BAL Lazio

Notizie

Tumore del seno: lo screening della discordia

Pubblicato martedì 16 Aprile 2019

Le donne tra i 50 e i 74 anni, senza sintomi per il cancro al seno, dovrebbero sottoporsi a screening mammografico ogni due anni, secondo l’American College of Physicians (ACP), la più grande organizzazione di settore degli Stati Uniti.

L’ ACP Clinical Guidelines Committee ha cercato linee guida internazionali sullo screening per carcinoma mammario prodotte sul National Guideline Clearinghouse e su Guidelines International Network, pubblicate in inglese tra il 2013 e il 2017. Sono state selezionate sette linee guida su donne a medio rischio (senza una storia di cancro al seno o una diagnosi precedente di lesione ad alto rischio; senza mutazioni genetiche come BRCA1 / 2 o un precedente familiare di cancro al seno; e senza una storia di radioterapia al torace durante l’infanzia) elaborate da organizzazioni professionali statunitensi e canadesi e dall’OMS, e valutate da un punto di vista metodologico. L’ACP ha quindi prodotto il suo documento di orientamento sul tema.

In sintesi:

– per le donne di età compresa tra 40 e 49 anni, bisogna esaminare i pro e i contro della mammografia, tenendo conto delle preferenze delle pazienti. I danni da screening superano i benefici per la maggior parte delle donne in questa fascia di età;

– mammografie biennali per donne tra i 50 ei 74 anni;

– interrompere lo screening in donne di età ≥75 anni o con aspettativa di vita ≤10 anni;

– indipendentemente dall’età della donna, l’esame clinico del seno non è un approccio utile allo screening.

Il comitato ACP in particolare ha osservato che l’entità della riduzione della mortalità per cancro al seno associata allo screening mammografico è ridotta, un punto non sottolineato a sufficienza dalla maggior parte delle linee guida. Non è stata dimostrata alcuna riduzione tra le donne di età compresa tra 39 e 49 anni (il gruppo che ha ricevuto il beneficio minimo dallo screening rispetto ai decessi evitati). In più, lo screening in questo gruppo di età non ha ridotto l’incidenza del carcinoma mammario avanzato. Indipendentemente dall’età delle donne, la mammografia non ha ridotto la mortalità per tutte le cause. Nella maggior parte delle donne tra i 40 ei 49 anni, i danni legati allo screening (sovradiagnosi, sovratrattamento, falsi positivi, test diagnostici non necessari e biopsie) hanno superato i benefici, e lo screening più frequente è stato associato a un danno maggiore.

Questo tipo di approccio è approvato anche dalla US Preventive Services Task Force (USPSTF).

Ma le nuove linee guida hanno attirato il fuoco incrociato dall’American College of Radiology (ACR) e della Society of Breast Imaging (SBI). Secondo questi due gruppi di radiologia al contrario è auspicabile che le donne si sottopongano a mammografie annuali a partire da 40 anni e che continuino “finché sono in buona salute”.

Le nuove raccomandazioni ACP a loro avviso “possono causare fino a 10.000 morti addizionali e non necessarie per cancro al seno negli Stati Uniti ogni anno”, commentano le due associazioni in un comunicato stampa congiunto. “Si tratta di un approccio”, proseguono, “che per di più fa poco o nulla per risolvere la sovradiagnosi o i danni dello screening”.

Il problema principale a questo punto è dare seguito a queste raccomandazioni ACP poco favorevoli allo screening indiscriminato, visto la delicatezza del tema, le polemiche che hanno suscitato e il fatto che molte donne hanno una percezione più alta del proprio rischio individuale e non si riconoscono nella fascia del rischio medio.

Fonti
Qaseem A et al.; for the Clinical Guidelines Committee of the American College of Physicians. Screening for breast cancer in average-risk women: a guidance statement from the american college of physicians. Ann Intern Med. [Epub ahead of print 9 April 2019] doi: 10.7326/M18-2147
Elmore JG, Lee CI. A guide to a guidance statement on screening guidelines. Ann Intern Med. [Epub ahead of print 9 April 2019] doi: 10.7326/M19-0726

Archiviato in ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Accedi agli articoli

Miovský M et al. Attention Deficit Hyperactivity Disorder among clients diagnosed with a substance use disorder in the therapeutic communities: prevalence and psychiatric comorbidity. Eur Addict Res 2020.

Ortel TL et al. American Society of Hematology 2020 guidelines for management of venous thromboembolism: treatment of deep vein thrombosis and pulmonary embolism. Blood Adv 2020; 4(19): 4693-4738.

Chu JJ et al. Mifepristone and misoprostol versus misoprostol alone for the management of missed miscarriage (MifeMiso): a randomised, double-blind, placebo-controlled trial. Lancet 2020 Sep 12;396(10253):770-778.

Vodicka TA et al. Reducing antibiotic prescribing for children with respiratory tract infections in primary care: a systematic review. Br J Gen Pract 2013;63(612):e445-54.

Dominici F, et al. Air pollution, SARS-CoV-2 transmission, and COVID-19 outcomes: a state-of-the-science review of a rapidly evolving research area. medRxiv 2020. doi: https://doi.org/10.1101/2020.08.16.20175901

Marion M Mafham et al. COVID-19 pandemic and admission rates for and management of acute coronary syndromes in England. Lancet 2020;S0140-6736(20)31356-8.

Orkaby AR. Association of statin use with all-cause and cardiovascular mortality in US veterans 75 years and older. JAMA 2020;324(1):68-78

Lethaby AE et al. Progesterone/progestogen releasing intrauterine systems versus either placebo or any other medication for heavy menstrual bleeding. Cochrane Database Syst Rev. 2000;(2):CD002126. doi: 10.1002/14651858.CD002126.

Levis B. Accuracy of the PHQ-2 alone and in combination with the PHQ-9 for screening to detect major depression: systematic review and meta-analysis. JAMA 2020;323(22):2290-2300.

Una finestra sull’open access

  • BMC Family Practice
  • BMC Medical Education
  • BMC Nursing
  • BMJ Open
  • PLOS Medicine

Reset della password

Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.