BAL Lazio

Notizie

Stile di vita al top: un alleato contro il diabete di tipo 2

Pubblicato mercoledì 13 Settembre 2017

In che misura un intervento intensivo sullo stile di vita può contribuire a gestire il diabete di tipo 2? In che misura può ridurre il bisogno di assumere antiglicemici?

Uno studio danese in doppio cieco ha arruolato 98 soggetti con diabete non insulino-dipendente da meno di dieci anni che assumevano uno o due farmaci antiglicemici con livelli di emoglobina glicata (HbA1c)  inferiori al 9%. Età media 54.6 anni [SD, 8.9]; donne, 47 [48%]; valore medio di HbA1c, 6.7%. Erano esclusi i soggetti che avevano una o più delle seguenti complicazioni: retinopatia diabetica, macroalbuminuria, nefropatia.

Assistenza standard (gruppo standard). 34 partecipanti sono stati randomizzati a ricevere l’assistenza standard, che consisteva nel colloquio medico, informazioni sul diabete, consigli sullo stile di vita, all’inizio e ogni 3 mesi nell’arco di 1 anno. Il target glicemico era valori di HbA1c del 6.5%. Una volta raggiunto questo target, la dose dell’antiglicemico veniva dimezzata. Se il livello di HbA1c rimaneva poi invariato o si abbassava ulteriormente, l’antiglicemico veniva sospeso. Hanno completato lo studio 31 pazienti.

Assistenza standard + interventi sullo stile di vita (gruppo stile di vita). 64 partecipanti sono stati randomizzati a ricevere, oltre all’assistenza standard, un intervento che consisteva in 5-6 sedute settimanali di 30-60 minuti di attività fisica aerobica. Di queste, 2 o 3 sedute erano integrate con un allenamento specifico anaerobico (resistance training). Nei primi 4 mesi tutte le sedute di attività fisica erano sottoposte a supervisione, con una diminuzione progressiva della supervisione nell’arco dei 12 mesi. Il programma era integrato da una dieta (45%-60% carboidrati, 15%-20% proteine, 20-35% grassi, con una quota inferiore al 7% di grassi saturi), il cui obiettivo era raggiungere un indice di massa corporea uguale o inferiore a 25. Hanno completato lo studio 62 pazienti.

Risultati
A 12 mesi

  • il livello medio di HbA1c era passato da 6.65% a 6.34% nel gruppo stile di vita e da 6.74% a 6.66% nel gruppo standard.
  • 47 (73.5%) partecipanti del gruppo stile di vita hanno potuto ridurre l’uso di antiglicemici contro 9 (26.4%) del gruppo standard.

 A un’analisi post hoc è risultato che il 56.3% dei partecipanti del gruppo stile di vita aveva sospeso gli antiglicemici e il 10.9% ne aveva aumentato l’uso; per contro, nel gruppo standard, il 14.7% aveva sospeso l’assunzione di antiglicemici e il 44.1% ne aveva aumentato l’uso.

Tutti i partecipanti che hanno completato il trial avevano un buon controllo glicemico all’inizio dello studio e lo hanno mantenuto. Tuttavia, sintetizzando, quasi i tre quarti dei soggetti arruolati nel gruppo nel quale si è intervenuti in modo incisivo sullo stile di vita ha potuto sospendere almeno un farmaco, contro un quarto di quelli sottoposti a terapia standard.

Fonti
Johansen MY et al. Effect of an Intensive Lifestyle Intervention on Glycemic Control in Patients With Type 2 DiabetesA Randomized Clinical Trial. JAMA. 2017;318(7):637-646. doi:10.1001/jama.2017.10169
Ried-Larsen M et al. Head-to-head comparison of intensive lifestyle intervention (U-TURN) versus conventional multifactorial care in patients with type 2 diabetes: protocol and rationale for an assessor-blinded, parallel group and randomised trial. BMJ Open 2015;5(12):e009764.

Archiviato in , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Accedi agli articoli

Zichi C et al. Adoption of multiple primary endpoints in phase III trials of systemic treatments in patients with advanced solid tumours. A systematic review. Eur j Canc 2021;149:49-60.

Seidler AN et al.; on behalf of the International Liaison Committee On Resuscitation Neonatal Life Support Task Force. Umbilical cord management for newborns <34 weeks' gestation: a meta-analysis. Pediatrics 2021; 147 (3) e20200576.

Gabrhelík R et al. Cannabis use during pregnancy and risk of adverse birth outcomes: a longitudinal cohort study. Eur Addict Res 2020. doi: 10.1159/000510821e

Ouldali N et al. Association of intravenous immunoglobulins plus methylprednisolone vs immunoglobulins alone with course of fever in multisystem inflammatory syndrome in children. JAMA. February 1, 2021. Epub ahead of print. doi:10.1001/jama.2021.0694

Freedman RA et al. Individualizing surveillance mammography for older patients after treatment for early-stage breast cancer: multidisciplinary expert panel and International Society of Geriatric Oncology Consensus Statement. JAMA Oncol. Published online January 28, 2021. doi:10.1001/jamaoncol.2020.7582

Fontanella CA et al. Association of cannabis use with self-harm and mortality risk among youths with mood disorders. JAMA Pediatr. Published online January 19, 2021. doi:10.1001/jamapediatrics.2020.5494

Goldenberg JZ et al. Efficacy and safety of low and very low carbohydrate diets for type 2 diabetes remission: systematic review and meta-analysis of published and unpublished randomized trial data. BMJ 2021;372:m4743

Huang J, Yang F, Chien W, et al. Risk of substance use disorder and its associations with comorbidities and psychotropic agents in patients with autism. JAMA Pediatr. Published online January 04, 2021.

Ezekowitz JA et al. Is there a sex gap in surviving an acute coronary syndrome or subsequent development of heart failure? Circulation, 30 november 2020.

Una finestra sull’open access

  • BMC Family Practice
  • BMC Medical Education
  • BMC Nursing
  • BMJ Open
  • PLOS Medicine

Reset della password

Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.