BAL Lazio

Notizie

Terapia del carcinoma basocellulare: in cerca di prove

Pubblicato lunedì 15 Ottobre 2018

Il carcinoma basocellulare (BCC) è la forma più comune di tumore della cute. Anche se è classificato tra i carcinomi, la sua malignità è essenzialmente locale ed è molto raro che dia metastasi. Ma il tumore e il suo trattamento possono causare deturpazioni o disabilità e queste influiscono negativamente sulla qualità della vita.

La gestione del singolo paziente con carcinoma basocellulare è complessa e multifattoriale ma la mancanza di chiarezza sull’efficacia comparativa e la sicurezza delle opzioni disponibili complica ulteriormente il processo decisionale sia per i medici sia per i pazienti. La rimozione chirurgica è considerata il gold standard, tuttavia l’efficacia relativa delle varie tecniche chirurgiche e delle altre opzioni terapeutiche non è chiara. In questa situazione il payer si trova costretto, quando ricorre a terapie costose come la brachiterapia, a farlo senza prove chiare che giustifichino l’aumento dei costi.

Una revisione sistematica con metanalisi di rete pubblicata sugli Annals of Internal Medicine ha valutato l’efficacia comparativa e la sicurezza dei trattamenti del carcinoma basocellulare primario negli adulti.

La ricerca è stata effettuata su MEDLINE, Cochrane Library ed Embase fino a maggio 2018; è stata inoltre effettuata un ricerca sulla banca dati ClinicalTrials.gov (agosto 2016) per l’identificazione di studi in corso e le bibliografie di linee guida e revisioni sistematiche per l’identificazione di altri studi.

Quaranta studi randomizzati e cinque studi non randomizzati hanno confrontato 18 interventi in nove categorie. Una network metanalisi sui dati disponibili ha mostrato che i tassi di recidiva stimati erano simili per l’escissione (3,8% [IC 95%, 1,5-9,5%]), la chirurgia di Mohs (3,8% [IC 0,7-18,2%]), curettage e diatermia (6,9% [IC 0,9-36,6%]) e la radioterapia a fasci esterni (3,5% [IC 0,7-16,8%]). I tassi di recidiva erano più alti per la crioterapia (22,3% IC 10,2%-42,0%]), curettage e crioterapia (19,9% [IC 4,6-56,1%]), 5-fluorouracile (18,8% [IC 10,1-32,5 %]), imiquimod (14,1% [IC 5,4-32,4%]) e la terapia fotodinamica che utilizza acido metil-aminolevulinico (18,8% [IC 10,1-32,5%]) o acido aminolevulinico (16,6% [IC 7,5-32,8%]). La proporzione di pazienti che hanno riportato esiti cosmetici positivi o migliori era più alta per la terapia fotodinamica che utilizzava acido metil-aminolevulinico (93,8% [IC 79,2-98,3%]) o acido aminolevulinico (95,8% [IC 84,2- 99,0%]) rispetto all’escissione (77,8% [IC 44,8-93,8%]) o crioterapia (51,1% [IC 15,8-85,4%]). I dati sulla qualità della vita e sulla mortalità erano troppo scarsi per la sintesi quantitativa.

In sintesi, i trattamenti chirurgici e la radioterapia a fasci esterni hanno bassi tassi di recidiva per il trattamento del carcinoma basocellulare a basso rischio, ma esiste una notevole incertezza sulla loro efficacia comparativa rispetto ad altri trattamenti. La revisione, in assenza di dati sufficienti e stime degli effetti precise, conferma quindi lacune e incertezze riguardanti soprattutto i sottotipi ad alto rischio di carcinoma basocellulare ed esiti fondamentali, come i costi.

Fonte
Drucker AM et al. Treatments of primary basal cell carcinoma of the skin: a systematic review and network meta-analysis. Ann Intern Med 2018 ;169:456-466.

Tagged

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Accedi agli articoli

Ferroni E et al. Gender related differences in gastrointestinal bleeding with oral anticoagulation in atrial fibrillation. J Cardiovasc Pharmacol Ther 2022;27:10742484211054609.

Lowenstein M et al. Sustained implementation of a multicomponent strategy to increase emergency department-initiated interventions for opioid use disorder. Ann Emerg Med 2021:S0196-0644(21)01380-9.

Okereke OI et al. Effect of long-term supplementation with marine omega-3 fatty acids vs placebo on risk of depression or clinically relevant depressive symptoms and on change in mood scores: a randomized clinical trial. JAMA 2021;326(23):2385-2394.

Gaillard EA et al. European Respiratory Society clinical practice guidelines for the diagnosis of asthma in children aged 5-16 years. Eur Respir J 2021;58(5):2004173.

Slomski A. Thousands of US youths cope with the trauma of losing parents to COVID-19. JAMA. Published online November 17, 2021.

Hillis SD, Blenkinsop A, Villaveces A, et al. COVID-19-associated orphanhood and caregiver death in the United States. Pediatrics. 2021 Oct 7:e2021053760.

Hillis S, Unwin J, Cluver L, et al. Children: the hidden pandemic 2021: a joint report of COVID-19-associated orphanhood and a strategy for action. Lancet 2021; 398:391-402.

Fu M, Naci H, Booth CM, et al. Real-world use of and spending on new oral targeted cancer drugs in the US, 2011-2018. JAMA Intern Med 2021 Oct 18; doi:10.1001/jamainternmed.2021.5983

Addis A, Amato L, Cruciani F, et al. The Standard of Care definitions on COVID-19 pharmacological clinical trials: A systematic review. Frontiers in Pharmacology 2021;2712.

Grummitt LR et al. Association of childhood adversity with morbidity and mortality in US adults: a systematic Review. JAMA Pediatr. Published online October 04, 2021.

Una finestra sull’open access

  • BMC Family Practice
  • BMC Medical Education
  • BMC Nursing
  • BMJ Open
  • PLOS Medicine