BAL Lazio

Notizie

Statine: dalla genetica un aiuto per trattamenti più mirati?

Pubblicato venerdì 27 Marzo 2015

Un rischio genetico rilevato sulla base di 27 polimorfismi a singolo nucleotide (SNPs) non solo è in grado di identificare le persone a rischio di un primo evento coronarico e di un secondo evento, ma identifica anche le persone che, se trattate con statine, traggono maggiore beneficio: sono le conclusioni di una analisi pubblicata sul Lancet da Jessica Mega (Harvard Medical School, Boston) e collaboratori.

Lo studio. L’analisi ha incluso partecipanti provenienti da uno studio di coorte (Malmo Diet and Cancer Study) e da 4 trial randomizzati controllati, su popolazioni in prevenzione primaria (ASCOT e JUPITER) e secondaria (CARE e PROVE-IT TIMI 22). Lo studio ha preso in considerazione dati relativi a 48.421 individui, con 3477 eventi. È stato assegnato un punteggio di rischio genetico sulla base di 27 varianti genetiche ad ogni individuo e studiata l’associazione con un primo o un secondo evento coronarico, aggiustando per i fattori di rischio tradizionali. Sono state poi analizzate le riduzioni di rischio relativo e assoluto con la terapia a base di statine, stratificando per punteggio di rischio genetico. I dati provenienti dai diversi studi sono stati poi valutati con una metanalisi. Le statine utilizzate: rosuvastatina, atorvastatina e pravastatina.

I principali risultati dello studio: I pazienti con un alto punteggio di rischio genetico trattati con statine hanno avuto, rispetto al gruppo trattato con placebo, una riduzione del rischio relativo del 47% (nel gruppo di pazienti con una precedente sindrome coronarica acuta) e del 50% (in prevenzione primaria).

Nelle persone con un basso punteggio di rischio genetico, le statine, in confronto con placebo, riducevano il rischio relativo solo del 3% nelle persone con un precedente evento cardiovascolare e del 34% in prevenzione primaria.

I commenti degli autori: Nathan Stitziel (Washington University, USA) ha detto al Guardian: “c’è bisogno di ulteriori ricerche per confermare tali risultati. Possiamo tuttavia dire che le persone con un alto punteggio di rischio genetico sembrano trarre benefici maggiori dalla terapia con statine perché hanno un maggiore rischio iniziale”. Come ha spiegato Jessica Mega in un’intervista pubblicata da Medscape: “La domanda che ci dovremo porre in futuro, quando conosceremo meglio i genomi , sarà: cosa fare di questa informazione? Non stiamo dicendo che si debba necessariamente testare tutti per queste 27 varianti. Ma, nel momento in cui tali varianti sono conosciute, l’informazione è utile per stratificare la terapia e per sapere chi può trarne il beneficio maggiore. Tali informazioni sono più importanti nella prevenzione primaria. Nella prevenzione secondaria, dopo un attacco di cuore, il consenso ufficiale è che tali pazienti dovrebbero assumere statine”.

 Fonti:
Schunkertemail H, Samani NJ. Statin treatment: can genetics sharpen the focus? Lancet 2015 Mar 3. pii: S0140-6736(14)61931-0. doi: 10.1016/S0140-6736(14)61931-0. [Epub ahead of print] Mega JL, Stitzel NO, Smith JG, et al. Genetic risk, coronary heart disease events, and the clinical benefit of statin therapy: an analysis of primary and secondary prevention trials. Lancet, Mar 3. pii: S0140-6736(14)61730-X. doi: 10.1016/S0140-6736(14)61730-X. [Epub ahead of print]

Michael O’Riordan. Genetic Risk Score Identifies Patients Who Benefit Most From Statin Therapy. Heartwire from Medscape, March 11, 2015

Archiviato in , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Accedi agli articoli

Zichi C et al. Adoption of multiple primary endpoints in phase III trials of systemic treatments in patients with advanced solid tumours. A systematic review. Eur j Canc 2021;149:49-60.

Seidler AN et al.; on behalf of the International Liaison Committee On Resuscitation Neonatal Life Support Task Force. Umbilical cord management for newborns <34 weeks' gestation: a meta-analysis. Pediatrics 2021; 147 (3) e20200576.

Gabrhelík R et al. Cannabis use during pregnancy and risk of adverse birth outcomes: a longitudinal cohort study. Eur Addict Res 2020. doi: 10.1159/000510821e

Ouldali N et al. Association of intravenous immunoglobulins plus methylprednisolone vs immunoglobulins alone with course of fever in multisystem inflammatory syndrome in children. JAMA. February 1, 2021. Epub ahead of print. doi:10.1001/jama.2021.0694

Freedman RA et al. Individualizing surveillance mammography for older patients after treatment for early-stage breast cancer: multidisciplinary expert panel and International Society of Geriatric Oncology Consensus Statement. JAMA Oncol. Published online January 28, 2021. doi:10.1001/jamaoncol.2020.7582

Fontanella CA et al. Association of cannabis use with self-harm and mortality risk among youths with mood disorders. JAMA Pediatr. Published online January 19, 2021. doi:10.1001/jamapediatrics.2020.5494

Goldenberg JZ et al. Efficacy and safety of low and very low carbohydrate diets for type 2 diabetes remission: systematic review and meta-analysis of published and unpublished randomized trial data. BMJ 2021;372:m4743

Huang J, Yang F, Chien W, et al. Risk of substance use disorder and its associations with comorbidities and psychotropic agents in patients with autism. JAMA Pediatr. Published online January 04, 2021.

Ezekowitz JA et al. Is there a sex gap in surviving an acute coronary syndrome or subsequent development of heart failure? Circulation, 30 november 2020.

Una finestra sull’open access

  • BMC Family Practice
  • BMC Medical Education
  • BMC Nursing
  • BMJ Open
  • PLOS Medicine

Reset della password

Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.