Home / Notizie / Nuovi farmaci per l’emicrania

Nuovi farmaci per l’emicrania

In base a una revisione sistematica e a una metanalisi alcune nuove classi di farmaci contro l’emicrania dimostrano di essere efficaci e tollerabili nei pazienti con emicrania cronica.

Il nuovo studio ha confrontato i risultati nella gestione dell’emicrania acuta utilizzando ditan, lasmiditan (un agonista del recettore 5-idrossitriptamina [5HT]1F) e i due gepants, rimegepant e ubrogepant (antagonisti del peptide correlato al gene della calcitonina [CGRP]), con la terapia standard con triptani (agonisti selettivi del recettore 5-HT1B/1D).

Sono stati presi in considerazione 64 studi clinici randomizzati in doppio cieco che includevano 46.442 pazienti, la maggior parte dei quali (74-87%) erano donne con una fascia di età compresa tra i 36 e i 43 anni.

L’esito primario era l’OR per l’assenza di dolore a 2 ore da una singola dose e l’esito secondario era l’OR per il sollievo dal dolore a 2 ore dalla dose. Stessi intervalli per gli eventi avversi.

Praticamente tutti i farmaci diffusi nell’uso clinico, indipendentemente dalla classe, erano associati a OR più elevati per il sollievo dal dolore rispetto al placebo. Ma rispetto a quest’ultimo esito i triptani erano associati a OR significativamente più elevati. Gli intervalli OR erano 1,72-3,40 per lasmiditan, 1,58-3,13 per rimegepant e 1,54-3,05 per ubrogepant.

Per quanto riguarda il sollievo dal dolore a 2 ore, mentre tutti i farmaci erano più efficaci del placebo, i triptani erano associati a OR più elevati rispetto alle altre classi di farmaci: lasmiditan (OR, 1,46; IC 95%, 1,09-1,96 a OR, 3,31; IC 95%, 2,41-4,55), rimegepant (OR, 1,33; IC 95%, 1,01-1,76 a OR, 3,01; IC 95%, 2,33-3,88) e ubrogepant (OR, 1,38; IC 95%, 1,02-1,88 a OR, 3,13; IC 95%, 2,33-3,88).

Dal punto di vista della tollerabilità nel complesso i triptani erano associati agli OR più elevati per qualsiasi evento avverso con un trend di relazione dose-risposta. Tra tutti i trattamenti il lasmiditan (nella classe dei ditan) era associato al rischio più elevato di eventi avversi. La maggior parte degli eventi avversi era da lieve a moderato e includeva dolore toracico, senso di oppressione, pesantezza e pressione.

“Sebbene queste due nuove classi di farmaci antiemicranici possano non essere efficaci quanto i triptani, questi nuovi agenti senza rischi cardiovascolari potrebbero offrire un’alternativa agli attuali trattamenti specifici per l’emicrania per i pazienti a rischio di malattie cardiovascolari” sottolinea Yang, uno degli autori dello studio.

“La risposta alla terapia acuta può differire tra gli attacchi di emicrania e può essere basata su variabili non controllate come la prima assunzione del farmaco, i sintomi associati come nausea che possono rendere i farmaci orali meno efficaci, ecc.” sottolinea Lauren Natbony, associated editor di North Shore Headache and Spine.

Gli autori riconoscono che l’attenzione alle risposte a breve termine e agli effetti avversi dopo una singola dose rappresentano un limite dello studio che però ha il suo vero punto di forza nella metanalisi di rete che ha consentito “più confronti diretti e indiretti, classificando l’efficacia e la sicurezza dei singoli interventi farmacologici e fornendo stime più precise rispetto a quelle degli RCT e delle tradizionali metanalisi”.

Fonte
Yang C, Liang C, Chang C, et al. Comparison of new pharmacologic agents with triptans for treatment of migraine: a systematic review and meta-analysis. JAMA Netw Open 2021;4(10):e2128544.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *