BAL Lazio

Notizie

Un’aspirina al giorno…

Pubblicato lunedì 24 Settembre 2018

L’aspirina giornaliera a basso dosaggio non ha prolungato rispetto al placebo una vita sana e indipendente (cioè libera da demenza o disabilità fisica persistente) in un campione di adulti anziani sani senza precedenti eventi cardiovascolari Questi i primi risultati dell’ampio trial ASPIRIN in Reducing Events in the Elderly (ASPREE), pubblicati in tre articoli sul The New England Journal of Medicine.

“Le linee guida sottolineano i benefici dell’aspirina nella prevenzione di attacchi di cuore e ictus in persone con patologie vascolari come la coronaropatia”, ha detto il direttore della NIA Richard J. Hodes,“Ci si è interrogati se l’aspirina sia utile anche per gli anziani sani , in assenza di quelle condizioni”.

ASPREE è uno studio internazionale, randomizzato controllato in doppio cieco, che ha arruolato nel 2010 19.114 partecipanti di età pari o superiore a 70 anni (16.703 in Australia e 2411 negli Stati Uniti). Presupposto fondamentale per l’arruolamento era appunto l’assenza di demenza o disabilità fisica e di condizioni mediche che richiedessero l’uso di aspirina. Nella popolazione inclusa nello studio (9525 assegnati  a ricevere l’aspirina e 9589 il placebo), il trattamento con 100 mg al giorno di aspirina a basse dosi non ha influenzato la sopravvivenza libera da demenza o disabilità. Durante un tempo mediano di follow up pari a 4,7 anni sono stati registrati 1052 decessi. Il rischio di mortalità per tutte le cause è stato di 12,7 eventi per 1000 anni-persona nel gruppo assegnato trattato con aspirina e 11,1 eventi per 1000 anni-persona nel gruppo placebo (hazard ratio=1,14; IC 95% da 1,01 a 1,29). Questo effetto dell’aspirina non era stato notato in studi precedenti, quindi occorre cautela nell’interpretazione del risultato. Il tasso più alto di mortalità nel gruppo trattato con aspirina era dovuto principalmente a un maggior numero di morti per cancro. Il rischio di mortalità per tumore è stato infatti di 6,7 eventi per 1000 anni-persona nel gruppo aspirina e 5,1 eventi per 1000 anni-persona nel gruppo placebo (hazard ratio=1,31; IC95% da 1,10 to 1,56) .

“L’aumento delle morti per cancro nei partecipanti allo studio nel gruppo dell’aspirina è stato sorprendente, dato che studi precedenti hanno suggerito che l’uso di aspirina migliora i risultati rispetto al cancro”, ha detto Leslie Ford, NCI Division of Cancer Prevention. “L’analisi di tutti i dati relativi alla mortalità per tumore osservata nel corso dello studio è ancora in corso e finché non avremo dati aggiuntivi, questi risultati dovrebbero essere interpretati con cautela”.

I ricercatori hanno poi analizzato i risultati di ASPREE rispetto agli eventi cardiovascolari, osservando che i tassi per i principali eventi cardiovascolari – tra cui malattia coronarica, attacchi cardiaci non fatali e ictus ischemico fatale e non fatale – erano simili nei gruppi dell’aspirina e del placebo.

Come previsto è stato riscontrato anche un maggior rischio di sanguinamento per l’aspirina, principalmente a livello gastrointestinale e cerebrale. Un sanguinamento clinicamente significativo – ictus emorragico, emorragia cerebrale, emorragie gastrointestinali o emorragie in altri siti che hanno richiesto trasfusione od ospedalizzazione – si è verificato in 361 persone (3,8%) con aspirina e in 265 (2,7%) con placebo.

È importante rilevare che le nuove scoperte non si applicano alle persone con un’indicazione comprovata di aspirina come ictus, infarto o altre malattie cardiovascolari. Inoltre, poiché solo l’11% dei partecipanti aveva assunto aspirina a basse dosi prima di entrare nello studio, i risultati di ASPREE hanno bisogno di ulteriori conferme per stabilire se gli anziani che usano regolarmente l’aspirina per la prevenzione primaria  dovrebbero continuare o interromperne l’uso.

Fonte
McNeil JJ et al. Effect of aspirin on all-cause mortality in the healthy elderly. September 16, 2018. DOI: 10.1056/NEJMoa1803955

Tagged , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Accedi agli articoli

Addis A, Amato L, Cruciani F, et al. The Standard of Care definitions on COVID-19 pharmacological clinical trials: A systematic review. Frontiers in Pharmacology 2021;2712.

Grummitt LR et al. Association of childhood adversity with morbidity and mortality in US adults: a systematic Review. JAMA Pediatr. Published online October 04, 2021.

Garutti M et al. Checkpoint inhibitors, fertility, pregnancy, and sexual life: a systematic review. ESMO Open 2021;6(5):100276.

Hauptman M et al. Individual- and community-level factors associated with detectable and elevated blood lead levels in US children: results from a national clinical laboratory. JAMA Pediatr. Published online September 27, 2021. doi:10.1001/jamapediatrics.2021.3518

Marcus GM et al. Acute consumption of alcohol and discrete atrial fibrillation events. Ann Intern Med 2021 Aug 31. doi: 10.7326/M21-0228. Epub ahead of print. PMID: 34461028.

Fakir AMS et al. Pandemic catch-22: the role of mobility restrictions and institutional inequalities in halting the spread of COVID-19. PLOS ONE 2021; 16(6): e0253348.

Alemany S, Avella-García C, Liew Z, et al. Prenatal and postnatal exposure to acetaminophen in relation to autism spectrum and attention-deficit and hyperactivity symptoms in childhood: Meta-analysis in six European population-based cohorts. Eur J Epidemiol (2021). https://doi.org/10.1007/s10654-021-00754-4

Salazar de Pablo G et al. Universal and selective interventions to prevent poor mental health outcomes in young people: systematic review and meta-analysis. Harvard Review of Psychiatry 2021;29 (3) 196-215.

Currie JM et al. Prescribing of opioid analgesics and buprenorphine for opioid use disorder during the covid-19 pandemic. JAMA Netw Open 2021;4(4):e216147.

Una finestra sull’open access

  • BMC Family Practice
  • BMC Medical Education
  • BMC Nursing
  • BMJ Open
  • PLOS Medicine

Reset della password

Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.