BAL Lazio

Notizie

Un’aspirina al giorno…

Pubblicato lunedì 24 Settembre 2018

L’aspirina giornaliera a basso dosaggio non ha prolungato rispetto al placebo una vita sana e indipendente (cioè libera da demenza o disabilità fisica persistente) in un campione di adulti anziani sani senza precedenti eventi cardiovascolari Questi i primi risultati dell’ampio trial ASPIRIN in Reducing Events in the Elderly (ASPREE), pubblicati in tre articoli sul The New England Journal of Medicine.

“Le linee guida sottolineano i benefici dell’aspirina nella prevenzione di attacchi di cuore e ictus in persone con patologie vascolari come la coronaropatia”, ha detto il direttore della NIA Richard J. Hodes,“Ci si è interrogati se l’aspirina sia utile anche per gli anziani sani , in assenza di quelle condizioni”.

ASPREE è uno studio internazionale, randomizzato controllato in doppio cieco, che ha arruolato nel 2010 19.114 partecipanti di età pari o superiore a 70 anni (16.703 in Australia e 2411 negli Stati Uniti). Presupposto fondamentale per l’arruolamento era appunto l’assenza di demenza o disabilità fisica e di condizioni mediche che richiedessero l’uso di aspirina. Nella popolazione inclusa nello studio (9525 assegnati  a ricevere l’aspirina e 9589 il placebo), il trattamento con 100 mg al giorno di aspirina a basse dosi non ha influenzato la sopravvivenza libera da demenza o disabilità. Durante un tempo mediano di follow up pari a 4,7 anni sono stati registrati 1052 decessi. Il rischio di mortalità per tutte le cause è stato di 12,7 eventi per 1000 anni-persona nel gruppo assegnato trattato con aspirina e 11,1 eventi per 1000 anni-persona nel gruppo placebo (hazard ratio=1,14; IC 95% da 1,01 a 1,29). Questo effetto dell’aspirina non era stato notato in studi precedenti, quindi occorre cautela nell’interpretazione del risultato. Il tasso più alto di mortalità nel gruppo trattato con aspirina era dovuto principalmente a un maggior numero di morti per cancro. Il rischio di mortalità per tumore è stato infatti di 6,7 eventi per 1000 anni-persona nel gruppo aspirina e 5,1 eventi per 1000 anni-persona nel gruppo placebo (hazard ratio=1,31; IC95% da 1,10 to 1,56) .

“L’aumento delle morti per cancro nei partecipanti allo studio nel gruppo dell’aspirina è stato sorprendente, dato che studi precedenti hanno suggerito che l’uso di aspirina migliora i risultati rispetto al cancro”, ha detto Leslie Ford, NCI Division of Cancer Prevention. “L’analisi di tutti i dati relativi alla mortalità per tumore osservata nel corso dello studio è ancora in corso e finché non avremo dati aggiuntivi, questi risultati dovrebbero essere interpretati con cautela”.

I ricercatori hanno poi analizzato i risultati di ASPREE rispetto agli eventi cardiovascolari, osservando che i tassi per i principali eventi cardiovascolari – tra cui malattia coronarica, attacchi cardiaci non fatali e ictus ischemico fatale e non fatale – erano simili nei gruppi dell’aspirina e del placebo.

Come previsto è stato riscontrato anche un maggior rischio di sanguinamento per l’aspirina, principalmente a livello gastrointestinale e cerebrale. Un sanguinamento clinicamente significativo – ictus emorragico, emorragia cerebrale, emorragie gastrointestinali o emorragie in altri siti che hanno richiesto trasfusione od ospedalizzazione – si è verificato in 361 persone (3,8%) con aspirina e in 265 (2,7%) con placebo.

È importante rilevare che le nuove scoperte non si applicano alle persone con un’indicazione comprovata di aspirina come ictus, infarto o altre malattie cardiovascolari. Inoltre, poiché solo l’11% dei partecipanti aveva assunto aspirina a basse dosi prima di entrare nello studio, i risultati di ASPREE hanno bisogno di ulteriori conferme per stabilire se gli anziani che usano regolarmente l’aspirina per la prevenzione primaria  dovrebbero continuare o interromperne l’uso.

Fonte
McNeil JJ et al. Effect of aspirin on all-cause mortality in the healthy elderly. September 16, 2018. DOI: 10.1056/NEJMoa1803955

Archiviato in , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Accedi agli articoli

Ouldali N et al. Association of intravenous immunoglobulins plus methylprednisolone vs immunoglobulins alone with course of fever in multisystem inflammatory syndrome in children. JAMA. February 1, 2021. Epub ahead of print. doi:10.1001/jama.2021.0694

Freedman RA et al. Individualizing surveillance mammography for older patients after treatment for early-stage breast cancer: multidisciplinary expert panel and International Society of Geriatric Oncology Consensus Statement. JAMA Oncol. Published online January 28, 2021. doi:10.1001/jamaoncol.2020.7582

Fontanella CA et al. Association of cannabis use with self-harm and mortality risk among youths with mood disorders. JAMA Pediatr. Published online January 19, 2021. doi:10.1001/jamapediatrics.2020.5494

Goldenberg JZ et al. Efficacy and safety of low and very low carbohydrate diets for type 2 diabetes remission: systematic review and meta-analysis of published and unpublished randomized trial data. BMJ 2021;372:m4743

Huang J, Yang F, Chien W, et al. Risk of substance use disorder and its associations with comorbidities and psychotropic agents in patients with autism. JAMA Pediatr. Published online January 04, 2021.

Ezekowitz JA et al. Is there a sex gap in surviving an acute coronary syndrome or subsequent development of heart failure? Circulation, 30 november 2020.

Collaborative Group on Hormonal Factors in Breast Cancer. Type and timing of menopausal hormone therapy and breast cancer risk: individual participant meta-analysis of the worldwide epidemiological evidence. Lancet 2019;394(10204):1159-68.

Vinogradova Y et al. Use of hormone replacement therapy and risk of breast cancer: nested case-control studies using the QResearch and CPRD databases. BMJ 2020; 371 :m3873

Una finestra sull’open access

  • BMC Family Practice
  • BMC Medical Education
  • BMC Nursing
  • BMJ Open
  • PLOS Medicine

Reset della password

Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.