BAL Lazio

Notizie

Raccomandazioni per la gestione dolore in fine vita

Pubblicato giovedì 17 Ottobre 2019

Una revisione sistematica pubblicata su Critical Care Medicine ha evidenziato che la maggior parte delle linee guida cliniche e delle consensus sulla gestione del dolore in fine vita nelle unità di terapia intensiva concordano su una serie di raccomandazioni che includono, tra l’altro, l’uso di alte dosi di oppioidi e l’adozione di un metodo quantitativo per valutare il dolore.

I ricercatori hanno selezionato, in seguito ad una ricerca sistematica, dieci linee guida e alcune dichiarazioni di consenso sulle raccomandazioni per la gestione del dolore. La qualità metodologica dei documenti, valutata con la checklist AGREE-II, è risultata nel complesso moderata, con punteggi bassi sia nell’applicabilità (28,6%) che nella metodologia (36,1%) utilizzata per la sintesi delle evidenze e la produzione di raccomandazioni.

Nella revisione sono stati raccolti dati su raccomandazioni che riguardano vari aspetti della gestione del dolore: dosaggio iniziale del farmaco, titolazione, dose massima e via di somministrazione, gestione degli effetti collaterali, il principio del “doppio effetto”, l’uso di bloccanti neuromuscolari e la consulenza nelle cure palliative.

Nella maggior parte dei documenti si raccomandava l’uso di oppioidi per alleviare il dolore e di benzodiazepine per contrastare l’ansia. In due articoli soltanto, si suggeriva anche l’uso di strategie di gestione del dolore non farmacologiche, come l’assistenza spirituale e il supporto familiare. Molti articoli sconsigliavano l’uso di bloccanti neuromuscolari durante la sospensione del supporto vitale, sia perché possono ostacolare potenzialmente una corretta valutazione del dolore, sia perché (almeno secondo una linea guida) l’approccio veniva giudicato “non etico”. Come già accennato, l’uso di alte dosi di oppioidi e sedativi per la gestione del dolore è stato raccomandato nella maggior parte delle pubblicazioni.

Dalla gran parte degli articoli – basati soprattutto su principi etici o opinioni degli esperti – emergeva comunque la necessità di usare uno strumento quantitativo per la valutazione del dolore nei pazienti terminali in terapia intensiva, per esempio un sintomo misurabile o una scala funzionale.

“È necessario sviluppare strategie di miglioramento della qualità e produrre strategie di gestione del dolore basate sull’evidenza, nonché esplorare il metodo più efficace per la valutazione del dolore nei pazienti critici in fine vita e il ruolo di nuovi analgesici e rimedi non farmacologici per la gestione del dolore in questo contesto “, hanno concluso gli autori che, partendo dai risultati della revisione, hanno poi creato un algoritmo di gestione dei pazienti in fine vita in terapia intensiva che attende di essere validato.

Fonte
Durán-Crane A et al. Clinical practice guidelines and consensus statements about pain management in critically ill end-of-life patients: a systematic review. Critical Care Medicine 2019;47(11):1619-1626

Archiviato in ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Accedi agli articoli

US Preventive Services Task Force et al. Screening for hepatitis C virus infection in adolescents and adults: US Preventive Services Task Force Recommendation Statement. JAMA 2020 Mar 2. doi: 10.1001/jama.2020.

Sterling TR et al. Guidelines for the Treatment of latent tuberculosis infection: recommendations from the National Tuberculosis Controllers Association and CDC, 2020. MMWR Recomm Rep 2020;69(1):1-11.1123. [Epub ahead of print]

Wakeman SE et al. Comparative effectiveness of different treatment pathways for opioid use disorder. JAMA Netw Open 2020;3(2):e1920622.

Litonjua AA et al. Six-year follow-up of a trial of antenatal vitamin d for asthma reduction. N Engl J Med 2020;382(6):525-533.

Corder K et al. Becoming a parent: A systematic review and meta-analysis of changes in BMI, diet, and physical activity. Obes Rev 2020 Jan 19. doi: 10.1111/obr.12959. [Epub ahead of print]

Winpenny EM et al. Changes in physical activity, diet, and body weight across the education and employment transitions of early adulthood: A systematic review and meta-analysis. Obes Rev 2020 Jan 19. doi: 10.1111/obr.12962. [Epub ahead of print]

Fralick M et al. Assessing the risk for gout with sodium-glucose cotransporter-2 inhibitors in patients with type 2 diabetes: a population-based cohort study. Ann Intern Med 2020 Jan 14. doi: 10.7326/M19-2610. [Epub ahead of print]

Una finestra sull’open access

  • BMC Family Practice
  • BMC Medical Education
  • BMC Nursing
  • BMJ Open
  • PLOS Medicine

Reset della password

Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.