BAL Lazio

Notizie

Statine: dalla genetica un aiuto per trattamenti più mirati?

Pubblicato venerdì 27 Marzo 2015

Un rischio genetico rilevato sulla base di 27 polimorfismi a singolo nucleotide (SNPs) non solo è in grado di identificare le persone a rischio di un primo evento coronarico e di un secondo evento, ma identifica anche le persone che, se trattate con statine, traggono maggiore beneficio: sono le conclusioni di una analisi pubblicata sul Lancet da Jessica Mega (Harvard Medical School, Boston) e collaboratori.

Lo studio. L’analisi ha incluso partecipanti provenienti da uno studio di coorte (Malmo Diet and Cancer Study) e da 4 trial randomizzati controllati, su popolazioni in prevenzione primaria (ASCOT e JUPITER) e secondaria (CARE e PROVE-IT TIMI 22). Lo studio ha preso in considerazione dati relativi a 48.421 individui, con 3477 eventi. È stato assegnato un punteggio di rischio genetico sulla base di 27 varianti genetiche ad ogni individuo e studiata l’associazione con un primo o un secondo evento coronarico, aggiustando per i fattori di rischio tradizionali. Sono state poi analizzate le riduzioni di rischio relativo e assoluto con la terapia a base di statine, stratificando per punteggio di rischio genetico. I dati provenienti dai diversi studi sono stati poi valutati con una metanalisi. Le statine utilizzate: rosuvastatina, atorvastatina e pravastatina.

I principali risultati dello studio: I pazienti con un alto punteggio di rischio genetico trattati con statine hanno avuto, rispetto al gruppo trattato con placebo, una riduzione del rischio relativo del 47% (nel gruppo di pazienti con una precedente sindrome coronarica acuta) e del 50% (in prevenzione primaria).

Nelle persone con un basso punteggio di rischio genetico, le statine, in confronto con placebo, riducevano il rischio relativo solo del 3% nelle persone con un precedente evento cardiovascolare e del 34% in prevenzione primaria.

I commenti degli autori: Nathan Stitziel (Washington University, USA) ha detto al Guardian: “c’è bisogno di ulteriori ricerche per confermare tali risultati. Possiamo tuttavia dire che le persone con un alto punteggio di rischio genetico sembrano trarre benefici maggiori dalla terapia con statine perché hanno un maggiore rischio iniziale”. Come ha spiegato Jessica Mega in un’intervista pubblicata da Medscape: “La domanda che ci dovremo porre in futuro, quando conosceremo meglio i genomi , sarà: cosa fare di questa informazione? Non stiamo dicendo che si debba necessariamente testare tutti per queste 27 varianti. Ma, nel momento in cui tali varianti sono conosciute, l’informazione è utile per stratificare la terapia e per sapere chi può trarne il beneficio maggiore. Tali informazioni sono più importanti nella prevenzione primaria. Nella prevenzione secondaria, dopo un attacco di cuore, il consenso ufficiale è che tali pazienti dovrebbero assumere statine”.

 Fonti:
Schunkertemail H, Samani NJ. Statin treatment: can genetics sharpen the focus? Lancet 2015 Mar 3. pii: S0140-6736(14)61931-0. doi: 10.1016/S0140-6736(14)61931-0. [Epub ahead of print] Mega JL, Stitzel NO, Smith JG, et al. Genetic risk, coronary heart disease events, and the clinical benefit of statin therapy: an analysis of primary and secondary prevention trials. Lancet, Mar 3. pii: S0140-6736(14)61730-X. doi: 10.1016/S0140-6736(14)61730-X. [Epub ahead of print]

Michael O’Riordan. Genetic Risk Score Identifies Patients Who Benefit Most From Statin Therapy. Heartwire from Medscape, March 11, 2015

Tagged , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Accedi agli articoli

Dehmer SP et al. Aspirin use to prevent cardiovascular disease and colorectal cancer: a decision analysis: technical report [Internet]. Rockville (MD): Agency for Healthcare Research and Quality (US); 2015 Sep. Report No.: 15-05229-EF-1.

Ezekowitz JA et al.; SODIUM-HF Investigators. Reduction of dietary sodium to less than 100 mmol in heart failure (SODIUM-HF): an international, open-label, randomised, controlled trial. Lancet 2022:S0140-6736(22)00369-5.

Fang Z et al. The role of mendelian randomization studies in deciphering the effect of obesity on cancer. JNCI: Journal of the National Cancer Institute 2022; 114 (3); 361-71.

Wong Chung JERE et al. Time to functional recovery after laser tonsillotomy performed under local anesthesia vs conventional tonsillectomy with general anesthesia among adults: a randomized clinical trial. JAMA Netw Open 2022;5(2):e2148655. JAMA Netw Open. 2022;5(2):e2148655.

Sundbøll J. Risk of parkinson disease and secondary parkinsonism in myocardial infarction survivors. Journal of the American Heart Association 2022; doi: 10.1161/JAHA.121.022768

Ferroni E et al. Gender related differences in gastrointestinal bleeding with oral anticoagulation in atrial fibrillation. J Cardiovasc Pharmacol Ther 2022;27:10742484211054609.

Lowenstein M et al. Sustained implementation of a multicomponent strategy to increase emergency department-initiated interventions for opioid use disorder. Ann Emerg Med 2021:S0196-0644(21)01380-9.

Okereke OI et al. Effect of long-term supplementation with marine omega-3 fatty acids vs placebo on risk of depression or clinically relevant depressive symptoms and on change in mood scores: a randomized clinical trial. JAMA 2021;326(23):2385-2394.

Gaillard EA et al. European Respiratory Society clinical practice guidelines for the diagnosis of asthma in children aged 5-16 years. Eur Respir J 2021;58(5):2004173.

Slomski A. Thousands of US youths cope with the trauma of losing parents to COVID-19. JAMA. Published online November 17, 2021.

Hillis SD, Blenkinsop A, Villaveces A, et al. COVID-19-associated orphanhood and caregiver death in the United States. Pediatrics. 2021 Oct 7:e2021053760.

Una finestra sull’open access

  • BMC Family Practice
  • BMC Medical Education
  • BMC Nursing
  • BMJ Open
  • PLOS Medicine