BAL Lazio

Notizie

Statine e colesterolo: il successo non è assicurato

Pubblicato giovedì 2 Maggio 2019

Da uno studio appena pubblicato sulla rivista Heart emerge che più della metà dei pazienti che inizia la terapia con statine non raggiunge una riduzione ottimale del colesterolo entro 2 anni.

Per valutare la risposta del colesterolo lipoproteico a bassa densità (LDL-C) dopo l’inizio del trattamento con le statine e il futuro rischio di malattie cardiovascolari, è stato condotto uno studio di coorte prospettico selezionando 165.411 pazienti dai sistemi informativi dell’assistenza primaria britannica non ancora trattati per malattie cardiache o ictus all’inizio della terapia con le statine. A tutti i soggetti era stato misurato il tasso di colesterolo almeno una volta nell’anno precedente e almeno una volta entro 2 anni dall’inizio delle statine. I dati diagnostici e prescrittivi sono stati collegati agli episodi di trattamento ospedaliero (dati HES) e alle statistiche sulle cause di decesso (dati ONS).

Nel Regno Unito, le attuali linee guida nazionali (NICE) classificano come risposta “subottimale” ogni riduzione del basale LDL-C inferiore al 40% dopo due anni di trattamento con statine. Dei 165.411 pazienti, poco più della metà (51,2%) ha avuto quel tipo di risposta subottimale.

Nel complesso, nel periodo di monitoraggio medio di 6 anni, ci sono stati 22.798 eventi cardiovascolari, 12.142 dei quali in quelli che non hanno raggiunto un livello di colesterolo ottimale e 10.656 in quelli in cui il LDL-C è diminuito del 40% o più.

Dopo aver aggiustato i risultati per fattori potenzialmente rilevanti come l’età, è stato calcolato che i pazienti che non hanno raggiunto una riduzione del 40% dopo 2 anni avevano un rischio aumentato del 22% (HR 1,22, IC 95% 1,19-1,25) di sviluppare una malattia cardiovascolare rispetto ai “responder ottimali”.

In effetti, come rilevano i ricercatori, sia la variabilità biologica e genetica individuale sia il grado di aderenza possono spiegare alcune delle variazioni osservate nella risposta dell’LDL-C alla terapia con statine. Tuttavia, a oggi, non esiste una strategia di gestione nella pratica clinica che tenga conto delle variazioni nella risposta LDL-C, e non ci sono linee guida per lo screening predittivo prima dell’inizio della terapia con statine.

I risultati dello studio britannico confermano sostanzialmente quelli degli studi precedenti e sottolineano la necessità di una medicina personalizzata per combattere il colesterolo alto riducendo i rischi significativamente aumentati di cardiopatie e ictus, tra le principali cause di morte in tutto il mondo.

Fonte
Akyea RK et al. Sub-optimal cholesterol response to initiation of statins and future risk of cardiovascular disease. Heart Published Online First: 15 April 2019. doi: 10.1136/heartjnl-2018-314253

Tagged ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Accedi agli articoli

Garutti M et al. Checkpoint inhibitors, fertility, pregnancy, and sexual life: a systematic review. ESMO Open 2021;6(5):100276.

Hauptman M et al. Individual- and community-level factors associated with detectable and elevated blood lead levels in US children: results from a national clinical laboratory. JAMA Pediatr. Published online September 27, 2021. doi:10.1001/jamapediatrics.2021.3518

Marcus GM et al. Acute consumption of alcohol and discrete atrial fibrillation events. Ann Intern Med 2021 Aug 31. doi: 10.7326/M21-0228. Epub ahead of print. PMID: 34461028.

Fakir AMS et al. Pandemic catch-22: the role of mobility restrictions and institutional inequalities in halting the spread of COVID-19. PLOS ONE 2021; 16(6): e0253348.

Alemany S, Avella-García C, Liew Z, et al. Prenatal and postnatal exposure to acetaminophen in relation to autism spectrum and attention-deficit and hyperactivity symptoms in childhood: Meta-analysis in six European population-based cohorts. Eur J Epidemiol (2021). https://doi.org/10.1007/s10654-021-00754-4

Salazar de Pablo G et al. Universal and selective interventions to prevent poor mental health outcomes in young people: systematic review and meta-analysis. Harvard Review of Psychiatry 2021;29 (3) 196-215.

Currie JM et al. Prescribing of opioid analgesics and buprenorphine for opioid use disorder during the covid-19 pandemic. JAMA Netw Open 2021;4(4):e216147.

Marson A, Burnside G, Appleton R, et al.; SANAD II collaborators. The SANAD II study of the effectiveness and cost-effectiveness of valproate versus levetiracetam for newly diagnosed generalised and unclassifiable epilepsy: an open-label, non-inferiority, multicentre, phase 4, randomised controlled trial. Lancet 2021;397(10282):1375-1386.

Marson A, Burnside G, Appleton R, et al.; SANAD II collaborators. The SANAD II study of the effectiveness and cost-effectiveness of levetiracetam, zonisamide, or lamotrigine for newly diagnosed focal epilepsy: an open-label, non-inferiority, multicentre, phase 4, randomised controlled trial. Lancet 2021;397(10282):1363-1374.

Una finestra sull’open access

  • BMC Family Practice
  • BMC Medical Education
  • BMC Nursing
  • BMJ Open
  • PLOS Medicine

Reset della password

Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.