BAL Lazio

Notizie

Switch tra epoetine: sicurezza documentata anche quando si passa da un originator ad un biosimilare e viceversa

Pubblicato martedì 2 Luglio 2019

I prescrittori e i pazienti si fanno una giusta domanda quando un farmaco biologico viene cambiato in corso di trattamento: tutto ciò sarà sicuro?

In particolare quando si effettua uno switch da un originator ad un biosimilare il dubbio che la scelta sia orientata dal risparmio alimenta i sospetti e le polemiche. Le sollecitazioni dei prescrittori, dei pazienti e dei decisori invitano a produrre dati sulla pratica clinica in grado di fornire risposte tempestive e valide su questi temi.

Un recente studio italiano pubblicato su Drug Safety ha raccolto tale invito valutando la sicurezza e l’efficacia nei pazienti con malattia renale cronica che hanno effettuato uno switch terapeutico tra epoetine rispetto ai non-switcher e confrontando tra di loro le diverse categorie di switcher.

Lo studio
Si tratta di uno studio di coorte multi-database, che ha coinvolto quattro aree geografiche italiane. Sono stati inclusi nello studio tutti i pazienti con malattia renale cronica in trattamento con epoetina α (ESA α ) tra il 1° gennaio 2009 e il 31 dicembre 2015 e tra questi sono stati individuati quelli che hanno effettuato uno switch da originatore/biosimilare ESA α a qualsiasi altra epoetina in una serie di due prescrizioni consecutive entro i 2 anni dalla prima prescrizione di ESA α.

Gli switcher sono stati abbinati 1: 1 con i non-switcher in base ad un propensity score e alla durata del trattamento con ESA α e sono stati confrontati gli esiti occorsi nell’anno successivo alla data di switch nei due gruppi. Inoltre è stato effettuato un  confronto diretto tra le due categorie di switcher: dall’originatore/biosimilare ESA α a qualsiasi altra epoetina.

I risultati
Lo studio ha coinvolto 14.400 utilizzatori di ESA α per anemia dovuta a malattia renale cronica (61,4% originatore, 38,6% biosimilare). Al follow-up non sono state trovate differenze tra switcher e non switcher sull’efficacia (HR 1,02, 95% IC 0,79-1,31 originatori, HR 1,16, IC 95% 0,75-1,79 biosimilari) e sui risultati di sicurezza (HR 1,08, 95% IC 0,77-1,50 originatori; HR 1,20, IC 95% 0,66-2,21 biosimilari). Le probabilità cumulative di osservare un evento avverso, sia dal punto di vista della mancanza di efficacia che da quello dei problemi di sicurezza, sono state le stesse per i diversi gruppi di switchers.

In sintesi, questo studio osservazionale realizzato su larga scala e che ha coinvolto pazienti provenienti da diverse Regioni Italiane, suggerisce che il passaggio dall’epoetina α ad altre epoetine, comprese le versioni biosimilari e originator, nei pazienti con malattia renale cronica è efficace e sicuro. Tali risultati promettono di rivelarsi preziosi per le decisioni cliniche relative al cambiamento delle terapie farmacologiche e per promuovere politiche sanitarie che sostengono la diffusione dei biosimilari tra la popolazione.

Fonte
Belleudi V et al. Effectiveness and safety of switching originator and biosimilar epoetins in patients with chronic kidney disease in a large-scale italian cohort. Study Drug Saf 2019. Jun 21. doi: 10.1007/s40264-019-00845-y. [Epub ahead of print]

Archiviato in

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Accedi agli articoli

Marion M Mafham et al. COVID-19 pandemic and admission rates for and management of acute coronary syndromes in England. Lancet 2020;S0140-6736(20)31356-8.

Orkaby AR. Association of statin use with all-cause and cardiovascular mortality in US veterans 75 years and older. JAMA 2020;324(1):68-78

Lethaby AE et al. Progesterone/progestogen releasing intrauterine systems versus either placebo or any other medication for heavy menstrual bleeding. Cochrane Database Syst Rev. 2000;(2):CD002126. doi: 10.1002/14651858.CD002126.

Levis B. Accuracy of the PHQ-2 alone and in combination with the PHQ-9 for screening to detect major depression: systematic review and meta-analysis. JAMA 2020;323(22):2290-2300.

NCD Risk Factor Collaboration (NCD-RisC). Repositioning of the global epicentre of non-optimal cholesterol. Nature 2020 Jun;582(7810):73-77. doi: 10.1038/s41586-020-2338-1. Epub 2020 Jun 3.

Hsiang S et al. The effect of large-scale anti-contagion policies on the COVID-19 pandemic. Nature 2020 Jun 8. doi: 10.1038/s41586-020-2404-8. Online ahead of print.

Flaxman S. Estimating the effects of non-pharmaceutical interventions on COVID-19 in Europe. Nature2020 Jun 8. doi: 10.1038/s41586-020-2405-7. Online ahead of print.

Carlsen LN. Comparison of 3 treatment strategies for medication overuse headache: a randomized clinical trial. JAMA Neurol 2020;e201179. doi: 10.1001/jamaneurol.2020.1179. Online ahead of print.

Una finestra sull’open access

  • BMC Family Practice
  • BMC Medical Education
  • BMC Nursing
  • BMJ Open
  • PLOS Medicine

Reset della password

Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.