BAL Lazio

Notizie

Screening per i tumori: una questione di intensità, valore, costi e rischi

Pubblicato mercoledì 27 Maggio 2015

L’American College of Physicians (ACP) ha pubblicato una serie di articoli sulle strategie per lo screening dei tumori della mammella, della prostata, della cervice uterina, del colon-retto e delle ovaie, focalizzandosi sul concetto di “intensità” dello screening e invitando i clinici e i decisori a utilizzare la lente del “valore” dello screening.

In generale, l’ACP definisce “strategie di screening ad alta intensità” quelle che valutano popolazioni più ampie, con maggior frequenza o con test più sensibili, mentre le le strategie di screening “d’alto valore” sono quelle che “forniscono un livello di benefici che giustifica chiaramente i rischi e i costi collegati”. Per potersi definire di “alto valore”, una strategia deve anche portare a esiti migliori, come per esempio ridurre le morti per cancro. Per alcuni pazienti, una diagnosi precoce non significa necessariamente vivere di più o evitare la morte per cancro.

Le strategie di “basso valore” sono quelle che comportano benefici sproporzionatamente esigui in relazione ai rischi e ai costi. Uno screening di basso valore può essere il risultato sia di strategie con un’intensità troppo bassa, sia di strategie con un’intensità troppo elevata.

Come individuare la giusta “intensità” di screening? “Bisogna trovare un livello medio di intensità che equilibri al meglio i benefici, da una parte, i rischi e i costi dall’altra.”

La task force per la “high value care” propone un cambio di prospettiva: “anziché partire dal presupposto che ogni screening sia espressione di un’assistenza di elevato valore, i clinici dovrebbero avviare una discussione con la consapevolezza che ci sono sempre compromessi tra benefici, rischi e costi, e che alcuni pazienti potrebbero ragionevolmente decidere uno screening meno intenso”.

Da sottolineare che “valore” e “costo” non sono la stessa cosa: nella sintesi per i pazienti si evidenzia che “una strategia con un alto costo può essere di alto valore perché fornisce grandi benefici e comporta pochi rischi. Alcune strategie a basso costo sono di valore inferiore perché non forniscono benefici sufficienti e possono perfino essere dannose”.

Sempre sugli Annals of Internal Medicine sono stati pubblicati altri due articoli, con gli stessi argomenti, riformulati per i pazienti: una loro lettura potrebbe essere utile per una esposizione il più semplice possibile di una materia molto complessa e un aiuto per medico e paziente a valutare quale sia la giusta intensità, caso per caso.

Rimandiamo al testo completo degli articoli, tutti open, per le indicazioni specifiche relative agli screening per i tumori della mammella, della prostata, della cervice uterina, del colon-retto e delle ovaie, tutte pensate per persone con un rischio nella media (senza familiarità o precedenti risultati di test di screening fuori dalla norma) e senza sintomi.

Fonti:
Harris RP, Wilt TJ, Qaseem A, High Value Care Task Force of the American College of Physicians. A Value Framework for Cancer Screening: Advice for High-Value Care From the American College of Physicians. Ann Intern Med 2015;162(10):712-717. doi:10.7326/M14-2327
Wilt TJ, Harris RP, Qaseem A, High Value Care Task Force of the American College of Physicians. Screening for Cancer: Advice for High-Value Care From the American College of Physicians. Ann Intern Med 2015;162(10):718-725. doi:10.7326/M14-2326

Sintesi per i pazienti:
A Value Framework for Cancer Screening. Ann Intern Med 2015;162(10):I-14. doi:10.7326/P15-9023
Screening for Cancer. Ann Intern Med 2015;162(10):I-25-I-26. doi:10.7326/P15-9020

Tagged ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Accedi agli articoli

Ferroni E et al. Gender related differences in gastrointestinal bleeding with oral anticoagulation in atrial fibrillation. J Cardiovasc Pharmacol Ther 2022;27:10742484211054609.

Lowenstein M et al. Sustained implementation of a multicomponent strategy to increase emergency department-initiated interventions for opioid use disorder. Ann Emerg Med 2021:S0196-0644(21)01380-9.

Okereke OI et al. Effect of long-term supplementation with marine omega-3 fatty acids vs placebo on risk of depression or clinically relevant depressive symptoms and on change in mood scores: a randomized clinical trial. JAMA 2021;326(23):2385-2394.

Gaillard EA et al. European Respiratory Society clinical practice guidelines for the diagnosis of asthma in children aged 5-16 years. Eur Respir J 2021;58(5):2004173.

Slomski A. Thousands of US youths cope with the trauma of losing parents to COVID-19. JAMA. Published online November 17, 2021.

Hillis SD, Blenkinsop A, Villaveces A, et al. COVID-19-associated orphanhood and caregiver death in the United States. Pediatrics. 2021 Oct 7:e2021053760.

Hillis S, Unwin J, Cluver L, et al. Children: the hidden pandemic 2021: a joint report of COVID-19-associated orphanhood and a strategy for action. Lancet 2021; 398:391-402.

Fu M, Naci H, Booth CM, et al. Real-world use of and spending on new oral targeted cancer drugs in the US, 2011-2018. JAMA Intern Med 2021 Oct 18; doi:10.1001/jamainternmed.2021.5983

Addis A, Amato L, Cruciani F, et al. The Standard of Care definitions on COVID-19 pharmacological clinical trials: A systematic review. Frontiers in Pharmacology 2021;2712.

Grummitt LR et al. Association of childhood adversity with morbidity and mortality in US adults: a systematic Review. JAMA Pediatr. Published online October 04, 2021.

Una finestra sull’open access

  • BMC Family Practice
  • BMC Medical Education
  • BMC Nursing
  • BMJ Open
  • PLOS Medicine