BAL Lazio

Notizie

Nuovi farmaci per l’emicrania

Pubblicato giovedì 4 Novembre 2021

In base a una revisione sistematica e a una metanalisi alcune nuove classi di farmaci contro l’emicrania dimostrano di essere efficaci e tollerabili nei pazienti con emicrania cronica.

Il nuovo studio ha confrontato i risultati nella gestione dell’emicrania acuta utilizzando ditan, lasmiditan (un agonista del recettore 5-idrossitriptamina [5HT]1F) e i due gepants, rimegepant e ubrogepant (antagonisti del peptide correlato al gene della calcitonina [CGRP]), con la terapia standard con triptani (agonisti selettivi del recettore 5-HT1B/1D).

Sono stati presi in considerazione 64 studi clinici randomizzati in doppio cieco che includevano 46.442 pazienti, la maggior parte dei quali (74-87%) erano donne con una fascia di età compresa tra i 36 e i 43 anni.

L’esito primario era l’OR per l’assenza di dolore a 2 ore da una singola dose e l’esito secondario era l’OR per il sollievo dal dolore a 2 ore dalla dose. Stessi intervalli per gli eventi avversi.

Praticamente tutti i farmaci diffusi nell’uso clinico, indipendentemente dalla classe, erano associati a OR più elevati per il sollievo dal dolore rispetto al placebo. Ma rispetto a quest’ultimo esito i triptani erano associati a OR significativamente più elevati. Gli intervalli OR erano 1,72-3,40 per lasmiditan, 1,58-3,13 per rimegepant e 1,54-3,05 per ubrogepant.

Per quanto riguarda il sollievo dal dolore a 2 ore, mentre tutti i farmaci erano più efficaci del placebo, i triptani erano associati a OR più elevati rispetto alle altre classi di farmaci: lasmiditan (OR, 1,46; IC 95%, 1,09-1,96 a OR, 3,31; IC 95%, 2,41-4,55), rimegepant (OR, 1,33; IC 95%, 1,01-1,76 a OR, 3,01; IC 95%, 2,33-3,88) e ubrogepant (OR, 1,38; IC 95%, 1,02-1,88 a OR, 3,13; IC 95%, 2,33-3,88).

Dal punto di vista della tollerabilità nel complesso i triptani erano associati agli OR più elevati per qualsiasi evento avverso con un trend di relazione dose-risposta. Tra tutti i trattamenti il lasmiditan (nella classe dei ditan) era associato al rischio più elevato di eventi avversi. La maggior parte degli eventi avversi era da lieve a moderato e includeva dolore toracico, senso di oppressione, pesantezza e pressione.

“Sebbene queste due nuove classi di farmaci antiemicranici possano non essere efficaci quanto i triptani, questi nuovi agenti senza rischi cardiovascolari potrebbero offrire un’alternativa agli attuali trattamenti specifici per l’emicrania per i pazienti a rischio di malattie cardiovascolari” sottolinea Yang, uno degli autori dello studio.

“La risposta alla terapia acuta può differire tra gli attacchi di emicrania e può essere basata su variabili non controllate come la prima assunzione del farmaco, i sintomi associati come nausea che possono rendere i farmaci orali meno efficaci, ecc.” sottolinea Lauren Natbony, associated editor di North Shore Headache and Spine.

Gli autori riconoscono che l’attenzione alle risposte a breve termine e agli effetti avversi dopo una singola dose rappresentano un limite dello studio che però ha il suo vero punto di forza nella metanalisi di rete che ha consentito “più confronti diretti e indiretti, classificando l’efficacia e la sicurezza dei singoli interventi farmacologici e fornendo stime più precise rispetto a quelle degli RCT e delle tradizionali metanalisi”.

Fonte
Yang C, Liang C, Chang C, et al. Comparison of new pharmacologic agents with triptans for treatment of migraine: a systematic review and meta-analysis. JAMA Netw Open 2021;4(10):e2128544.

Tagged , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Accedi agli articoli

Dehmer SP et al. Aspirin use to prevent cardiovascular disease and colorectal cancer: a decision analysis: technical report [Internet]. Rockville (MD): Agency for Healthcare Research and Quality (US); 2015 Sep. Report No.: 15-05229-EF-1.

Ezekowitz JA et al.; SODIUM-HF Investigators. Reduction of dietary sodium to less than 100 mmol in heart failure (SODIUM-HF): an international, open-label, randomised, controlled trial. Lancet 2022:S0140-6736(22)00369-5.

Fang Z et al. The role of mendelian randomization studies in deciphering the effect of obesity on cancer. JNCI: Journal of the National Cancer Institute 2022; 114 (3); 361-71.

Wong Chung JERE et al. Time to functional recovery after laser tonsillotomy performed under local anesthesia vs conventional tonsillectomy with general anesthesia among adults: a randomized clinical trial. JAMA Netw Open 2022;5(2):e2148655. JAMA Netw Open. 2022;5(2):e2148655.

Sundbøll J. Risk of parkinson disease and secondary parkinsonism in myocardial infarction survivors. Journal of the American Heart Association 2022; doi: 10.1161/JAHA.121.022768

Ferroni E et al. Gender related differences in gastrointestinal bleeding with oral anticoagulation in atrial fibrillation. J Cardiovasc Pharmacol Ther 2022;27:10742484211054609.

Lowenstein M et al. Sustained implementation of a multicomponent strategy to increase emergency department-initiated interventions for opioid use disorder. Ann Emerg Med 2021:S0196-0644(21)01380-9.

Okereke OI et al. Effect of long-term supplementation with marine omega-3 fatty acids vs placebo on risk of depression or clinically relevant depressive symptoms and on change in mood scores: a randomized clinical trial. JAMA 2021;326(23):2385-2394.

Gaillard EA et al. European Respiratory Society clinical practice guidelines for the diagnosis of asthma in children aged 5-16 years. Eur Respir J 2021;58(5):2004173.

Slomski A. Thousands of US youths cope with the trauma of losing parents to COVID-19. JAMA. Published online November 17, 2021.

Hillis SD, Blenkinsop A, Villaveces A, et al. COVID-19-associated orphanhood and caregiver death in the United States. Pediatrics. 2021 Oct 7:e2021053760.

Una finestra sull’open access

  • BMC Family Practice
  • BMC Medical Education
  • BMC Nursing
  • BMJ Open
  • PLOS Medicine