment for early-stage breast cancer: multidisciplinary expert panel and International Society of Geriatric Oncology Consensus Statement. JAMA Oncol. Published online January 28, 2021. doi:10.1001/jamaoncol.2020.7582

Fontanella CA et al. Association of cannabis use with self-harm and mortality risk among youths with mood disorders. JAMA Pediatr. Published online January 19, 2021. doi:10.1001/jamapediatrics.2020.5494

Goldenberg JZ et al. Efficacy and safety of low and very low carbohydrate diets for type 2 diabetes remission: systematic review and meta-analysis of published and unpublished randomized trial data. BMJ 2021;372:m4743

Huang J, Yang F, Chien W, et al. Risk of substance use disorder and its associations with comorbidities and psychotropic agents in patients with autism. JAMA Pediatr. Published online January 04, 2021.

Ezekowitz JA et al. Is there a sex gap in surviving an acute coronary syndrome or subsequent development of heart failure? Circulation, 30 november 2020.

Collaborative Group on Hormonal Factors in Breast Cancer. Type and timing of menopausal hormone therapy and breast cancer risk: individual participant meta-analysis of the worldwide epidemiological evidence. Lancet 2019;394(10204):1159-68.

Vinogradova Y et al. Use of hormone replacement therapy and risk of breast cancer: nested case-control studies using the QResearch and CPRD databases. BMJ 2020; 371 :m3873

Una finestra sull’open access

  • BMC Family Practice
  • BMC Medical Education
  • BMC Nursing
  • BMJ Open
  • PLOS Medicine

Reset della password

Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.