BAL Lazio

Notizie

Raccomandazioni per la gestione dolore in fine vita

Pubblicato giovedì 17 Ottobre 2019

Una revisione sistematica pubblicata su Critical Care Medicine ha evidenziato che la maggior parte delle linee guida cliniche e delle consensus sulla gestione del dolore in fine vita nelle unità di terapia intensiva concordano su una serie di raccomandazioni che includono, tra l’altro, l’uso di alte dosi di oppioidi e l’adozione di un metodo quantitativo per valutare il dolore.

I ricercatori hanno selezionato, in seguito ad una ricerca sistematica, dieci linee guida e alcune dichiarazioni di consenso sulle raccomandazioni per la gestione del dolore. La qualità metodologica dei documenti, valutata con la checklist AGREE-II, è risultata nel complesso moderata, con punteggi bassi sia nell’applicabilità (28,6%) che nella metodologia (36,1%) utilizzata per la sintesi delle evidenze e la produzione di raccomandazioni.

Nella revisione sono stati raccolti dati su raccomandazioni che riguardano vari aspetti della gestione del dolore: dosaggio iniziale del farmaco, titolazione, dose massima e via di somministrazione, gestione degli effetti collaterali, il principio del “doppio effetto”, l’uso di bloccanti neuromuscolari e la consulenza nelle cure palliative.

Nella maggior parte dei documenti si raccomandava l’uso di oppioidi per alleviare il dolore e di benzodiazepine per contrastare l’ansia. In due articoli soltanto, si suggeriva anche l’uso di strategie di gestione del dolore non farmacologiche, come l’assistenza spirituale e il supporto familiare. Molti articoli sconsigliavano l’uso di bloccanti neuromuscolari durante la sospensione del supporto vitale, sia perché possono ostacolare potenzialmente una corretta valutazione del dolore, sia perché (almeno secondo una linea guida) l’approccio veniva giudicato “non etico”. Come già accennato, l’uso di alte dosi di oppioidi e sedativi per la gestione del dolore è stato raccomandato nella maggior parte delle pubblicazioni.

Dalla gran parte degli articoli – basati soprattutto su principi etici o opinioni degli esperti – emergeva comunque la necessità di usare uno strumento quantitativo per la valutazione del dolore nei pazienti terminali in terapia intensiva, per esempio un sintomo misurabile o una scala funzionale.

“È necessario sviluppare strategie di miglioramento della qualità e produrre strategie di gestione del dolore basate sull’evidenza, nonché esplorare il metodo più efficace per la valutazione del dolore nei pazienti critici in fine vita e il ruolo di nuovi analgesici e rimedi non farmacologici per la gestione del dolore in questo contesto “, hanno concluso gli autori che, partendo dai risultati della revisione, hanno poi creato un algoritmo di gestione dei pazienti in fine vita in terapia intensiva che attende di essere validato.

Fonte
Durán-Crane A et al. Clinical practice guidelines and consensus statements about pain management in critically ill end-of-life patients: a systematic review. Critical Care Medicine 2019;47(11):1619-1626

Tagged ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Accedi agli articoli

McDonagh MS et al. Cannabis-based products for chronic pain : a systematic review. Ann Intern Med. 2022 Jun 7. doi: 10.7326/M21-4520. Epub ahead of print. PMID: 35667066.

Global Burden of Disease 2019 Cancer Collaboration et al. Cancer Incidence, Mortality, Years of Life Lost, Years Lived With Disability, and Disability-Adjusted Life Years for 29 Cancer Groups From 2010 to 2019: A Systematic Analysis for the Global Burden of Disease Study 2019. JAMA Oncol 2022;8(3):420-444.

Dehmer SP et al. Aspirin use to prevent cardiovascular disease and colorectal cancer: a decision analysis: technical report [Internet]. Rockville (MD): Agency for Healthcare Research and Quality (US); 2015 Sep. Report No.: 15-05229-EF-1.

Ezekowitz JA et al.; SODIUM-HF Investigators. Reduction of dietary sodium to less than 100 mmol in heart failure (SODIUM-HF): an international, open-label, randomised, controlled trial. Lancet 2022:S0140-6736(22)00369-5.

Fang Z et al. The role of mendelian randomization studies in deciphering the effect of obesity on cancer. JNCI: Journal of the National Cancer Institute 2022; 114 (3); 361-71.

Wong Chung JERE et al. Time to functional recovery after laser tonsillotomy performed under local anesthesia vs conventional tonsillectomy with general anesthesia among adults: a randomized clinical trial. JAMA Netw Open 2022;5(2):e2148655. JAMA Netw Open. 2022;5(2):e2148655.

Sundbøll J. Risk of parkinson disease and secondary parkinsonism in myocardial infarction survivors. Journal of the American Heart Association 2022; doi: 10.1161/JAHA.121.022768

Ferroni E et al. Gender related differences in gastrointestinal bleeding with oral anticoagulation in atrial fibrillation. J Cardiovasc Pharmacol Ther 2022;27:10742484211054609.

Lowenstein M et al. Sustained implementation of a multicomponent strategy to increase emergency department-initiated interventions for opioid use disorder. Ann Emerg Med 2021:S0196-0644(21)01380-9.

Okereke OI et al. Effect of long-term supplementation with marine omega-3 fatty acids vs placebo on risk of depression or clinically relevant depressive symptoms and on change in mood scores: a randomized clinical trial. JAMA 2021;326(23):2385-2394.

Gaillard EA et al. European Respiratory Society clinical practice guidelines for the diagnosis of asthma in children aged 5-16 years. Eur Respir J 2021;58(5):2004173.

Una finestra sull’open access

  • BMC Family Practice
  • BMC Medical Education
  • BMC Nursing
  • BMJ Open
  • PLOS Medicine