Home / Notizie / Tromboprofilassi in ortopedia: riconsiderare…

Tromboprofilassi in ortopedia: riconsiderare l’aspirina

In base a uno studio pubblicato sul New England Journal of Medicine, per i pazienti con traumi ortopedici, la tromboprofilassi con aspirina non è inferiore all’eparina a basso peso molecolare per prevenire l’evento morte.

Robert V. O’Toole (University of Maryland School of Medicine di Baltimora, e colleghi hanno condotto uno studio randomizzato di non inferiorità che ha coinvolto pazienti adulti con una frattura di un’estremità che era stata trattata chirurgicamente o qualsiasi frattura pelvica o acetabolare. I pazienti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere eparina a basso peso molecolare o aspirina mentre erano in ospedale (rispettivamente 6.110 e 6.101 pazienti). Hanno poi continuato a ricevere la tromboprofilassi dopo la dimissione secondo il protocollo clinico ospedaliero.

I ricercatori hanno scoperto che la morte a 90 giorni si è verificata rispettivamente nello 0,78% e nello 0,73% dei pazienti nei gruppi trattati con aspirina ed eparina a basso peso molecolare (differenza, 0,05 punti percentuali; intervallo di confidenza al 96,2%, da -0,27 a 0,38; p<0,001). La trombosi venosa profonda si è verificata rispettivamente nel 2,51% e nell’1,71% dei pazienti. I gruppi avevano un’incidenza simile di embolia polmonare, complicanze emorragiche e altri eventi avversi gravi.

“I risultati di questo studio indicano chiaramente che le linee guida per la prevenzione del tromboembolismo venoso acquisito in ospedale dovranno essere riscritte per includere l’opzione dell’aspirina nei pazienti con lesioni traumatiche”, scrivono gli autori nell’editoriale di accompagnamento.

Fonte
Major Extremity Trauma Research Consortium (METRC) et al. Aspirin or low-molecular-weight heparin for thromboprophylaxis after a fracture. N Engl J Med. 2023;388(3):203-213.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *