BAL Lazio

Notizie

Statine e colesterolo: il successo non è assicurato

Pubblicato giovedì 2 20 Maggio19

Da uno studio appena pubblicato sulla rivista Heart emerge che più della metà dei pazienti che inizia la terapia con statine non raggiunge una riduzione ottimale del colesterolo entro 2 anni.

Per valutare la risposta del colesterolo lipoproteico a bassa densità (LDL-C) dopo l’inizio del trattamento con le statine e il futuro rischio di malattie cardiovascolari, è stato condotto uno studio di coorte prospettico selezionando 165.411 pazienti dai sistemi informativi dell’assistenza primaria britannica non ancora trattati per malattie cardiache o ictus all’inizio della terapia con le statine. A tutti i soggetti era stato misurato il tasso di colesterolo almeno una volta nell’anno precedente e almeno una volta entro 2 anni dall’inizio delle statine. I dati diagnostici e prescrittivi sono stati collegati agli episodi di trattamento ospedaliero (dati HES) e alle statistiche sulle cause di decesso (dati ONS).

Nel Regno Unito, le attuali linee guida nazionali (NICE) classificano come risposta “subottimale” ogni riduzione del basale LDL-C inferiore al 40% dopo due anni di trattamento con statine. Dei 165.411 pazienti, poco più della metà (51,2%) ha avuto quel tipo di risposta subottimale.

Nel complesso, nel periodo di monitoraggio medio di 6 anni, ci sono stati 22.798 eventi cardiovascolari, 12.142 dei quali in quelli che non hanno raggiunto un livello di colesterolo ottimale e 10.656 in quelli in cui il LDL-C è diminuito del 40% o più.

Dopo aver aggiustato i risultati per fattori potenzialmente rilevanti come l’età, è stato calcolato che i pazienti che non hanno raggiunto una riduzione del 40% dopo 2 anni avevano un rischio aumentato del 22% (HR 1,22, IC 95% 1,19-1,25) di sviluppare una malattia cardiovascolare rispetto ai “responder ottimali”.

In effetti, come rilevano i ricercatori, sia la variabilità biologica e genetica individuale sia il grado di aderenza possono spiegare alcune delle variazioni osservate nella risposta dell’LDL-C alla terapia con statine. Tuttavia, a oggi, non esiste una strategia di gestione nella pratica clinica che tenga conto delle variazioni nella risposta LDL-C, e non ci sono linee guida per lo screening predittivo prima dell’inizio della terapia con statine.

I risultati dello studio britannico confermano sostanzialmente quelli degli studi precedenti e sottolineano la necessità di una medicina personalizzata per combattere il colesterolo alto riducendo i rischi significativamente aumentati di cardiopatie e ictus, tra le principali cause di morte in tutto il mondo.

Fonte
Akyea RK et al. Sub-optimal cholesterol response to initiation of statins and future risk of cardiovascular disease. Heart Published Online First: 15 April 2019. doi: 10.1136/heartjnl-2018-314253

Archiviato in ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Accedi agli articoli

Razaz N et al. Association between Apgar scores of 7 to 9 and neonatal mortality and morbidity: population based cohort study of term infants in Sweden. BMJ 2019; 365:1656.

Razaz N et al One-minute and five-minute Apgar scores and child developmental health at 5 years of age: a population-based cohort study in British Columbia, Canada BMJ Open 2019;9:e027655.

European Association for the Study of Obesity. Pregnant women who were overweight children are at increased risk of developing hypertensive disorders.

Spinelli A et al. Prevalence of severe obesity among primary school children in 21 european countries. Obes Facts 2019;12:244-258.

Akyea RK et al. Sub-optimal cholesterol response to initiation of statins and future risk of cardiovascular disease. Heart Published Online First: 15 April 2019. doi: 10.1136/heartjnl-2018-314253.

Qaseem A et al.; for the Clinical Guidelines Committee of the American College of Physicians. Screening for breast cancer in average-risk women: a guidance statement from the american college of physicians. Ann Intern Med. [Epub ahead of print 9 April 2019] doi: 10.7326/M18-2147.

Elmore JG, Lee CI. A guide to a guidance statement on screening guidelines. Ann Intern Med. [Epub ahead of print 9 April 2019] doi: 10.7326/M19-0726.

Feldman AG et al. Incidence of hospitalization for vaccine-preventable infections in children following solid organ transplant and associated morbidity, mortality, and costs. JAMA Pediatr. 2019 Jan 14. [Epub ahead of print]

Feldman AG et al. Hospitalizations for respiratory syncytial virus and vaccine-preventable infections in the first 2 years after pediatric liver transplant. J Pediatr 2017;182:232-238.e1.

Feldman AG et al. Immunization practices among pediatric transplant hepatologists. Pediatr Transplantation 2016;20:1038-1044.

Rubin LG et al.; Infectious Diseases Society of America. 2013 IDSA clinical practice guideline for vaccination of the immunocompromised host. Clin Infect Dis 2014;58(3):e44-100.

Una finestra sull’open access

  • BMC Family Practice
  • BMC Medical Education
  • BMC Nursing
  • BMJ Open
  • PLOS Medicine

Reset della password

Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.