BAL Lazio

Notizie

Screening per il cancro al seno nelle ultrasettantacinquenni: ne vale la pena?

Pubblicato venerdì 6 Marzo 2020

Secondo una ricerca pubblicata su Annals of Internal Medicine le donne sane di età superiore ai 75 anni potrebbero non trarre beneficio dal proseguimento dello screening per il cancro al seno. I ricercatori hanno utilizzato i dati del programma Medicare per stimare il rischio di mortalità per carcinoma mammario secondo due strategie: continuare o interrompere lo screening nelle donne anziane. Hanno trovato un piccolo beneficio in termini di mortalità per aver continuato a sottoporre a screening le donne tra i 70 ei 74 anni, ma non quelle tra i 75 e gli 84 anni.

Una delle domande più importanti in tema di screening oncologici è proprio l’età in cui dovrebbero essere sospesi. Spesso esiste un momento, superato il quale i potenziali danni associati allo screening in sé superano i benefici perché questi ultimi si riferiscono a un futuro troppo lontano.

Lo studio riflette una tendenza verso l’uso di studi osservazionali e modelli di popolazione per affrontare i temi relativi agli screening. Gli studi clinici prospettici, randomizzati e controllati rimangono il gold standard per prendere decisioni sullo screening, ma sono costosi, richiedono molto tempo per essere completati e a volte non sono semplicemente possibili. In questo contesto, le serie di casi e i progetti osservativi possono rivelarsi compromessi necessari: forniscono una risposta molto più velocemente e il costo è considerevolmente più basso. Gli studi osservazionali e la modellizzazione sono particolarmente utili nello screening del carcinoma mammario, visto che gli studi prospettici randomizzati sulla mammografia non sono fattibili e forse non sono neppure più etici nelle donne anziane per cui esistono pochi dati, perché la mammografia è ampiamente accettata.

Lo studio
I ricercatori della Harvard TH Chan School of Public Health, del Massachusetts General Hospital e dell’RTI Health Solutions ha, attraverso un follow-up durato 8 anni, hanno confrontato i decessi per carcinoma mammario tra le donne che hanno continuato a ricevere mammografie annuali e quelle che hanno interrotto lo screening. Nella valutazione è stato incluso oltre un milione di donne di età compresa tra i 70 e gli 84 anni che erano state sottoposte a una mammografia, avevano un’aspettativa di vita di almeno 10 anni e nessuna precedente diagnosi di cancro. Dai risultati emerge che lo screening continuo del carcinoma mammario ridurrebbe la mortalità a 8 anni di 1 decesso (IC 95% -2,3-0,1) ogni 1000 donne (HR 0,78 [IC o,63-0,75]. Al contrario, continuare a sottoporre a screening le donne di età pari o superiore a 75 anni non sembra avere alcuna influenza sulla mortalità: la differenza di rischio era 0,07 (IC 0,93-1,3) ogni mille donne (HR 1,00, IC 0,83-1,19). Indipendentemente dall’età, le donne avevano comunque meno probabilità di ricevere terapie aggressive (mastectomia radicale, chemioterapia) per il carcinoma mammario se continuavano lo screening.

I limiti dello studio
Otis Brawley della Johns Hopkins University in un editoriale sottolinea che il principale svantaggio dello studio è che i dati sono stati raccolti tra il 1999 e il 2008, prima dell’introduzione della mammografia digitale, che oggi è sostanzialmente lo standard. Nota poi che le stime attuali dei benefici dello screening nella fascia delle ultrasettantenni riflettono anche i trattamenti per carcinoma mammario utilizzati oggi in quella popolazione più di quanto non facciano rispetto ai limiti intrinseci della mammografia.

Fonte
García-Albéniz X et al. Continuation of annual screening mammography and breast cancer mortality in women older than 70 years. Ann Intern Med. 2020 Feb 25. doi: 10.7326/M18-1199. [Epub ahead of print]

Tagged ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Accedi agli articoli

Cascino TM, Somanchi S, Colvin M et al. Racial and sex inequities in the use of and outcomes after left ventricular assist device implantation among medicare beneficiaries. JAMA Netw Open 2022;5(7):e2223080.

Ma H et al. Adding salt to foods and hazard of premature mortality. Eur Heart J. 2022 Jul 10:ehac208. doi: 10.1093/eurheartj/ehac208. Epub ahead of print. PMID: 35808995.

Clarke PM et al. The comparative mortality of an elite group in the long run of history: an observational analysis of politicians from 11 countries. Eur J Epidemiol 2022:23:1-9.

Wang P et al. Associations between long-term drought and diarrhea among children under five in low- and middle-income countries. Nat Commun 2022;13(1):3661.

McDonagh MS et al. Cannabis-based products for chronic pain : a systematic review. Ann Intern Med. 2022 Jun 7. doi: 10.7326/M21-4520. Epub ahead of print. PMID: 35667066.

Global Burden of Disease 2019 Cancer Collaboration et al. Cancer Incidence, Mortality, Years of Life Lost, Years Lived With Disability, and Disability-Adjusted Life Years for 29 Cancer Groups From 2010 to 2019: A Systematic Analysis for the Global Burden of Disease Study 2019. JAMA Oncol 2022;8(3):420-444.

Dehmer SP et al. Aspirin use to prevent cardiovascular disease and colorectal cancer: a decision analysis: technical report [Internet]. Rockville (MD): Agency for Healthcare Research and Quality (US); 2015 Sep. Report No.: 15-05229-EF-1.

Ezekowitz JA et al.; SODIUM-HF Investigators. Reduction of dietary sodium to less than 100 mmol in heart failure (SODIUM-HF): an international, open-label, randomised, controlled trial. Lancet 2022:S0140-6736(22)00369-5.

Fang Z et al. The role of mendelian randomization studies in deciphering the effect of obesity on cancer. JNCI: Journal of the National Cancer Institute 2022; 114 (3); 361-71.

Wong Chung JERE et al. Time to functional recovery after laser tonsillotomy performed under local anesthesia vs conventional tonsillectomy with general anesthesia among adults: a randomized clinical trial. JAMA Netw Open 2022;5(2):e2148655. JAMA Netw Open. 2022;5(2):e2148655.

Sundbøll J. Risk of parkinson disease and secondary parkinsonism in myocardial infarction survivors. Journal of the American Heart Association 2022; doi: 10.1161/JAHA.121.022768

Ferroni E et al. Gender related differences in gastrointestinal bleeding with oral anticoagulation in atrial fibrillation. J Cardiovasc Pharmacol Ther 2022;27:10742484211054609.

Una finestra sull’open access

  • BMC Family Practice
  • BMC Medical Education
  • BMC Nursing
  • BMJ Open
  • PLOS Medicine