BAL Lazio

Notizie

Terapia del carcinoma basocellulare: in cerca di prove

Pubblicato lunedì 15 Ottobre 2018

Il carcinoma basocellulare (BCC) è la forma più comune di tumore della cute. Anche se è classificato tra i carcinomi, la sua malignità è essenzialmente locale ed è molto raro che dia metastasi. Ma il tumore e il suo trattamento possono causare deturpazioni o disabilità e queste influiscono negativamente sulla qualità della vita.

La gestione del singolo paziente con carcinoma basocellulare è complessa e multifattoriale ma la mancanza di chiarezza sull’efficacia comparativa e la sicurezza delle opzioni disponibili complica ulteriormente il processo decisionale sia per i medici sia per i pazienti. La rimozione chirurgica è considerata il gold standard, tuttavia l’efficacia relativa delle varie tecniche chirurgiche e delle altre opzioni terapeutiche non è chiara. In questa situazione il payer si trova costretto, quando ricorre a terapie costose come la brachiterapia, a farlo senza prove chiare che giustifichino l’aumento dei costi.

Una revisione sistematica con metanalisi di rete pubblicata sugli Annals of Internal Medicine ha valutato l’efficacia comparativa e la sicurezza dei trattamenti del carcinoma basocellulare primario negli adulti.

La ricerca è stata effettuata su MEDLINE, Cochrane Library ed Embase fino a maggio 2018; è stata inoltre effettuata un ricerca sulla banca dati ClinicalTrials.gov (agosto 2016) per l’identificazione di studi in corso e le bibliografie di linee guida e revisioni sistematiche per l’identificazione di altri studi.

Quaranta studi randomizzati e cinque studi non randomizzati hanno confrontato 18 interventi in nove categorie. Una network metanalisi sui dati disponibili ha mostrato che i tassi di recidiva stimati erano simili per l’escissione (3,8% [IC 95%, 1,5-9,5%]), la chirurgia di Mohs (3,8% [IC 0,7-18,2%]), curettage e diatermia (6,9% [IC 0,9-36,6%]) e la radioterapia a fasci esterni (3,5% [IC 0,7-16,8%]). I tassi di recidiva erano più alti per la crioterapia (22,3% IC 10,2%-42,0%]), curettage e crioterapia (19,9% [IC 4,6-56,1%]), 5-fluorouracile (18,8% [IC 10,1-32,5 %]), imiquimod (14,1% [IC 5,4-32,4%]) e la terapia fotodinamica che utilizza acido metil-aminolevulinico (18,8% [IC 10,1-32,5%]) o acido aminolevulinico (16,6% [IC 7,5-32,8%]). La proporzione di pazienti che hanno riportato esiti cosmetici positivi o migliori era più alta per la terapia fotodinamica che utilizzava acido metil-aminolevulinico (93,8% [IC 79,2-98,3%]) o acido aminolevulinico (95,8% [IC 84,2- 99,0%]) rispetto all’escissione (77,8% [IC 44,8-93,8%]) o crioterapia (51,1% [IC 15,8-85,4%]). I dati sulla qualità della vita e sulla mortalità erano troppo scarsi per la sintesi quantitativa.

In sintesi, i trattamenti chirurgici e la radioterapia a fasci esterni hanno bassi tassi di recidiva per il trattamento del carcinoma basocellulare a basso rischio, ma esiste una notevole incertezza sulla loro efficacia comparativa rispetto ad altri trattamenti. La revisione, in assenza di dati sufficienti e stime degli effetti precise, conferma quindi lacune e incertezze riguardanti soprattutto i sottotipi ad alto rischio di carcinoma basocellulare ed esiti fondamentali, come i costi.

Fonte
Drucker AM et al. Treatments of primary basal cell carcinoma of the skin: a systematic review and network meta-analysis. Ann Intern Med 2018 ;169:456-466.

Archiviato in

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Accedi agli articoli

Zichi C et al. Adoption of multiple primary endpoints in phase III trials of systemic treatments in patients with advanced solid tumours. A systematic review. Eur j Canc 2021;149:49-60.

Seidler AN et al.; on behalf of the International Liaison Committee On Resuscitation Neonatal Life Support Task Force. Umbilical cord management for newborns <34 weeks' gestation: a meta-analysis. Pediatrics 2021; 147 (3) e20200576.

Gabrhelík R et al. Cannabis use during pregnancy and risk of adverse birth outcomes: a longitudinal cohort study. Eur Addict Res 2020. doi: 10.1159/000510821e

Ouldali N et al. Association of intravenous immunoglobulins plus methylprednisolone vs immunoglobulins alone with course of fever in multisystem inflammatory syndrome in children. JAMA. February 1, 2021. Epub ahead of print. doi:10.1001/jama.2021.0694

Freedman RA et al. Individualizing surveillance mammography for older patients after treatment for early-stage breast cancer: multidisciplinary expert panel and International Society of Geriatric Oncology Consensus Statement. JAMA Oncol. Published online January 28, 2021. doi:10.1001/jamaoncol.2020.7582

Fontanella CA et al. Association of cannabis use with self-harm and mortality risk among youths with mood disorders. JAMA Pediatr. Published online January 19, 2021. doi:10.1001/jamapediatrics.2020.5494

Goldenberg JZ et al. Efficacy and safety of low and very low carbohydrate diets for type 2 diabetes remission: systematic review and meta-analysis of published and unpublished randomized trial data. BMJ 2021;372:m4743

Huang J, Yang F, Chien W, et al. Risk of substance use disorder and its associations with comorbidities and psychotropic agents in patients with autism. JAMA Pediatr. Published online January 04, 2021.

Ezekowitz JA et al. Is there a sex gap in surviving an acute coronary syndrome or subsequent development of heart failure? Circulation, 30 november 2020.

Una finestra sull’open access

  • BMC Family Practice
  • BMC Medical Education
  • BMC Nursing
  • BMJ Open
  • PLOS Medicine

Reset della password

Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.