BAL Lazio

Notizie

Tromboembolismo venoso idiopatico: quanto deve durare il trattamento anticoagulante?

Pubblicato mercoledì 24 Maggio 2017

Le donne con un primo episodio di trombosi venosa idiopatica possono sospendere il trattamento anticoagulante a lungo termine? Secondo i risultati dello studio REVERSE II, le donne che soddisfano solo uno, o nessuno, dei criteri HERDOO2 hanno un basso rischio di ricaduta e potrebbero sospendere il trattamento dopo avere completato il ciclo di terapia prescritto (dai 5 ai 12 mesi). Non è stato possibile individuare un sottogruppo di uomini a basso rischio di ricaduta di tromboembolia venosa.

HERDOO2 sta per
Hyperpigmentation (iperpigmentazione)
Edema, or Redness in either leg (edema o arrossamento in una delle gambe)
D-dimer level ≥250 μg/L
Obesity with body mass index ≥30 (obesità con BMI ≥30)
Older age, ≥65 years (età pari o superiore a 65 anni)

Per validare la regola HERDOO2 è stato condotto uno studio prospettico di coorte che ha coinvolto sette paesi. Sono stati arruolati 2785 soggetti, dei quali 1213 donne, con un primo episodio di tromboembolia venosa (VTE) idiopatica (trombosi venosa profonda prossimale, embolia polmonare, o entrambe) che avevano completato un trattamento anticoagulante di 5-12 mesi. Il follow-up è stato di 12 mesi.

Le donne che soddisfacevano uno o nessuno dei criteri HERDOO2 erano classificate a basso rischio di ricaduta e hanno sospeso il trattamento anticoagulante; le donne che soddisfacevano 2 o più criteri e tutti gli uomini erano considrati ad alto rischio: in questi soggetti il trattamento a base di anticoagulanti è stato lasciato alla discrezione dei clinici e dei pazienti.

Su 1213 donne, 631 (51.3%) sono state classificate a basso rischio e 591 hanno sospeso il trattamento con anticoagulanti orali; di queste 17 hanno avuto un nuovo episodio di tromboembolismo nel corso di un follow-up di 564 anni-persona (3.0% per anno-persona, 95% confidence interval 1.8%-4.8%). Nelle 31 donne a basso rischio che hanno proseguito la terapia non si è registrata nessuna ricaduta. Dei 323 uomini e donne ad alto rischio che avevano sospeso il trattamento anticoagulante, 25 avevano avuto un episodio di tromboembolismo venoso (VTE) nel corso di un follow-up di 309 anni persona (8.1%, 95%CI 5.2%-11.9%), mentre 1802 donne e uomini ad alto rischio che avevano proseguito la terapia anticoagulante, 28 hanno avuto un nuovo episodio di VTE nel corso di un follow-up di 1758 anni persona (1.6%, 95%CI 1.1%-2.3%).

I casi di emorragia
Si sono registrati 22 casi di emorragia per 1788 anni persona di follow-up nei soggetti che hanno proseguito il trattamento con anticoagulanti (1.2% emorragie per anno-persona, 95% CI 0.8%-1.9%) rispetto a 3 casi per un  follow-up di 874 anni-persona in soggetti che hanno sospeso il trattamento (0.3% emorragie per anno-persona, 0.1%-1.0%). In 2 casi le emorragie hanno provocato il decesso (tasso di decesso in seguito a emorragia, 8.0%, 95% CI 2.2%-25.0%).

Secondo gli autori della ricerca, dunque, le donne a basso rischio di ricaduta potrebbero sospendere il trattamento dopo avere completato il ciclo di terapia prescritto (dai 5 ai 12 mesi): “È un risultato importante”, sottolineano, “perché usando la nostra regola più di metà delle donne con VTE idiopatica possono tranquillamente sospendere gli anticoagulanti ed evitare il peso, i costi e i rischi un trattamento a lungo termine”.

Quale trattamento anticoagulante? Su Lancet Haematology (Larsen TB, 2017) uno studio prospettico di coorte sul trattamento del tromboembolismo venoso idiopatico ha evidenziato che il rivaroxaban, rispetto al warfarin, sarebbe associato a un rischio minore di ricaduta, senza compromettere la sicurezza.

Rimandiamo infine a una sintesi delle linee guida sulla terapia antitrombotica in caso di tromboembolismo venoso elaborata dal JAMA (Jain A, Cifu AS, 2017) seguendo la metodologia GRADE.

Fonti:
Rodger MA et al for the REVERSE II Study Investigators. Validating the HERDOO2 rule to guide treatment duration for women with unprovoked venous thrombosis: multinational prospective cohort management study. BMJ 2017;356:j1065
Larsen TB et al. Effectiveness and safety of rivaroxaban and warfarin in patients with unprovoked venous thromboembolism: a propensity-matched nationwide cohort study. Lancet Haematol 2017; 4(5), e237–e244. doi: 10.1016/S2352-3026(17)30054
Jain A, Cifu AS. Antithrombotic Therapy for Venous Thromboembolic Disease. JAMA 2017;317(19):2008-2009. doi:10.1001/jama.2017.1928

Tagged , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Accedi agli articoli

Garutti M et al. Checkpoint inhibitors, fertility, pregnancy, and sexual life: a systematic review. ESMO Open 2021;6(5):100276.

Hauptman M et al. Individual- and community-level factors associated with detectable and elevated blood lead levels in US children: results from a national clinical laboratory. JAMA Pediatr. Published online September 27, 2021. doi:10.1001/jamapediatrics.2021.3518

Marcus GM et al. Acute consumption of alcohol and discrete atrial fibrillation events. Ann Intern Med 2021 Aug 31. doi: 10.7326/M21-0228. Epub ahead of print. PMID: 34461028.

Fakir AMS et al. Pandemic catch-22: the role of mobility restrictions and institutional inequalities in halting the spread of COVID-19. PLOS ONE 2021; 16(6): e0253348.

Alemany S, Avella-García C, Liew Z, et al. Prenatal and postnatal exposure to acetaminophen in relation to autism spectrum and attention-deficit and hyperactivity symptoms in childhood: Meta-analysis in six European population-based cohorts. Eur J Epidemiol (2021). https://doi.org/10.1007/s10654-021-00754-4

Salazar de Pablo G et al. Universal and selective interventions to prevent poor mental health outcomes in young people: systematic review and meta-analysis. Harvard Review of Psychiatry 2021;29 (3) 196-215.

Currie JM et al. Prescribing of opioid analgesics and buprenorphine for opioid use disorder during the covid-19 pandemic. JAMA Netw Open 2021;4(4):e216147.

Marson A, Burnside G, Appleton R, et al.; SANAD II collaborators. The SANAD II study of the effectiveness and cost-effectiveness of valproate versus levetiracetam for newly diagnosed generalised and unclassifiable epilepsy: an open-label, non-inferiority, multicentre, phase 4, randomised controlled trial. Lancet 2021;397(10282):1375-1386.

Marson A, Burnside G, Appleton R, et al.; SANAD II collaborators. The SANAD II study of the effectiveness and cost-effectiveness of levetiracetam, zonisamide, or lamotrigine for newly diagnosed focal epilepsy: an open-label, non-inferiority, multicentre, phase 4, randomised controlled trial. Lancet 2021;397(10282):1363-1374.

Una finestra sull’open access

  • BMC Family Practice
  • BMC Medical Education
  • BMC Nursing
  • BMJ Open
  • PLOS Medicine

Reset della password

Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.