BAL Lazio

Notizie

Nuove raccomandazioni per screening del cancro colon-retto

Pubblicato mercoledì 7 Luglio 2021

La US Preventive Services Task Force ha aggiornato le sue raccomandazioni per lo screening del cancro del colon-retto. Le nuove linee guida sono state pubblicate sul JAMA.

“Il cancro del colon-retto è una malattia di grande impatto e rappresenta la terza causa di morte per cancro negli Stati Uniti, eppure circa un quarto degli adulti di età compresa tra i 50 e i 75 anni non è mai stato sottoposto a screening per il cancro del colon-retto. La Task Force rivede le sue raccomandazioni ogni cinque anni per assicurarsi che riflettano le ultime ricerche “, spiega Martha Kubik, direttore della School of Nursing presso il College of Health and Human Services della George Mason University, membro della US Preventive Services Task Force (USPSTF).

Per aggiornare le sue raccomandazioni del 2016, l’USPSTF ha esaminato, attraverso una revisione sistematica, i benefici e i danni dello screening negli adulti asintomatici di età uguale o superiore a 40 anni, valutando l’entità del beneficio netto per ciascuna raccomandazione.

Punti chiave:

  • L’età è uno dei più importanti fattori di rischio per il cancro del colon-retto dal momento che l’incidenza è proporzionale all’età. Su queste basi USPSTF ha raccomandato lo screening per tutti gli adulti di età compresa tra 50 e 75 anni, indipendentemente dalla presenza di fattori di rischio, e questa raccomandazione ha un sostanziale beneficio netto.
  • Anche se il rischio di sviluppare un tumore del colon-retto è inferiore negli adulti sotto i 50 anni, le analisi di coorte hanno evidenziato tendenze recenti nell’incidenza del tumore del colon-retto in età più giovane (dati del registro dei tumori dal 2006 al 2015 hanno rivelato un aumento annuo di circa l’1% del cancro del colon e un aumento di quasi il 2% annuo nella fascia 45-50 anni). L’USPSTF ha deciso quindi di raccomandare lo screening anche negli adulti asintomatici trai 45 e i 49 anni a rischio medio. Questa raccomandazione, modificata rispetto al 2016, ha un beneficio netto moderato.
  • Negli adulti di età compresa tra 76 e 85 anni le evidenze suggeriscono che i danni dello screening possono superare i benefici in molti casi. L’USPSTF raccomanda quindi uno screening selettivo in questa fascia di età sulla base allo stato di salute, della storia di screening precedente e delle preferenze del paziente. Il beneficio netto della raccomandazione in questo caso è basso.

Rispetto ai metodi, l’uso di test di visualizzazione diretta e i test basati sulle feci sono raccomandati entrambi. “Con queste linee guida di screening ampliate, la nostra speranza è che più persone vengano sottoposte a screening per il cancro del colon-retto, con conseguente salvataggio di molte più vite”, conclude Kubik. I test disponibili sono molti e sono in grado di proteggere efficacemente gli adulti di età compresa tra 45 e 75 anni. medici e pazienti dovrebbero considerare i pro e i contro delle varie opzioni per aiutare a decidere quale test è il migliore per le loro esigenze individuali.

Fonte
Knudsen AB al. Colorectal cancer screening: an updated modeling study for the US Preventive Services Task Force. JAMA 2021;325(19):1998–2011. doi:10.1001/jama.2021.5746

Tagged ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Accedi agli articoli

Garutti M et al. Checkpoint inhibitors, fertility, pregnancy, and sexual life: a systematic review. ESMO Open 2021;6(5):100276.

Hauptman M et al. Individual- and community-level factors associated with detectable and elevated blood lead levels in US children: results from a national clinical laboratory. JAMA Pediatr. Published online September 27, 2021. doi:10.1001/jamapediatrics.2021.3518

Marcus GM et al. Acute consumption of alcohol and discrete atrial fibrillation events. Ann Intern Med 2021 Aug 31. doi: 10.7326/M21-0228. Epub ahead of print. PMID: 34461028.

Fakir AMS et al. Pandemic catch-22: the role of mobility restrictions and institutional inequalities in halting the spread of COVID-19. PLOS ONE 2021; 16(6): e0253348.

Alemany S, Avella-García C, Liew Z, et al. Prenatal and postnatal exposure to acetaminophen in relation to autism spectrum and attention-deficit and hyperactivity symptoms in childhood: Meta-analysis in six European population-based cohorts. Eur J Epidemiol (2021). https://doi.org/10.1007/s10654-021-00754-4

Salazar de Pablo G et al. Universal and selective interventions to prevent poor mental health outcomes in young people: systematic review and meta-analysis. Harvard Review of Psychiatry 2021;29 (3) 196-215.

Currie JM et al. Prescribing of opioid analgesics and buprenorphine for opioid use disorder during the covid-19 pandemic. JAMA Netw Open 2021;4(4):e216147.

Marson A, Burnside G, Appleton R, et al.; SANAD II collaborators. The SANAD II study of the effectiveness and cost-effectiveness of valproate versus levetiracetam for newly diagnosed generalised and unclassifiable epilepsy: an open-label, non-inferiority, multicentre, phase 4, randomised controlled trial. Lancet 2021;397(10282):1375-1386.

Marson A, Burnside G, Appleton R, et al.; SANAD II collaborators. The SANAD II study of the effectiveness and cost-effectiveness of levetiracetam, zonisamide, or lamotrigine for newly diagnosed focal epilepsy: an open-label, non-inferiority, multicentre, phase 4, randomised controlled trial. Lancet 2021;397(10282):1363-1374.

Una finestra sull’open access

  • BMC Family Practice
  • BMC Medical Education
  • BMC Nursing
  • BMJ Open
  • PLOS Medicine

Reset della password

Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.