Home / Notizie / Sostituzione transcatetere della valvola…

Sostituzione transcatetere della valvola aortica in pazienti a basso rischio: risultati a 5 anni

Per i pazienti con stenosi aortica grave e sintomatica a basso rischio chirurgico, i risultati a cinque anni sono simili con la sostituzione transcatetere della valvola aortica (TAVR) rispetto alla sostituzione chirurgica, questo in base a uno studio pubblicato sul New England Journal of Medicine.

I ricercatori hanno assegnato in modo casuale pazienti con stenosi aortica grave e sintomatica e basso rischio chirurgico a sottoporsi a TAVR o intervento chirurgico (503 e 497, rispettivamente). I risultati sono stati valutati nel corso di cinque anni.

È emerso che una componente del primo endpoint primario (composito di morte, ictus o riospedalizzazione correlata alla valvola, alla procedura o all’insufficienza cardiaca) si è verificata rispettivamente nel 22,8 e nel 27,2% dei pazienti nei gruppi TAVR e chirurgico (differenza, -4,3 punti percentuali). Per il secondo endpoint primario (un composito gerarchico che includeva morte, ictus invalidante, ictus non invalidante e il numero di giorni di riospedalizzazione), il win ratio era 1,17 (IC 95%, 0.90-1.51; p=0,25). Per i componenti del primo endpoint primario, le stime di Kaplan-Meier erano del 10,0 e dell’8,2% rispettivamente nei gruppi TAVR e intervento chirurgico per la morte; 5,8 e 6,4% per l’ictus; e 13,7 e 17,4% per la riospedalizzazione.

“I nostri risultati supportano l’offerta di TAVR di routine, anche a pazienti per i quali la chirurgia a cuore aperto non rappresenterebbe un rischio elevato”, sintetizzano gli autori.

Fonte
Mack MJ et al. PARTNER 3 Investigators. transcatheter aortic-valve replacement in low-risk patients at five years. N Engl J Med 2023 23;389(21):1949-1960.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *