BAL Lazio

Notizie

Protesi d’anca: attenzione alle diseguaglianze

Pubblicato giovedì 5 Maggio 2016

Valutazioni cliniche, ma anche età, condizione socioeconomica, località, e giorno del ricovero tra gli elementi che condizionano il tipo di intervento, secondo uno studio del BMJ.

Nelle persone anziane la fissazione interna per fratture scomposte intracapsulari dell’anca è stata soppiantata dall’emiartroplastica (EA), in quanto associata con tassi inferiori di re-interventi chirurgici ed esiti generali migliori. Più recentemente si è registrata una tendenza a favore degli interventi di artroplastica totale dell’anca (ATA) perché favorirebbero una migliore ripresa della mobilità funzionale e, quindi, dell’indipendenza.

Uno studio pubblicato sul BMJ ha analizzato i dati del registro National Hip Fracture  del Regno Unito per valutare l’adesione alle linee guida del NICE e individuare i fattori che determinano diseguaglianze nell’accesso ad interventi di ATA. L’ampio studio osservazionale ha coinvolto 11.119 persone adulte di età superiore ai 60 anni con fratture scomposte intracapsulari del collo del femore.

Cosa raccomandano le linee guida NICE per questo tipo di pazienti? Le persone con una buona funzionalità fisica e cognitiva dovrebbero essere sottoposte a ATA.

Cosa succede nella pratica clinica? L’intervento di ATA è stato eseguito solo nel 32% dei soggetti che soddisfacevano i requisiti. C’è di più: il 42% dei soggetti sottoposti all’intervento non soddisfaceva tali requisiti.

Chi aveva più probabilità di essere sottoposto a interventi di ATA? I soggetti più giovani, con poche morbilità e una migliore mobilità prima della frattura… e fin qui tutto bene. Ma il tipo di trattamento variava anche a seconda della località, della condizione socioeconomica e del giorno della settimana in cui avveniva il ricovero: un dato “sconcertante”, non può fare a meno di osservare Harman Chaudry (McMaster University) nell’editoriale di commento. Ed è proprio per questo che abbiamo bisogno di evidenze robuste per guidare le decisioni. In loro assenza “distorsioni, sia a livello personale, sia a livello di sistema, hanno maggiore probabilità di alterare le decisioni cliniche in modo iniquo e alla fine pericoloso per le pazienti e per i pazienti”. Le ATA comportano rischi superiori, come maggiori perdite di sangue durante l’operazione, tempi di intervento più lunghi, più complicazioni post-intervento. Sono, questi, elementi importanti da tenere in considerazione in pazienti fragili con comorbiditità multiple.

Come evitare che si creino tali disparità di trattamento, non motivate da valutazioni cliniche? Oltre che da una base di prove più robuste, come suggerito dall’articolo, è utile la presenza di un registro, come quello utilizzato per lo studio del BMJ e come quello italiano, il Registro Italiano Artroprotesi (RIAP), al quale la Regione Lazio sta lavorando in collaborazione con il Dipartimento di Epidemiologia del Servizio Sanitario Regionale (DEP) e dell’ex Agenzia di Sanità Pubblica del Lazio (ASP) in qualità di Unità Operativa. Indispensabile, infine, l’attività di monitoraggio, come quella del Programma Regionale di Valutazione degli Esiti degli interventi sanitari (P.Re.Val.E): una indagine pubblicata nel 2013 sull’Internationa Journal of Quality in Health Care evidenziò per esempio che una sistematica valutazione degli esiti poteva aver contribuito a diminuire la mortalità a 30 giorni nelle persone che avevano subito in intervento chirurgico a seguito della frattura dell’anca. Un controllo che si è rivelato utile anche a diminuire le disparità di trattamento: era infatti emerso che le persone socialmente ed economicamente più svantaggiate avevano minori probabilità di essere operate entro 48 ore: situazione migliorata nel periodo sottoposto a controllo nell’ambito dell’iniziativa P.Re.Val.E. della Regione Lazio.

Criticità e strategie di intervento simili, dunque, al di qua e al di là della Manica.

Fonti:
Chaudhry H. Total hip arthroplasty after hip fracture. BMJ 2016;353:i2217
PerryDC et al. Inequalities in use of total hip arthroplasty for hip fracture: population based study. BMJ 2016;353:i2021
Colais P, Agabiti N, Fusco D, Pinnarelli L, Sorge C, Perucci CA, Davoli M. Inequality in 30-day mortality and the wait for surgery after hip fracture: the impact of the regional health care evaluation program in Lazio (Italy). Int J Qual Health Care 2013 Jul;25(3):239-47. doi: 10.1093/intqhc/mzs082. Epub 2013 Jan 18.

Tagged , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Accedi agli articoli

Cascino TM, Somanchi S, Colvin M et al. Racial and sex inequities in the use of and outcomes after left ventricular assist device implantation among medicare beneficiaries. JAMA Netw Open 2022;5(7):e2223080.

Ma H et al. Adding salt to foods and hazard of premature mortality. Eur Heart J. 2022 Jul 10:ehac208. doi: 10.1093/eurheartj/ehac208. Epub ahead of print. PMID: 35808995.

Clarke PM et al. The comparative mortality of an elite group in the long run of history: an observational analysis of politicians from 11 countries. Eur J Epidemiol 2022:23:1-9.

Wang P et al. Associations between long-term drought and diarrhea among children under five in low- and middle-income countries. Nat Commun 2022;13(1):3661.

McDonagh MS et al. Cannabis-based products for chronic pain : a systematic review. Ann Intern Med. 2022 Jun 7. doi: 10.7326/M21-4520. Epub ahead of print. PMID: 35667066.

Global Burden of Disease 2019 Cancer Collaboration et al. Cancer Incidence, Mortality, Years of Life Lost, Years Lived With Disability, and Disability-Adjusted Life Years for 29 Cancer Groups From 2010 to 2019: A Systematic Analysis for the Global Burden of Disease Study 2019. JAMA Oncol 2022;8(3):420-444.

Dehmer SP et al. Aspirin use to prevent cardiovascular disease and colorectal cancer: a decision analysis: technical report [Internet]. Rockville (MD): Agency for Healthcare Research and Quality (US); 2015 Sep. Report No.: 15-05229-EF-1.

Ezekowitz JA et al.; SODIUM-HF Investigators. Reduction of dietary sodium to less than 100 mmol in heart failure (SODIUM-HF): an international, open-label, randomised, controlled trial. Lancet 2022:S0140-6736(22)00369-5.

Fang Z et al. The role of mendelian randomization studies in deciphering the effect of obesity on cancer. JNCI: Journal of the National Cancer Institute 2022; 114 (3); 361-71.

Wong Chung JERE et al. Time to functional recovery after laser tonsillotomy performed under local anesthesia vs conventional tonsillectomy with general anesthesia among adults: a randomized clinical trial. JAMA Netw Open 2022;5(2):e2148655. JAMA Netw Open. 2022;5(2):e2148655.

Sundbøll J. Risk of parkinson disease and secondary parkinsonism in myocardial infarction survivors. Journal of the American Heart Association 2022; doi: 10.1161/JAHA.121.022768

Ferroni E et al. Gender related differences in gastrointestinal bleeding with oral anticoagulation in atrial fibrillation. J Cardiovasc Pharmacol Ther 2022;27:10742484211054609.

Una finestra sull’open access

  • BMC Family Practice
  • BMC Medical Education
  • BMC Nursing
  • BMJ Open
  • PLOS Medicine