BAL Lazio

Notizie

Obesità e tumore: alla ricerca delle evidenze

Pubblicato giovedì 12 Gennaio 2017

L’International Association for Research on Cancer (IARC) ha recentemente aggiornato i dati sul collegamento tra grasso corporeo e rischio di cancro. Sulla base delle evidenze disponibili, l’assenza di un eccesso di grasso corporeo avrebbe un effetto preventivo per il tumore del corpo dell’utero, dell’esofago (adenocarcinoma), del cardias (stomaco), del fegato, del rene (a cellule renali), del pancreas, per i meningiomi, per il mieloma multiplo, del colon/retto, della cistifellea, per il tumore della mammella postmenopausale, dell’ovaio e della tiroide.

Al rapporto tra obesità e cancro è dedicato anche il fascicolo di dicembre del Journal of Clinical Oncology.

Vediamo le conclusioni di alcuni degli studi:

  • per il tumore al seno, le evidenze suggeriscono che l’obesità è associata a un aumento del rischio di ricaduta e morte del 35-40% (Jiralerspong et al.)
  • sovrappeso e/o obesità potrebbero essere associati con una prognosi peggiore in molti tumori gastrointestinali (Brown et al.)
  • ci sarebbe un’associazione molto forte tra obesità e rischio di tumore dell’endometrio (Onstad et al.);
  • un elevato indice di massa corporea sarebbe associato con un rischio superiore di sviluppare un tumore avanzato della prostata e a un aumento della mortalità; ci sarebbe anche un’associazione con una scarsa sopravvivenza in molti tumori ematologici, leucemia e mieloma multiplo inclusi (Yang et al.).

Ma, dal  momento che l’obesità può contribuire all’insorgenza dei tumori, si può ipotizzare che una riduzione del peso, dopo una diagnosi di tumore, potrebbe migliorarne il decorso? Purtroppo, a tutt’oggi, la natura osservazionale delle evidenze disponibili è insufficiente per “consentire di trarre conclusioni sull’impatto dei cambiamenti dello stile di vita sugli esiti dei tumori”, spiegano gli autori dell’editoriale di presentazione del fascicolo del Journal of Clinical Oncology dedicato al cancro e all’obesità, Pamela J. Goodwin (Mount Sinai Hospital, University of Toronto) e Rowan T. Chlebowski (Los Angeles Biomedical Research Institute at Harbor-UCLA Medical Center). Dopo le dovute avvertenze su quanto si sa e sul molto che rimane da scoprire, per esempio sui meccanismi biologici alla base del collegamento tra cancro e obesità, Goodwin e Chlebowski sono però d’accordo nel sottolineare che “a livello di popolazione sarà importante ridurre l’epidemia di obesità, non solo per diminuire il rischio di cancro e migliorare gli esiti, ma anche per diminuire la tossicità dei trattamenti e le comorbilità nella popolazione oncologica”.

Fonti
Pamela J. Goodwin and Rowan T. Chlebowski. Obesity and cancer: Insights for clinicians. DOI: 10.1200/JCO.2016.70.5327 Journal of Clinical Oncology 34, no. 35 (December 2016) 4197-4202.
International Agency for Research on Cancer Handbook Working Group. Body fatness and cancer — Viewpoint of the IARC Working Group. N Engl J Med 2016; 375:794-8.

Tagged ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Accedi agli articoli

Grummitt LR et al. Association of childhood adversity with morbidity and mortality in US adults: a systematic Review. JAMA Pediatr. Published online October 04, 2021.

Garutti M et al. Checkpoint inhibitors, fertility, pregnancy, and sexual life: a systematic review. ESMO Open 2021;6(5):100276.

Hauptman M et al. Individual- and community-level factors associated with detectable and elevated blood lead levels in US children: results from a national clinical laboratory. JAMA Pediatr. Published online September 27, 2021. doi:10.1001/jamapediatrics.2021.3518

Marcus GM et al. Acute consumption of alcohol and discrete atrial fibrillation events. Ann Intern Med 2021 Aug 31. doi: 10.7326/M21-0228. Epub ahead of print. PMID: 34461028.

Fakir AMS et al. Pandemic catch-22: the role of mobility restrictions and institutional inequalities in halting the spread of COVID-19. PLOS ONE 2021; 16(6): e0253348.

Alemany S, Avella-García C, Liew Z, et al. Prenatal and postnatal exposure to acetaminophen in relation to autism spectrum and attention-deficit and hyperactivity symptoms in childhood: Meta-analysis in six European population-based cohorts. Eur J Epidemiol (2021). https://doi.org/10.1007/s10654-021-00754-4

Salazar de Pablo G et al. Universal and selective interventions to prevent poor mental health outcomes in young people: systematic review and meta-analysis. Harvard Review of Psychiatry 2021;29 (3) 196-215.

Currie JM et al. Prescribing of opioid analgesics and buprenorphine for opioid use disorder during the covid-19 pandemic. JAMA Netw Open 2021;4(4):e216147.

Marson A, Burnside G, Appleton R, et al.; SANAD II collaborators. The SANAD II study of the effectiveness and cost-effectiveness of valproate versus levetiracetam for newly diagnosed generalised and unclassifiable epilepsy: an open-label, non-inferiority, multicentre, phase 4, randomised controlled trial. Lancet 2021;397(10282):1375-1386.

Una finestra sull’open access

  • BMC Family Practice
  • BMC Medical Education
  • BMC Nursing
  • BMJ Open
  • PLOS Medicine

Reset della password

Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.