BAL Lazio

Notizie

Un’aspirina al giorno…

Pubblicato lunedì 24 Settembre 2018

L’aspirina giornaliera a basso dosaggio non ha prolungato rispetto al placebo una vita sana e indipendente (cioè libera da demenza o disabilità fisica persistente) in un campione di adulti anziani sani senza precedenti eventi cardiovascolari Questi i primi risultati dell’ampio trial ASPIRIN in Reducing Events in the Elderly (ASPREE), pubblicati in tre articoli sul The New England Journal of Medicine.

“Le linee guida sottolineano i benefici dell’aspirina nella prevenzione di attacchi di cuore e ictus in persone con patologie vascolari come la coronaropatia”, ha detto il direttore della NIA Richard J. Hodes,“Ci si è interrogati se l’aspirina sia utile anche per gli anziani sani , in assenza di quelle condizioni”.

ASPREE è uno studio internazionale, randomizzato controllato in doppio cieco, che ha arruolato nel 2010 19.114 partecipanti di età pari o superiore a 70 anni (16.703 in Australia e 2411 negli Stati Uniti). Presupposto fondamentale per l’arruolamento era appunto l’assenza di demenza o disabilità fisica e di condizioni mediche che richiedessero l’uso di aspirina. Nella popolazione inclusa nello studio (9525 assegnati  a ricevere l’aspirina e 9589 il placebo), il trattamento con 100 mg al giorno di aspirina a basse dosi non ha influenzato la sopravvivenza libera da demenza o disabilità. Durante un tempo mediano di follow up pari a 4,7 anni sono stati registrati 1052 decessi. Il rischio di mortalità per tutte le cause è stato di 12,7 eventi per 1000 anni-persona nel gruppo assegnato trattato con aspirina e 11,1 eventi per 1000 anni-persona nel gruppo placebo (hazard ratio=1,14; IC 95% da 1,01 a 1,29). Questo effetto dell’aspirina non era stato notato in studi precedenti, quindi occorre cautela nell’interpretazione del risultato. Il tasso più alto di mortalità nel gruppo trattato con aspirina era dovuto principalmente a un maggior numero di morti per cancro. Il rischio di mortalità per tumore è stato infatti di 6,7 eventi per 1000 anni-persona nel gruppo aspirina e 5,1 eventi per 1000 anni-persona nel gruppo placebo (hazard ratio=1,31; IC95% da 1,10 to 1,56) .

“L’aumento delle morti per cancro nei partecipanti allo studio nel gruppo dell’aspirina è stato sorprendente, dato che studi precedenti hanno suggerito che l’uso di aspirina migliora i risultati rispetto al cancro”, ha detto Leslie Ford, NCI Division of Cancer Prevention. “L’analisi di tutti i dati relativi alla mortalità per tumore osservata nel corso dello studio è ancora in corso e finché non avremo dati aggiuntivi, questi risultati dovrebbero essere interpretati con cautela”.

I ricercatori hanno poi analizzato i risultati di ASPREE rispetto agli eventi cardiovascolari, osservando che i tassi per i principali eventi cardiovascolari – tra cui malattia coronarica, attacchi cardiaci non fatali e ictus ischemico fatale e non fatale – erano simili nei gruppi dell’aspirina e del placebo.

Come previsto è stato riscontrato anche un maggior rischio di sanguinamento per l’aspirina, principalmente a livello gastrointestinale e cerebrale. Un sanguinamento clinicamente significativo – ictus emorragico, emorragia cerebrale, emorragie gastrointestinali o emorragie in altri siti che hanno richiesto trasfusione od ospedalizzazione – si è verificato in 361 persone (3,8%) con aspirina e in 265 (2,7%) con placebo.

È importante rilevare che le nuove scoperte non si applicano alle persone con un’indicazione comprovata di aspirina come ictus, infarto o altre malattie cardiovascolari. Inoltre, poiché solo l’11% dei partecipanti aveva assunto aspirina a basse dosi prima di entrare nello studio, i risultati di ASPREE hanno bisogno di ulteriori conferme per stabilire se gli anziani che usano regolarmente l’aspirina per la prevenzione primaria  dovrebbero continuare o interromperne l’uso.

Fonte
McNeil JJ et al. Effect of aspirin on all-cause mortality in the healthy elderly. September 16, 2018. DOI: 10.1056/NEJMoa1803955

Archiviato in , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Accedi agli articoli

Ortel TL et al. American Society of Hematology 2020 guidelines for management of venous thromboembolism: treatment of deep vein thrombosis and pulmonary embolism. Blood Adv 2020; 4(19): 4693-4738.

Chu JJ et al. Mifepristone and misoprostol versus misoprostol alone for the management of missed miscarriage (MifeMiso): a randomised, double-blind, placebo-controlled trial. Lancet 2020 Sep 12;396(10253):770-778.

Vodicka TA et al. Reducing antibiotic prescribing for children with respiratory tract infections in primary care: a systematic review. Br J Gen Pract 2013;63(612):e445-54.

Dominici F, et al. Air pollution, SARS-CoV-2 transmission, and COVID-19 outcomes: a state-of-the-science review of a rapidly evolving research area. medRxiv 2020. doi: https://doi.org/10.1101/2020.08.16.20175901

Marion M Mafham et al. COVID-19 pandemic and admission rates for and management of acute coronary syndromes in England. Lancet 2020;S0140-6736(20)31356-8.

Orkaby AR. Association of statin use with all-cause and cardiovascular mortality in US veterans 75 years and older. JAMA 2020;324(1):68-78

Lethaby AE et al. Progesterone/progestogen releasing intrauterine systems versus either placebo or any other medication for heavy menstrual bleeding. Cochrane Database Syst Rev. 2000;(2):CD002126. doi: 10.1002/14651858.CD002126.

Levis B. Accuracy of the PHQ-2 alone and in combination with the PHQ-9 for screening to detect major depression: systematic review and meta-analysis. JAMA 2020;323(22):2290-2300.

NCD Risk Factor Collaboration (NCD-RisC). Repositioning of the global epicentre of non-optimal cholesterol. Nature 2020 Jun;582(7810):73-77. doi: 10.1038/s41586-020-2338-1. Epub 2020 Jun 3.

Una finestra sull’open access

  • BMC Family Practice
  • BMC Medical Education
  • BMC Nursing
  • BMJ Open
  • PLOS Medicine

Reset della password

Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.